Discussione:
Libri scolastici in PDF...
Aggiungi Risposta
FrancoP
2021-08-31 14:04:43 UTC
Rispondi
Permalink
Ciao,
Mi sto informando per dei libri scolastici .
Ho visto che, alcuni, sono dei mattoni che pesano un sacco.
Esiste, per ogni libro pubblicato, una versione elettronica in PDF
oppure non la fanno perche' *devono* vendere la carta ?

Grazie
Bernardo Rossi
1970-01-01 00:00:00 UTC
Rispondi
Permalink
Post by FrancoP
Esiste, per ogni libro pubblicato, una versione elettronica in PDF
oppure non la fanno perche' *devono* vendere la carta ?
Anche gli scrittori, editori, stampatori ecc. non vivono di sola
aria, ma per campare hanno bisogno di vile denaro.

Se anche chi scarica i PDF fosse onesto e pagasse la sua quota,
non sarebbe un problema trovarli. Per colpa di qualcuno non si dà
il PDF a nessuno.
--
Roberto Deboni DMIsr
2021-08-31 15:25:16 UTC
Rispondi
Permalink
Post by Bernardo Rossi
Post by FrancoP
Esiste, per ogni libro pubblicato, una versione elettronica in PDF
oppure non la fanno perche' *devono* vendere la carta ?
Anche gli scrittori,
Quelli vanno ovviamente tutelati.
Post by Bernardo Rossi
editori,
Sono utili, se si adeguano ai nuovi mezzi.
Post by Bernardo Rossi
stampatori ecc. non vivono di sola
aria, ma per campare hanno bisogno di vile denaro.
Francamente, non vedo la necessita' (anche se una nicchia per
"amatori" merita di vivere) di sostenere un settore che gia'
oggi e' decotto. Dove sta scritto ?
Post by Bernardo Rossi
Se anche chi scarica i PDF fosse onesto e pagasse la sua quota,
Quindi giustifica il blocco dei PDF (che ormai sono anche la
fonte delle bozze di stampa) verso l'esterno con la pirateria ?
Ci sono molti modi per complicare la vita ai pirati, per
esempio, le norme CEI sono codificati personalmente per ogni
utilizzatore registrato. Se lo sposti su un altro computer,
non funziona.
Post by Bernardo Rossi
non sarebbe un problema trovarli. Per colpa di qualcuno
non si dà il PDF a nessuno.
Scusa pietosa, visto che si puo' stroncare facilmente la
pirateria (anche se con qualche fastidio per gli utilizzatori
paganti ... ma resta il vantaggio di avere tutti i libri
a portata di mano in tasca).

In ogni caso, ci sono autori che sono per la divulgazione piu'
ampio possibile e forniscono liberamente il loro lavoro in PDF.
Basta cercare e chiedere agli studenti degli anni piu' avanti.
Dato che raramente gli autori della "scuola" sono delle cime,
prendere un buon autore alternativo e' una soluzione valida.
Maspunta
2021-09-06 15:18:26 UTC
Rispondi
Permalink
Post by Roberto Deboni DMIsr
Ci sono molti modi per complicare la vita ai pirati, per
esempio, le norme CEI sono codificati personalmente per ogni
utilizzatore registrato. Se lo sposti su un altro computer,
non funziona.
che sono facilmente aggirabili. fatto personalmente, ovviamente non per diffondere il PDF regolarmente acquistato, ma per poterlo comodamente utilizzare su computer diversi di mia proprieta'.

Detto questo, la vendita obbligata di testi scolastici su cui cambiano qualche 'virgola' tanto per poter dire 'dovete comprare la versione di quest'anno perche' quella del 2020 non e' aggiornata' e' una truffa bella e buona per spennare i genitori.
Una volta c'era un fiorente mercato di testi usati... adesso non piu'. Figurarsi se fanno i PDF...
cleber
2021-08-31 15:59:41 UTC
Rispondi
Permalink
Per colpa di Pierino non si dà il PDF a nessuno.
Fix
Gennaro
2021-08-31 15:31:21 UTC
Rispondi
Permalink
Post by FrancoP
Ciao,
Mi sto informando per dei libri scolastici .
Ho visto che, alcuni, sono dei mattoni che pesano un sacco.
Esiste, per ogni libro pubblicato, una versione elettronica in PDF
oppure non la fanno perche' *devono* vendere la carta ?
Grazie
Per varie ragioni non solo per vender carta.
In primis perché sono testi di uso didattico e lo studio serio esige
di sottolineare, creare rimandi ecc ed elettronicamente non è sempre
agevole, anzi.

E poi perché molti per studiare hanno bisogno della carta e non riescono
a video. Se poi si vuole che la scuola ci abitui ad imparare sul modello
degli sms o tweet, allora la questione cambia.

Anche una volta i libri scolastici erano dei mattoni e qualcuno si
portava pure il vocabolarione da casa perché necessario in determinate
occasioni e nessuno fiatava.
Tutti a farsi i muscoli sotto il peso della conoscenza che richiede
impegno e sforzo non solo mentale, perché lo studio era visto come un
investimento per il futuro.
Oggi lo è ancora?
--
Questa email è stata esaminata alla ricerca di virus da AVG.
http://www.avg.com
cleber
2021-08-31 16:08:14 UTC
Rispondi
Permalink
Post by Gennaro
Anche una volta i libri scolastici erano dei mattoni e qualcuno si
portava pure il vocabolarione da casa perché necessario in determinate
occasioni e nessuno fiatava.
Esatto.
Oggi i pupi vengono portati sull'uscio della scuola col gippone (io mi
facevo tutti i giorni il mio chilometro a piedi) e lo zaino/cartella e'
sostituito dal trolley con le rotelle (sia mai che al pupo gli esca l'ernia).
Post by Gennaro
Tutti a farsi i muscoli sotto il peso della conoscenza che richiede
impegno e sforzo non solo mentale, perché lo studio era visto come un
investimento per il futuro.
Oggi lo è ancora?
Scherzi?
Il pensiero principale e' stare sui social e farsi le canne.
FrancoP
2021-08-31 18:43:53 UTC
Rispondi
Permalink
Post by cleber
Post by Gennaro
Anche una volta i libri scolastici erano dei mattoni e qualcuno si
portava pure il vocabolarione da casa perché necessario in determinate
occasioni e nessuno fiatava.
Esatto.
Oggi i pupi vengono portati sull'uscio della scuola col gippone (io mi
facevo tutti i giorni il mio chilometro a piedi) e lo zaino/cartella e'
sostituito dal trolley con le rotelle (sia mai che al pupo gli esca l'ernia).
i testi elettronici favoriscono i poveri, costano meno perche' non devi
pagare la carta, il trasporto, ecc..
Post by cleber
Post by Gennaro
Tutti a farsi i muscoli sotto il peso della conoscenza che richiede
impegno e sforzo non solo mentale, perché lo studio era visto come un
investimento per il futuro.
Oggi lo è ancora?
Scherzi?
Il pensiero principale e' stare sui social e farsi le canne.
eh, signora mia, non ci sono piu' gli studenti di una volta...
rootkit
2021-08-31 22:39:49 UTC
Rispondi
Permalink
Post by FrancoP
i testi elettronici favoriscono i poveri, costano meno perche' non devi
pagare la carta, il trasporto, ecc..
i testi elettronici non sono fruibili senza costose attrezzature, da dare
in mano fra l'altro a bambini di 11-12-13 anni.
e per quanto tu possa sostenere il contrario non sono ne saranno mai
liberi e/o gratuiti.
Roberto Deboni DMIsr
2021-09-01 02:20:59 UTC
Rispondi
Permalink
Post by rootkit
Post by FrancoP
i testi elettronici favoriscono i poveri, costano meno perche' non devi
pagare la carta, il trasporto, ecc..
i testi elettronici non sono fruibili senza costose attrezzature, da dare
in mano fra l'altro a bambini di 11-12-13 anni.
Quanto costerebbe un tablet per uso scolastico ?
Ho un Polaroid da 10 pollici di anni fa preso a 60 euro dalla GDO
che ancora oggi mi permette di leggere a portata di mano una
intera biblioteca. Niente navigazione, ovviamente, ma stiamo
parlando di "libri" oppure dell'ultima novita' sul mercato ?
Post by rootkit
e per quanto tu possa sostenere il contrario non sono ne saranno mai
liberi e/o gratuiti.
Gratuiti, non di certo, ma non ho capito la cosa del "libero".
rootkit
2021-09-01 06:18:21 UTC
Rispondi
Permalink
Post by Roberto Deboni DMIsr
Post by rootkit
Post by FrancoP
i testi elettronici favoriscono i poveri, costano meno perche' non
devi pagare la carta, il trasporto, ecc..
i testi elettronici non sono fruibili senza costose attrezzature, da
dare in mano fra l'altro a bambini di 11-12-13 anni.
Quanto costerebbe un tablet per uso scolastico ?
Ho un Polaroid da 10 pollici di anni fa preso a 60 euro dalla GDO che
ancora oggi mi permette di leggere a portata di mano una intera
biblioteca. Niente navigazione, ovviamente, ma stiamo parlando di
"libri" oppure dell'ultima novita' sul mercato ?
stiamo parlando degli attuali testi in formato elettronico, perché già
ora sono disponibili in doppio formato.
richiedono una app specifica.
Post by Roberto Deboni DMIsr
Post by rootkit
e per quanto tu possa sostenere il contrario non sono ne saranno mai
liberi e/o gratuiti.
Gratuiti, non di certo, ma non ho capito la cosa del "libero".
copiabili e/o prestabili.
Giangi72
2021-09-01 10:44:02 UTC
Rispondi
Permalink
Post by rootkit
Post by Roberto Deboni DMIsr
Post by rootkit
e per quanto tu possa sostenere il contrario non sono ne saranno mai
liberi e/o gratuiti.
Gratuiti, non di certo, ma non ho capito la cosa del "libero".
copiabili e/o prestabili.
No, e neanche esportabili anche solo in parte.
Mia moglie è anche insegnante, quest'anno prima dell'inizio della scuola
voleva prepararsi il programma prendendo parti da un libro, parti da un
altro da integrare al libro di testo.
Niente da fare non c'è stato verso, ha dovuto scrivere tutto a mano.
Giangi
Giangi72
2021-09-01 10:40:54 UTC
Rispondi
Permalink
Post by Roberto Deboni DMIsr
Post by rootkit
i testi elettronici non sono fruibili senza costose attrezzature, da dare
in mano fra l'altro a bambini di 11-12-13 anni.
Quanto costerebbe un tablet per uso scolastico ?
Ho un Polaroid da 10 pollici di anni fa preso a 60 euro dalla GDO
che ancora oggi mi permette di leggere a portata di mano una
intera biblioteca. Niente navigazione, ovviamente, ma stiamo
parlando di "libri" oppure dell'ultima novita' sul mercato ?
Deboni, il tablet da 60€ non lo può usare.
La scuola pretende, giustamente, un tablet uguale per tutti e,
praticamente tutte le scuole si sono orientate su apple.
Prezzo sopra i 400€ e fortunatamente i vari retailer hanno convenzionato
le scuole e si riesce a scroccare un 10% di sconto da una compagnia che
è famosa per non fare sconti.
Senza contare che i "libri" non sono un pdf scrauso ma applicazioni
multimediali veri e proprio.
Lei, come lo ero io prima che mia figlia cominciasse le medie, è rimasto
al libro formato da parole e qualche foto ogni tanto.
I libri odierni, anche i cartacei strano a dirsi, sono multimediali con
video e audio diretti in caso di ebook o linkati in caso di cartaceo.
Il peso di un ebook varia da qualche centinaio di MB a qualche GB (2 e
qualcosa il più grande se non ricordo male).
Giangi

p.p.s. ho scritto giustamente pretende perchè, in pratica, lo gestiscono
loro: account scolastico, manutenzione ordinaria, fino al controllo che
non utilizzino applicazioni diverse da quelle scolastiche o similari
p.s. io odio per mie motivazioni la apple ma, in ambito scolastico visto
come viene utilizzato, sono costretto ad ammettere che non vi erano
molte altre soluzioni.
Roberto Deboni DMIsr
2021-09-01 12:03:36 UTC
Rispondi
Permalink
Post by Giangi72
Post by Roberto Deboni DMIsr
Post by rootkit
i testi elettronici non sono fruibili senza costose attrezzature, da dare
in mano fra l'altro a bambini di 11-12-13 anni.
Quanto costerebbe un tablet per uso scolastico ?
Ho un Polaroid da 10 pollici di anni fa preso a 60 euro dalla GDO
che ancora oggi mi permette di leggere a portata di mano una
intera biblioteca. Niente navigazione, ovviamente, ma stiamo
parlando di "libri" oppure dell'ultima novita' sul mercato ?
Deboni, il tablet da 60€ non lo può usare.
La scuola pretende, giustamente, un tablet uguale per tutti e,
praticamente tutte le scuole si sono orientate su apple.
Cioe' mi sta dicendo che *TUTTI* gli studenti hanno un Apple ?
Oppure che *SOLO* gli studenti benestanti hanno un Apple e gli
altri non hanno *NULLA* perche' e' vietato portare a scuola un
Polaroid da 60 euro ?

Se fosse cosi' mi sembra evidente che lo scopo e' esattamente quello
di dissuadere l'uso dei PDF, ovvero esattamente la tesi dei NO al PDF.
Post by Giangi72
Prezzo sopra i 400€ e fortunatamente i vari retailer hanno convenzionato
le scuole e si riesce a scroccare un 10% di sconto da una compagnia che
è famosa per non fare sconti.
Sono curiosi di capire se mi devo aspettare che in una classa *TUTTI*
anche gli studenti "popolani" hanno un Apple.
Il che sarebbe interessante, visto che la tesi era:

"i testi elettronici non sono fruibili senza costose attrezzature,
da dare in mano fra l'altro a bambini di 11-12-13 anni"
Post by Giangi72
Senza contare che i "libri" non sono un pdf scrauso ma applicazioni
multimediali veri e proprio.
E quindi "molto meglio" di un libro di carta.
Ma anche qui: un PDF non puo' essere scrauso ?
Perche' questa voglia imperante del *O TUTTO O NIENTE* ?
Post by Giangi72
Lei, come lo ero io prima che mia figlia cominciasse le medie,
è rimasto al libro formato da parole e qualche foto ogni tanto.
Ma se non mi conosce, come fa a dirlo ?
Ma ancora una volta, perche' un PDF "scrauso" non potrebbe
andare bene, se cosi' faccendo si amplica la platea ?
Perche' "TUTTO O NIENTE" ?

Tra parentesi, come una volta (all'universita' era tipico) ci si
organizzava per fotocopiare interi libri (rileggando con tanto di
copertina il risultato), oggi si puo' copiare in PDF "scrauso"
un intero libro (oggi non occorre neanche piu' "tagliarlo", come
facevamo con i manuali tecnici, di cui non era vietata la
riproduzione, negli anni '80, onde dare il documento in pasto
alla potente fotocopiatrice fronte-retro degli uffici, perche'
si sono evolute soluzioni come questa:

<Loading Image...>

o in versioni casalinghe:



Ecco un progetto che stampa i materiali necessari in 3D:

<https://arstechnica.com/gadgets/2013/02/diy-book-scanning-is-easier-than-you-think/>

E ormai le copisterie universitarie ve lo fanno a costi "umani".
Notare che il software esistente elimina il 99% dei difetti, anche
le dita se avete una versione economica in cui voi girate le pagine
tenendo il foglio fermo con un dito, ed e' il software che controlla
lo scatto appena voi tenete ferma la pagina per un secondo. Insomma
e' come sfogliare con cura un libro dall'inizio alla fine, al ritmo
di una pagina ogni 2 secondi (e si prendono due facciate al colpo)
quindi un libro tipico di 400 pagine si converte in PDF in 400 secondi,
neanche 8 minuti.
Ma naturalmente si tratta di PDF scrausi ... (ma grazie ad un buon OCR
il testo e' "copiabile"). Ed e' sufficiente che l'autore conceda
un copyleft sulla sua produzione intellettuale.
Post by Giangi72
I libri odierni, anche i cartacei strano a dirsi, sono multimediali con
video e audio diretti in caso di ebook o linkati in caso di cartaceo.
Il peso di un ebook varia da qualche centinaio di MB a qualche GB (2 e
qualcosa il più grande se non ricordo male).
Il mio Polaroid mi permette di inserire una SD card con 32 gigabyte
che mi pare piu' che sufficiente per migliaia di volumi.
Se poi divido i testi per argomenti, sostituendo la SD card per
tema, posso sostituire al volo la SD card e ampliare di un ordine
la capacita'.
Post by Giangi72
Giangi
p.p.s. ho scritto giustamente pretende perchè, in pratica, lo gestiscono
loro: account scolastico, manutenzione ordinaria, fino al controllo che
non utilizzino applicazioni diverse da quelle scolastiche o similari
p.s. io odio per mie motivazioni la apple ma, in ambito scolastico visto
come viene utilizzato, sono costretto ad ammettere che non vi erano
molte altre soluzioni.
Sono curioso di leggere i chiarimenti (obbligo per tutti, "popolani"
incluso o fuori, etc.).
Giangi72
2021-09-01 12:47:15 UTC
Rispondi
Permalink
Post by Roberto Deboni DMIsr
Post by Giangi72
Deboni, il tablet da 60€ non lo può usare.
La scuola pretende, giustamente, un tablet uguale per tutti e,
praticamente tutte le scuole si sono orientate su apple.
Cioe' mi sta dicendo che *TUTTI* gli studenti hanno un Apple ?
Oppure che *SOLO* gli studenti benestanti hanno un Apple e gli
altri non hanno *NULLA* perche' e' vietato portare a scuola un
Polaroid da 60 euro ?
No, le sto dicendo che se vuole iscrivere suo figlio alla sezione
digitale deve avere un tablet apple.
Non esiste ricco e povero, è un prerequisito e devono essere tutti
uguali (a meno che uno non lo abbia già in casa, sempre apple).
Non può iscrivere suo figlio alla sezione digitale con un android, anche
se fosse un megatablet da 1000€
Post by Roberto Deboni DMIsr
Se fosse cosi' mi sembra evidente che lo scopo e' esattamente quello
di dissuadere l'uso dei PDF, ovvero esattamente la tesi dei NO al PDF.
No, non esiste un solo ebook scolastico in pdf, ma non in classe di mia
figlia, ovunque.
TUTTI si appoggiano alle piattaforme di cui parlavo nell'altro messaggio
per ovvi problemi di diritti d'autore.
Post by Roberto Deboni DMIsr
Post by Giangi72
Prezzo sopra i 400€ e fortunatamente i vari retailer hanno
convenzionato le scuole e si riesce a scroccare un 10% di sconto da
una compagnia che è famosa per non fare sconti.
Sono curiosi di capire se mi devo aspettare che in una classa *TUTTI*
anche gli studenti "popolani" hanno un Apple.
Come dicevo sopra è un prerequisito, quindi la risposta è si.
Post by Roberto Deboni DMIsr
"i testi elettronici non sono fruibili senza costose attrezzature,
 da dare  in mano fra l'altro a bambini di 11-12-13 anni"
Questo non l'ho capito.
E' ovvio che bisogna dare "costose attrezzature in mano a bambini di
11-12-13 anni" se si vuole mandarli a scuola.
Se il sottinteso era che possono romperle, si il problema esiste, resta
il fatto che tra le "caratteristiche" richieste c'è che debbano avere
una custodia tipo questa
<https://www.amazon.it/NEWSTYLE-Custodia-Protettiva-Antiurto-Supporto/dp/B07CHFW42B/ref=asc_df_B07CHFW42B/?tag=googshopit-21&linkCode=df0&hvadid=279880902455&hvpos=&hvnetw=g&hvrand=3176043554961968833&hvpone=&hvptwo=&hvqmt=&hvdev=c&hvdvcmdl=&hvlocint=&hvlocphy=1008586&hvtargid=pla-738365072087&psc=1>
Anzi quest'anno, per i nuovi iscritti, hanno cambiato la custodia che
ancora non ho visto ma, mi dicono, protegga anche lo schermo a riposo.
Post by Roberto Deboni DMIsr
Post by Giangi72
Senza contare che i "libri" non sono un pdf scrauso ma applicazioni
multimediali veri e proprio.
E quindi "molto meglio" di un libro di carta.
Ma anche qui: un PDF non puo' essere scrauso ?
Perche' questa voglia imperante del *O TUTTO O NIENTE* ?
Potrei anche darle ragione ma...
Lo dica alle case editrici, ma tutte, perchè tutti i libri scolastici,
compreso, per fare un esempio, educazione fisica, sono fatti nella
stessa maniera.
Eh, si, in educazione fisica hanno anche un libro e fanno anche teoria.
Post by Roberto Deboni DMIsr
Post by Giangi72
Lei, come lo ero io prima che mia figlia cominciasse le medie,
è rimasto  al libro formato da parole e qualche foto ogni tanto.
Ma se non mi conosce, come fa a dirlo ?
Vado per deduzione, io ho una certa età, lei ricordo che è più grande di
me, da cui...
Post by Roberto Deboni DMIsr
Ma ancora una volta, perche' un PDF "scrauso" non potrebbe
andare bene, se cosi' faccendo si amplica la platea ?
Perche' "TUTTO O NIENTE" ?
Legga sopra
Post by Roberto Deboni DMIsr
Tra parentesi, come una volta (all'universita' era tipico) ci si
organizzava per fotocopiare interi libri (rileggando con tanto di
copertina il risultato), oggi si puo' copiare in PDF "scrauso"
un intero libro
Deboni, mi dica, in tutta sincerità.
Se lei avesse una casa editrice preferirebbe rilasciare i suoi libri in
pdf o in un sistema incopiabile?
Come dicevo in un altro messaggio, mia moglie voleva estrarre solo pezzi
di ebook scolastici che aveva e non c'è riuscita.
Post by Roberto Deboni DMIsr
Post by Giangi72
I libri odierni, anche i cartacei strano a dirsi, sono multimediali
con video e audio diretti in caso di ebook o linkati in caso di cartaceo.
Il peso di un ebook varia da qualche centinaio di MB a qualche GB (2 e
qualcosa il più grande se non ricordo male).
Il mio Polaroid mi permette di inserire una SD card con 32 gigabyte
che mi pare piu' che sufficiente per migliaia di volumi.
Se poi divido i testi per argomenti, sostituendo la SD card per
tema, posso sostituire al volo la SD card e ampliare di un ordine
la capacita'.
Ma il sistema android non è utilizzabile con il software scolastico di
gestione dei tablet, sistema che in tempo reale permette al professore
di vedere cosa sta facendo lo studente sul suo tablet, che permette di
duplicare sulla lavagna luminosa lo schermo di uno degli studenti per
interrogazioni o spiegazioni, che permette all'insegnante di installare
in automatico applicazioni o passare appunti o compiti, ...

Si renderà conto che UN sistema lo devono scegliere.
Uno che sia uno e non ennemila ed hanno scelto apple ... perchè era più
facile. Alla scuola arriva chiavi in mano e si risparmia millemila rogne.
Queste sono le app di gestione, queste di controllo, ...
Con android una tale cosa andrebbe gestita autonomamente dalla scuola
con una azienda pinco pallino con tante problematiche connesse.
Senza contare che di android ci sono un milione di tablet, con un
milione di caratteristiche diverse a cominciare da cpu, ram, spazio su
disco e quindi, anche se avessero scelto android, avrebbero dovuto dare
delle indicazioni stringenti per evitare, come dice lei, che ci fossero
stati studenti ricchi e studenti popolani nella stessa classe e quindi
staremmo punto e a capo.
Post by Roberto Deboni DMIsr
Post by Giangi72
p.s. io odio per mie motivazioni la apple ma, in ambito scolastico
visto come viene utilizzato, sono costretto ad ammettere che non vi
erano molte altre soluzioni.
Sono curioso di leggere i chiarimenti (obbligo per tutti, "popolani"
incluso o fuori, etc.).
Spero di essere stato esaustivo.
Giangi
FrancoP
2021-09-01 13:25:47 UTC
Rispondi
Permalink
Il 01/09/2021 14:47, Giangi72 ha scritto:
....
Post by Giangi72
No, le sto dicendo che se vuole iscrivere suo figlio alla sezione
digitale deve avere un tablet apple.
Non esiste ricco e povero, è un prerequisito e devono essere tutti
uguali (a meno che uno non lo abbia già in casa, sempre apple).
Non può iscrivere suo figlio alla sezione digitale con un android, anche
se fosse un megatablet da 1000€
Ed e' una imposizione SCANDALOSA che favorisce un unico produttore, solo
per questo dovrebbe essere assolutamente PROIBITA !

...
Post by Giangi72
TUTTI si appoggiano alle piattaforme di cui parlavo nell'altro messaggio
per ovvi problemi di diritti d'autore.
Ma tua figlia studia in Corea del Nord ? Vista la tua fede politica non
mi sorprenderebbe...

...
Post by Giangi72
Post by Roberto Deboni DMIsr
Sono curiosi di capire se mi devo aspettare che in una classa *TUTTI*
anche gli studenti "popolani" hanno un Apple.
Come dicevo sopra è un prerequisito, quindi la risposta è si.
Non hai detto tutto, per gli studenti e' prevista anche la marchiatura a
fuoco della mela di Apple...
Post by Giangi72
Deboni, mi dica, in tutta sincerità.
Se lei avesse una casa editrice preferirebbe rilasciare i suoi libri in
pdf o in un sistema incopiabile?
Eh si, se lei avesse una moltitudine di schiavi che raccolgono il cotone
sarebbe preferibile dare loro la liberta' ?

...
Post by Giangi72
Ma il sistema android non è utilizzabile con il software scolastico di
gestione dei tablet, sistema che in tempo reale permette al professore
di vedere cosa sta facendo lo studente sul suo tablet, che permette di
duplicare sulla lavagna luminosa lo schermo di uno degli studenti per
interrogazioni o spiegazioni, che permette all'insegnante di installare
in automatico applicazioni o passare appunti o compiti, ...
Urka bisogna informare subito l' 80% degli utenti che usa Android al
posto di iOS..

....
Post by Giangi72
Senza contare che di android ci sono un milione di tablet, con un
milione di caratteristiche diverse ...
Eh, la diffusione dei prodotti e' un MALE, vuoi mettere la comodita' di
avere un solo modello di auto come in URSS ai bei tempi anziche' le
migliaia come adesso ?
...
Post by Giangi72
Spero di essere stato esaustivo.
Giangi
Si certo, imho dovresti trasferiti in Corea del Nord insieme a tua
moglie e figlia, quell' abiente e' a voi congeniale..
Giangi72
2021-09-01 14:53:48 UTC
Rispondi
Permalink
Post by FrancoP
Post by Giangi72
No, le sto dicendo che se vuole iscrivere suo figlio alla sezione
digitale deve avere un tablet apple.
Non esiste ricco e povero, è un prerequisito e devono essere tutti
uguali (a meno che uno non lo abbia già in casa, sempre apple).
Non può iscrivere suo figlio alla sezione digitale con un android,
anche se fosse un megatablet da 1000€
Ed e' una imposizione SCANDALOSA che favorisce un unico produttore, solo
per questo dovrebbe essere assolutamente PROIBITA !
Non è una imposizione scandalosa, si chiama piattaforma.
Ogni scuola decide quale deve essere la sua piattaforma, se non piace si
può iscrivere al corso normale o cambiare scuola.
Sono sicuro che ci sia qualche scuola che utilizzi piattaforme android.
Post by FrancoP
Post by Giangi72
TUTTI si appoggiano alle piattaforme di cui parlavo nell'altro
messaggio per ovvi problemi di diritti d'autore.
Ma tua figlia studia in Corea del Nord ? Vista la tua fede politica non
mi sorprenderebbe...
:-) Quale sarebbe la mia fede politica?
Amici da 30 anni non lo hanno ancora capito e tu si?
Post by FrancoP
Non hai detto tutto, per gli studenti e' prevista anche la marchiatura a
fuoco della mela di Apple...
Come ho già avuto modo di dire io detesto apple, mio fratello mi voleva
regalare un suo vecchio iphone ancora immacolato perchè ne aveva avuto
uno nuovo, io ho declinato, ora è in mano a mia madre ma vabbè.
Post by FrancoP
Post by Giangi72
Senza contare che di android ci sono un milione di tablet, con un
milione di caratteristiche diverse ...
Eh, la diffusione dei prodotti e' un MALE, vuoi mettere la comodita' di
avere un solo modello di auto come in URSS ai bei tempi anziche' le
migliaia come adesso ?
Ma che stai dicendo?
"ragazzi aprite il libro alla pagina 143"
"fatto"
"fatto"
"sta caricando"
"si sta aprendo l'app"
"fatto"
...
Io non ho mai detto che la diffusione di prodotti sia un male, io dico
che in una classe ci si muove insieme, non si può aspettare che uno, che
ha un modello diverso, magari ottimo 3 anni prima ma vecchio ora, faccia
aspettare una classe intera.
In caso di una scuola che scegliesse android le specifiche verrebbero
date lo stesso.
Post by FrancoP
Si certo, imho dovresti trasferiti in Corea del Nord insieme a tua
moglie e figlia, quell' abiente e' a voi congeniale..
Se vabbè ciaone
Giangi
FrancoP
2021-09-01 20:46:28 UTC
Rispondi
Permalink
Il 01/09/2021 16:53, Giangi72 ha scritto:
---
Post by Giangi72
Post by FrancoP
Ma tua figlia studia in Corea del Nord ? Vista la tua fede politica
non mi sorprenderebbe...
:-) Quale sarebbe la mia fede politica?
Amici da 30 anni non lo hanno ancora capito e tu si?
Ti assicuro che non e' difficile...

...
Post by Giangi72
Ma che stai dicendo?
"ragazzi aprite il libro alla pagina 143"
"fatto"
"fatto"
"sta caricando"
"si sta aprendo l'app"
"fatto"
...
Ah si ? Allora :
" ragazzi cercatemi la parola x sul volume di 1000 pagine "

Digitale: Fatto !
A mano: impossibile !


...
Giangi72
2021-09-02 08:16:39 UTC
Rispondi
Permalink
Post by FrancoP
---
Post by Giangi72
Post by FrancoP
Ma tua figlia studia in Corea del Nord ? Vista la tua fede politica
non mi sorprenderebbe...
:-) Quale sarebbe la mia fede politica?
Amici da 30 anni non lo hanno ancora capito e tu si?
Ti assicuro che non e' difficile...
Ti assicuro che affibiandomi una qualunque fede politica sbaglieresti.
E ti ripeto che i pochi amici che hanno fatto questo errore non ci hanno
riprovato e ci hanno rinunciato.
Post by FrancoP
Post by Giangi72
Ma che stai dicendo?
"ragazzi aprite il libro alla pagina 143"
"fatto"
"fatto"
"sta caricando"
"si sta aprendo l'app"
"fatto"
...
" ragazzi cercatemi la parola x sul volume di 1000 pagine "
Digitale: Fatto !
A mano: impossibile !
Ehm, si ma "che c'azzecca" (cit.)?
Si parlava del fatto che, a scuola, bisogna avere tutti i dispositivi
uniformati per evitare di avere discrepanze in termine di velocità e
facilità di utilizzo.
Per questo, ios o android che sia, la scuola deve per forza di cose dare
delle indicazioni sulle caratteristiche dei device.
Giangi
Giangi72
2021-09-02 11:58:15 UTC
Rispondi
Permalink
Post by Giangi72
Si parlava del fatto che, a scuola, bisogna avere tutti i dispositivi
uniformati per evitare di avere discrepanze in termine di velocità e
facilità di utilizzo.
Per questo, ios o android che sia, la scuola deve per forza di cose
dare delle indicazioni sulle caratteristiche dei device.
sbagliato, lo studente si deve dotare del libro di testo previsto, che
questo sia su carta, su pergamena, su pietra scolpita o elettronico alla
scuola non deve fregare, lo studente si gestisce, se non ci riesce sono
.azzi suoi..
Ehm, no.
E' evidente che non sai come si svolgono le lezioni digitali.
Il tutto è molto, "troppo" dinamico e il tuo discorso non regge.
Se tu lo obblighi ad acquistare il libro su carta previsto e lui non lo
legge che fai ?
? che discorso fai?
Lo interroghi e se non sa le cose gli metti un brutto voto.
Come si fa da quando è stata inventata la scuola.
La tua e' una mentalita' da Pol Pot, e' per quello che ti ho detto che
non e' difficile classificare la tua appartenenza politica...
Ed è proprio per questo che ti dicevo di non provare a cercare una mia
fede politica, perchè avevo già capito dove volevi andare a parare.
Giangi
Bernardo Rossi
2021-09-02 12:34:24 UTC
Rispondi
Permalink
Post by Giangi72
Il tutto è molto, "troppo" dinamico e il tuo discorso non regge.
I suoi discorsi non reggono mai.


--
FrancoP
2021-09-02 20:20:31 UTC
Rispondi
Permalink
Il 02/09/2021 13:58, Giangi72 ha scritto:
....
Post by Giangi72
sbagliato, lo studente si deve dotare del libro di testo previsto, che
questo sia su carta, su pergamena, su pietra scolpita o elettronico
alla scuola non deve fregare, lo studente si gestisce, se non ci
riesce sono .azzi suoi..
Ehm, no.
E' evidente che non sai come si svolgono le lezioni digitali.
Il tutto è molto, "troppo" dinamico e il tuo discorso non regge.
Perche' le lezioni dovrebbero essere digitali ?

1) Insegnante alla cattedra
2) Alunni dotati di libro, chi lo ha cartaceo e chi lo ha elettronico.

dove sta il problema ?
Post by Giangi72
Se tu lo obblighi ad acquistare il libro su carta previsto e lui non
lo legge che fai ?
? che discorso fai?
Lo interroghi e se non sa le cose gli metti un brutto voto.
Come si fa da quando è stata inventata la scuola.
Quindi l' apprendere non dipende dal supporto di cui e' fatto il libro,
dipende dalla voglia di studiare...
Post by Giangi72
La tua e' una mentalita' da Pol Pot, e' per quello che ti ho detto che
non e' difficile classificare la tua appartenenza politica...
Ed è proprio per questo che ti dicevo di non provare a cercare una mia
fede politica, perchè avevo già capito dove volevi andare a parare.
Ti vergogni di essere di sinistra ?
Post by Giangi72
Giangi
Ciao
Giangi72
2021-09-03 13:25:58 UTC
Rispondi
Permalink
Post by FrancoP
....
Post by Giangi72
sbagliato, lo studente si deve dotare del libro di testo previsto,
che questo sia su carta, su pergamena, su pietra scolpita o
elettronico alla scuola non deve fregare, lo studente si gestisce, se
non ci riesce sono .azzi suoi..
Ehm, no.
E' evidente che non sai come si svolgono le lezioni digitali.
Il tutto è molto, "troppo" dinamico e il tuo discorso non regge.
Perche' le lezioni dovrebbero essere digitali ?
1) Insegnante alla cattedra
2) Alunni dotati di libro, chi lo ha cartaceo e chi lo ha elettronico.
dove sta il problema ?
Il problema è che stavamo parlando di classe digitale, il libro cartaceo
non esite.
Post by FrancoP
Post by Giangi72
Se tu lo obblighi ad acquistare il libro su carta previsto e lui non
lo legge che fai ?
? che discorso fai?
Lo interroghi e se non sa le cose gli metti un brutto voto.
Come si fa da quando è stata inventata la scuola.
Quindi l' apprendere non dipende dal supporto di cui e' fatto il libro,
dipende dalla voglia di studiare...
??? Ovvio, è sempre stato così
Post by FrancoP
Post by Giangi72
La tua e' una mentalita' da Pol Pot, e' per quello che ti ho detto
che non e' difficile classificare la tua appartenenza politica...
Ed è proprio per questo che ti dicevo di non provare a cercare una mia
fede politica, perchè avevo già capito dove volevi andare a parare.
Ti vergogni di essere di sinistra ?
No, ti volevo risparmiare una brutta figura.
Ripeto, amici di lunga data non hanno mai capito niente.
Giangi
FrancoP
2021-09-03 13:33:58 UTC
Rispondi
Permalink
Il 03/09/2021 15:25, Giangi72 ha scritto:
....
Post by Giangi72
Post by FrancoP
1) Insegnante alla cattedra
2) Alunni dotati di libro, chi lo ha cartaceo e chi lo ha elettronico.
dove sta il problema ?
Il problema è che stavamo parlando di classe digitale, il libro cartaceo
non esite.
No, no io non ho mai inteso la classe digitale, solo sostituire i libri
di carta con libri elettronici..

...
Post by Giangi72
Post by FrancoP
Quindi l' apprendere non dipende dal supporto di cui e' fatto il
libro, dipende dalla voglia di studiare...
??? Ovvio, è sempre stato così
Quindi se uo studia sul libro di carta, sui graffiti sul muro o sul
libro elettronico e' lo stesso, basta che abbia voglia di imparare,
proprio quello che sostenevo io..

...
Post by Giangi72
Post by FrancoP
Ti vergogni di essere di sinistra ?
No, ti volevo risparmiare una brutta figura.
Ripeto, amici di lunga data non hanno mai capito niente.
Giangi
Imho sono troppo *furbi*, hanno capito benissimo ma non te lo dicono
perche' sei permaloso.. :-)

Ciao
Giangi72
2021-09-03 15:00:48 UTC
Rispondi
Permalink
Post by FrancoP
....
Post by Giangi72
Post by FrancoP
1) Insegnante alla cattedra
2) Alunni dotati di libro, chi lo ha cartaceo e chi lo ha elettronico.
dove sta il problema ?
Il problema è che stavamo parlando di classe digitale, il libro
cartaceo non esite.
No, no io non ho mai inteso la classe digitale, solo sostituire i libri
di carta con libri elettronici..
Il discorso era partito dai libri digitali, poi io avevo deviato (mea
culpa) sulle classi digitali, avendo un esempio in casa e quindi tutto
quello scritto sopra a quello si riferiva.
Torniamo IT e lasciamo perdere le classi digitali che hanno deviato
troppo il topic.
Post by FrancoP
Post by Giangi72
Post by FrancoP
Quindi l' apprendere non dipende dal supporto di cui e' fatto il
libro, dipende dalla voglia di studiare...
??? Ovvio, è sempre stato così
Quindi se uo studia sul libro di carta, sui graffiti sul muro o sul
libro elettronico e' lo stesso, basta che abbia voglia di imparare,
proprio quello che sostenevo io..
Ok, quindi tutti d'amore e d'accordo :-)
Post by FrancoP
Post by Giangi72
Post by FrancoP
Ti vergogni di essere di sinistra ?
No, ti volevo risparmiare una brutta figura.
Ripeto, amici di lunga data non hanno mai capito niente.
Giangi
Imho sono troppo *furbi*, hanno capito benissimo ma non te lo dicono
perche' sei permaloso.. :-)
:-) nope
Giangi
Roberto Deboni DMIsr
2021-09-01 15:56:06 UTC
Rispondi
Permalink
Post by Giangi72
Post by Roberto Deboni DMIsr
Post by Giangi72
Deboni, il tablet da 60€ non lo può usare.
La scuola pretende, giustamente, un tablet uguale per tutti e,
praticamente tutte le scuole si sono orientate su apple.
Cioe' mi sta dicendo che *TUTTI* gli studenti hanno un Apple ?
Oppure che *SOLO* gli studenti benestanti hanno un Apple e gli
altri non hanno *NULLA* perche' e' vietato portare a scuola un
Polaroid da 60 euro ?
No, le sto dicendo che se vuole iscrivere suo figlio alla sezione
digitale deve avere un tablet apple.
Le hanno gia' risposto riguardo all portata discriminatoria di
una tale iniqua, anzi, illegale (leggersi la Costituzione) imposizione.
Ovviamente qualcuno sta pigliando favori dalla Apple per una
decisione cosi' "fascista".
Post by Giangi72
Non esiste ricco e povero,
Esisto ricchi e poveri, anche se lei tenta di negarlo.
Post by Giangi72
è un prerequisito e devono essere tutti uguali
E poi che senso ha ? Un momento, ma la sezione digitale ha a che
fare con leggere libri o altro ? La sua logica irrazionale e
divagatoria, oltre che piuttosto sciovinista dal punto di vista
digitale mi fa sospettare fortemente che lei appartiene al mondo
informatico (tutto va "uniformato", se no, apriti cielo).
Post by Giangi72
(a meno che uno non lo abbia già in casa, sempre apple).
Non può iscrivere suo figlio alla sezione digitale con un android,
anche se fosse un megatablet da 1000€
Roba da esposto alla procura. Si tratta di una divieto gravissimo,
Art.3 e art.33 della Costituzione, tanto per cominciare.
E c'e' un forte sospetto di collusione con l'azienda informatica
USA o una azienda informatica locale.
Post by Giangi72
Post by Roberto Deboni DMIsr
Se fosse cosi' mi sembra evidente che lo scopo e' esattamente quello
di dissuadere l'uso dei PDF, ovvero esattamente la tesi dei NO al PDF.
No, non esiste un solo ebook scolastico in pdf, ma non in classe di mia
figlia, ovunque.
Attenzione, per "ebook" si intende un prodotto diverso dal "pdf".
E badi che "ovunque" e' un avverbio che andrebbe usato con cautela.
Post by Giangi72
TUTTI si appoggiano alle piattaforme di cui parlavo nell'altro messaggio
per ovvi problemi di diritti d'autore.
?
Post by Giangi72
Post by Roberto Deboni DMIsr
Post by Giangi72
Prezzo sopra i 400€ e fortunatamente i vari retailer hanno
convenzionato le scuole e si riesce a scroccare un 10% di sconto da
una compagnia che è famosa per non fare sconti.
Sono curiosi di capire se mi devo aspettare che in una classa *TUTTI*
anche gli studenti "popolani" hanno un Apple.
Come dicevo sopra è un prerequisito, quindi la risposta è si.
Insomma, il diritto alle pari opportunita' giu' per lo sciacquone
del cesso. I "popolani" sono tutti fuori dalla classe digitale.
E magari ne siete orgogliosi ? Una classe tutta uniforme a base
dello stesso modello e di Apple. Bello, vero ? Utile anche un
certo concetto politico che si insegna cosi' agli studenti, sulle
diversita' e sulle molteplicita' di soluzioni e mezzi per affrontare
i problemi ? Ma cosa insegnano in questa "classe digitale" ?
Sarei veramente curioso, non e' una domanda retorica.
Ai miei tempi, avere una pluralita' di mezzi e soluzioni era
considerato un fattore di arrichimento. Oggi siamo alla idiocracy
anche istituzionale, per non dire peggio (canagliata politica ?).
Post by Giangi72
Post by Roberto Deboni DMIsr
"i testi elettronici non sono fruibili senza costose attrezzature,
  da dare  in mano fra l'altro a bambini di 11-12-13 anni"
Questo non l'ho capito.
Lo ha scritto rootkit a cui replicavo al suo messaggio
Message-ID: <sgmb3l$nds$***@dont-email.me>.

Lei con la menzione dell'obbligo dell'Apple sopra i 400€ pare avere
sostenuto esattamente la stessa tesi.
Resta poi da chiarire cosa intendeva rootkit sull'eta' (forse che
sarebbero "distruttivi" dei tablet ricevuti ?).
Post by Giangi72
E' ovvio che bisogna dare "costose attrezzature in mano a bambini di
11-12-13 anni" se si vuole mandarli a scuola.
Quindi difende la tesi di rootkit.
Io invece affermo che l'oggetto era quello dei PDF (libri digitali)
e che per fruirne basta un tablet da 60 euro da 10 pollici senza
fronzoli. Attendo di sapere cosa si fa nella "classe digitale".
Post by Giangi72
Se il sottinteso era che possono romperle, si il problema esiste, resta
il fatto che tra le "caratteristiche" richieste c'è che debbano avere
una custodia tipo questa
<https://www.amazon.it/NEWSTYLE-Custodia-Protettiva-Antiurto-Supporto/dp/B07CHFW42B/ref=asc_df_B07CHFW42B/?tag=googshopit-21&linkCode=df0&hvadid=279880902455&hvpos=&hvnetw=g&hvrand=3176043554961968833&hvpone=&hvptwo=&hvqmt=&hvdev=c&hvdvcmdl=&hvlocint=&hvlocphy=1008586&hvtargid=pla-738365072087&psc=1>
Non era mia la tesi dei ragazzini "spacca tutto".
Post by Giangi72
Anzi quest'anno, per i nuovi iscritti, hanno cambiato la custodia che
ancora non ho visto ma, mi dicono, protegga anche lo schermo a riposo.
Post by Roberto Deboni DMIsr
Post by Giangi72
Senza contare che i "libri" non sono un pdf scrauso ma applicazioni
multimediali veri e proprio.
E quindi "molto meglio" di un libro di carta.
Ma anche qui: un PDF non puo' essere scrauso ?
Perche' questa voglia imperante del *O TUTTO O NIENTE* ?
Potrei anche darle ragione ma...
Qualche volta ci incontriamo :-)
Post by Giangi72
Lo dica alle case editrici, ma tutte, perchè tutti i libri scolastici,
compreso, per fare un esempio, educazione fisica, sono fatti nella
stessa maniera.
Credo che quella e' la produzione delle case editrici. Fatte
secondo una loro visione commerciale. Ma non hanno un controllo
totale sui PDF, solo dove hanno l'esclusiva, se l'autore e'
stato incauto o avido.
Post by Giangi72
Eh, si, in educazione fisica hanno anche un libro e fanno anche teoria.
Una volta bastavano una maglietta, pantaloncini corti e le scarpe
di tela :-)
Post by Giangi72
Post by Roberto Deboni DMIsr
Post by Giangi72
Lei, come lo ero io prima che mia figlia cominciasse le medie,
è rimasto  al libro formato da parole e qualche foto ogni tanto.
Ma se non mi conosce, come fa a dirlo ?
Vado per deduzione, io ho una certa età, lei ricordo che è più grande di
me, da cui...
Vero che sono molto avanti negli anni, ma nel 1975 scrivevo
gia' programmi, ha beccato un caso "anomalo" :-)
E nel 1978 ho costruito i miei primi circuiti digitali.
Erano anni quando ancora in Italia un maestro toccava un foglio
preforato (tabulato) con trepida riverenza (cosi' mi ha raccontato
un amico che le usava per far blocknotes per i figli).
Tramite il CERN potevo accedere, grazie alla "dorsale" che
esisteva prima ancora dell'invenzione del WWW da parte di
Berners-Lee, al WSMR, c'era Bitnet, ma senza IP. Poi sono
arrivati i CD che contenevano pezzi per contenuti dell'archivio
WSMR, acquistati per corrispondenza (trovando gli indirizzi
su Byte) che mi permettevano di continuare ad accedere alle
novita', una volta perso l'accesso al CERN. Poi e' arrivato Gopher,
un embrione di catalogazione della rete:

<https://it.wikipedia.org/wiki/Gopher_(informatica)>

Isolato (digital divide) in Europa (Italia) mi sono perso la nascita di
Usenet (1979). Ma ci sono le BBS (e Agora' dal 1993 con
il kit a pochi soldi in una specie di catorcio del latte)
a cui mi collegavo pagando salatamente Telecomitalia (SIP).
Insomma, ho visto gli inizi del mondo digitale, quando in Italia era
facile conoscere almeno la meta' di tutti gli appartenenti del settore.

Ecco, adesso mi viene il magone ...
Post by Giangi72
Post by Roberto Deboni DMIsr
Ma ancora una volta, perche' un PDF "scrauso" non potrebbe
andare bene, se cosi' faccendo si amplia la platea ?
Perche' "TUTTO O NIENTE" ?
Legga sopra
Post by Roberto Deboni DMIsr
Tra parentesi, come una volta (all'universita' era tipico) ci si
organizzava per fotocopiare interi libri (rileggando con tanto di
copertina il risultato), oggi si puo' copiare in PDF "scrauso"
un intero libro
Deboni, mi dica, in tutta sincerità.
Se lei avesse una casa editrice preferirebbe rilasciare i suoi libri in
pdf o in un sistema incopiabile?
E cosa dovrebbe interessarmi della casa editrice ?
Mi interessa l'autore.

Se lei avesse una societa' petrolifera preferirebbe promuovere
fotovoltaico e idrogeno oppure tutto lo spettro di fonti di
energia alternative al petrolio ?

E ho appena descritto come oggi e' banale scavalcare una casa
editrice, se l'autore e' d'accordo con i suoi fruitori (come
era quando il docente universitario invitava i suoi studenti a
fotocopiare il suo libro fuori stampa).
Post by Giangi72
Come dicevo in un altro messaggio, mia moglie voleva estrarre solo pezzi
di ebook scolastici che aveva e non c'è riuscita.
Perche' la casa editrice non ha voluto. E' sufficiente che salvi le
immagini in formato grafico, senza alcun contenuto testuale sottostante.
La casa editrice fa il suo ovvio basso (*) interesse commerciale.
(*) trattandosi di istruzione, c'e' anche un aspetto etico deontologico
che forse la legge dovrebbe imporre sugli editori di testi
scolastici, ma e' una mia opinione ...
Post by Giangi72
Post by Roberto Deboni DMIsr
Post by Giangi72
I libri odierni, anche i cartacei strano a dirsi, sono multimediali
con video e audio diretti in caso di ebook o linkati in caso di cartaceo.
Il peso di un ebook varia da qualche centinaio di MB a qualche GB (2
e qualcosa il più grande se non ricordo male).
Il mio Polaroid mi permette di inserire una SD card con 32 gigabyte
che mi pare piu' che sufficiente per migliaia di volumi.
Se poi divido i testi per argomenti, sostituendo la SD card per
tema, posso sostituire al volo la SD card e ampliare di un ordine
la capacita'.
Ma il sistema android non è utilizzabile con il software scolastico di
gestione dei tablet,> sistema che in tempo reale permette al professore
di vedere cosa sta facendo lo studente sul suo tablet,
E' cosi' "importante" ?
Post by Giangi72
che permette di
duplicare sulla lavagna luminosa lo schermo di uno degli studenti per
interrogazioni o spiegazioni,
Nei nostri (Ordine degli Ingegneri) convegni lo facciamo regolarmente
con i comuni PDF. Poi oggi tutti hanno accesso ai sistemi di
videoconferenza (GoToMeeting, Zoom, Google Meet, ...) che scavalcano
d'un colpo solo ogni software proprietario a livello di una scuola.
Ma la pandemia non vi ha mostrato un "nuovo mondo" digitale ?
Post by Giangi72
che permette all'insegnante di installare
in automatico applicazioni o passare appunti o compiti, ...
Oggi pane ordinario della comunicazione in remoto (home-working,
convegni e corsi a distanza, etc.).
Ma qui stiamo divagando: l'oggetto era quello di permettere allo
studente di avere tutti i libri a portata di mano nel peso e
volume di un semplice tablet da 10 pollici.
Post by Giangi72
Si renderà conto che UN sistema lo devono scegliere.
Insomma, faccio presente che per uccidere una zanzara basta uno
schiacciamosche e lei mi descrive una arma biologica-chimica a
livello militare ?
Post by Giangi72
Uno che sia uno e non ennemila ed hanno scelto apple ... perchè era più
facile. Alla scuola arriva chiavi in mano e si risparmia millemila rogne.
Le "rogne" insegnano molto di piu' di quanto molti considerano.

8>< ---- (divagazione fuori tema)
Giangi72
2021-09-01 16:40:26 UTC
Rispondi
Permalink
Post by Roberto Deboni DMIsr
Post by Giangi72
Post by Roberto Deboni DMIsr
Post by Giangi72
Deboni, il tablet da 60€ non lo può usare.
La scuola pretende, giustamente, un tablet uguale per tutti e,
praticamente tutte le scuole si sono orientate su apple.
Cioe' mi sta dicendo che *TUTTI* gli studenti hanno un Apple ?
Oppure che *SOLO* gli studenti benestanti hanno un Apple e gli
altri non hanno *NULLA* perche' e' vietato portare a scuola un
Polaroid da 60 euro ?
No, le sto dicendo che se vuole iscrivere suo figlio alla sezione
digitale deve avere un tablet apple.
Le hanno gia' risposto riguardo all portata discriminatoria di
una tale iniqua, anzi, illegale (leggersi la Costituzione) imposizione.
Ovviamente qualcuno sta pigliando favori dalla Apple per una
decisione cosi' "fascista".
Deboni, non è che se lei e UNA altra persona dice una cosa allora quella
cosa è vera automaticamente.
Iscriversi alla sezione digitale è una scelta NON obbligatoria.
Esistono le sezioni normali, esistono le altre scuole.
Apple, ripeto per la centesima volta, non gode delle mie simpatie ma
offre soluzioni chiavi in mano.
Android no, perchè è un mondo variegato e diversissimo.
Per quale motivo una scuola dovrebbe sbattersi per mettere su una cosa
arrangiata quando qualcuno propone il classico piatto d'argento?
Post by Roberto Deboni DMIsr
Post by Giangi72
Non esiste ricco e povero,
Esisto ricchi e poveri, anche se lei tenta di negarlo.
Non mi metta in bocca parole non mie tagliando le mie frasi.
Lo scrivo esplicitando "non esiste ricco e povero, in quella classe
perchè sono tutti uguali"
Post by Roberto Deboni DMIsr
Post by Giangi72
è un prerequisito e devono essere tutti uguali
E poi che senso ha ? Un momento, ma la sezione digitale ha a che
fare con leggere libri o altro ? La sua logica irrazionale e
divagatoria, oltre che piuttosto sciovinista dal punto di vista
digitale mi fa sospettare fortemente che lei appartiene al mondo
informatico (tutto va "uniformato", se no, apriti cielo).
Ma che sta dicendo?
E' una scuola, pippo non può rincorrere sempre paperino che ha ogni anno
l'ultimo modello di tablet perchè è figlio di papino. Sono tutti uguali,
non c'è nessuno che corre di più, sono tutti uguali. Per 3 anni nessuno
cambierà tablet e si muoveranno all'unisono, come la classe che sono.
Post by Roberto Deboni DMIsr
Post by Giangi72
(a meno che uno non lo abbia già in casa, sempre apple).
Non può iscrivere suo figlio alla sezione digitale con un android,
anche se fosse un megatablet da 1000€
Roba da esposto alla procura. Si tratta di una divieto gravissimo,
Art.3 e art.33 della Costituzione, tanto per cominciare.
E c'e' un forte sospetto di collusione con l'azienda informatica
USA o una azienda informatica locale.
Deboni la sta facendo fuori dal vaso.
L'accesso alla scuola è garantito, il diritto allo studio è garantito,
ma di cosa stiamo parlando?
Post by Roberto Deboni DMIsr
Post by Giangi72
No, non esiste un solo ebook scolastico in pdf, ma non in classe di
mia figlia, ovunque.
Attenzione, per "ebook" si intende un prodotto diverso dal "pdf".
Veramente lo stavo dicendo io a lei, come mai la situazione si è
invertita? :-)
Post by Roberto Deboni DMIsr
E badi che "ovunque" e' un avverbio che andrebbe usato con cautela.
Non in questo caso, la prego trovi un solo libro scolastico regolarmente
acquistato che sia nativamente in formato pdf.
Post by Roberto Deboni DMIsr
Post by Giangi72
TUTTI si appoggiano alle piattaforme di cui parlavo nell'altro
messaggio per ovvi problemi di diritti d'autore.
?
Cosa non è chiaro?
Quando si acquista un libro scolastico digitale o cartaceo+digitale per
poter usufruire della parte digitale deve accedere a una delle
piattaforme preposte, loggarsi e nella sua area personale troverà i
libri acquistati.
Post by Roberto Deboni DMIsr
Post by Giangi72
Post by Roberto Deboni DMIsr
Post by Giangi72
Prezzo sopra i 400€ e fortunatamente i vari retailer hanno
convenzionato le scuole e si riesce a scroccare un 10% di sconto da
una compagnia che è famosa per non fare sconti.
Sono curiosi di capire se mi devo aspettare che in una classa *TUTTI*
anche gli studenti "popolani" hanno un Apple.
Come dicevo sopra è un prerequisito, quindi la risposta è si.
Insomma, il diritto alle pari opportunita' giu' per lo sciacquone
del cesso. I "popolani" sono tutti fuori dalla classe digitale.
E magari ne siete orgogliosi ? Una classe tutta uniforme a base
dello stesso modello e di Apple. Bello, vero ? Utile anche un
certo concetto politico che si insegna cosi' agli studenti, sulle
diversita' e sulle molteplicita' di soluzioni e mezzi per affrontare
i problemi ? Ma cosa insegnano in questa "classe digitale" ?
Sarei veramente curioso, non e' una domanda retorica.
Ai miei tempi, avere una pluralita' di mezzi e soluzioni era
considerato un fattore di arrichimento. Oggi siamo alla idiocracy
anche istituzionale, per non dire peggio (canagliata politica ?).
Guardi, proprio per farle capire che sbaglia le dico che in classe di
mia figlia 2 studenti avevano un isee basso ed hanno chiesto il tablet
alla scuola. E' arrivato una 15-20 giorni dopo l'inizio ma questo è un
altro discorso. L'anno prima, quello sperimentale, prima dell'inizio
della scuola.
Nella classe di mia moglie per la dad situazione simile.
Non veda complotti dove non ce ne sono.
Post by Roberto Deboni DMIsr
Post by Giangi72
E' ovvio che bisogna dare "costose attrezzature in mano a bambini di
11-12-13 anni" se si vuole mandarli a scuola.
Quindi difende la tesi di rootkit.
Che bisogna sensibilizzare i piccoli sulla responsabilità?
Sicuramente, io a mia figlia ho fatto 2 pa... così prima e durante la
scuola.
Post by Roberto Deboni DMIsr
Io invece affermo che l'oggetto era quello dei PDF (libri digitali)
e che per fruirne basta un tablet da 60 euro da 10 pollici senza
fronzoli. Attendo di sapere cosa si fa nella "classe digitale".
Again?
I professori, in classe, gestiscono il tablet degli studenti sia per
controllo che per fini di lezione.
Senza contare che un solo tecnico gestisce i problemi di tutta la
scuola/studenti avendo una sola infrastruttura/firmware installato.
Basta pensare al wifi, un android lo ha qui un altro lì e le
impostazioni che cambiano ad ogni versione di firmware.
Post by Roberto Deboni DMIsr
Post by Giangi72
Lo dica alle case editrici, ma tutte, perchè tutti i libri scolastici,
compreso, per fare un esempio, educazione fisica, sono fatti nella
stessa maniera.
Credo che quella e' la produzione delle case editrici. Fatte
secondo una loro visione commerciale. Ma non hanno un controllo
totale sui PDF, solo dove hanno l'esclusiva, se l'autore e'
stato incauto o avido.
? Lo ripeto. Io non ho mai visto un libro scolastico in pdf. Lei si? Quale?
Post by Roberto Deboni DMIsr
Post by Giangi72
Eh, si, in educazione fisica hanno anche un libro e fanno anche teoria.
Una volta bastavano una maglietta, pantaloncini corti e le scarpe
di tela :-)
Bhe no, io all'esame di terza media ho avuto una domanda anche da lui.
Post by Roberto Deboni DMIsr
Post by Giangi72
Deboni, mi dica, in tutta sincerità.
Se lei avesse una casa editrice preferirebbe rilasciare i suoi libri
in pdf o in un sistema incopiabile?
E cosa dovrebbe interessarmi della casa editrice ?
Mi interessa l'autore.
Deboni, se il libro lo compra
casa editrice = autore = formato che decidono loro
Non può interessarsi ad uno solo dei 3 punti, sono tutt'uno.
Post by Roberto Deboni DMIsr
E ho appena descritto come oggi e' banale scavalcare una casa
editrice, se l'autore e' d'accordo con i suoi fruitori (come
era quando il docente universitario invitava i suoi studenti a
fotocopiare il suo libro fuori stampa).
Deboni, se un autore scrive un libro, solitamente, non lo fa per una pia
missione, lo fa per guadagnare, magari poco (una sorta di rimborso
spese) ma comunque sempre per guadagnare.
Per un caso di un autore che invita a risparmiare che ne sono centinaia,
forse migliaia, che se vedono una fotocopia ti fanno saltare l'appello,
oppure i molti casi che ho sentito anche da parenti del professore che
firmava la prima pagina del suo libro all'esame in modo che non potesse
essere rivenduto e riciclato da un altro studente.
Post by Roberto Deboni DMIsr
Post by Giangi72
Ma il sistema android non è utilizzabile con il software scolastico di
gestione dei tablet,> sistema che in tempo reale permette al
professore di vedere cosa sta facendo lo studente sul suo tablet,
E' cosi' "importante" ?
Deboni, scherza?
Per questo dicevo che, come me prima di mia figlia e mia moglie è
lontano dalla scuola.
Rispondo alla sua domanda: si, assolutamente. Non ha idea di cosa
debbano fare gli insegnanti oggigiorno, e cosa facciano gli studenti.
Alle medie le pecore nere sono poche ma crescendo aumentano e non
potendo più neanche chiedere l'aiuto dei genitori (per ragioni che ogni
tanto troviamo ai telegiornali) devono controllare costantemente.
Post by Roberto Deboni DMIsr
Post by Giangi72
Si renderà conto che UN sistema lo devono scegliere.
Uno che sia uno e non ennemila ed hanno scelto apple ... perchè era
più facile. Alla scuola arriva chiavi in mano e si risparmia millemila
rogne.
Le "rogne" insegnano molto di piu' di quanto molti considerano.
Le rogne personali, non quelle istituzionali.
Giangi
rail
2021-09-02 12:07:57 UTC
Rispondi
Permalink
Post by Roberto Deboni DMIsr
Roba da esposto alla procura. Si tratta di una divieto gravissimo,
Art.3 e art.33 della Costituzione, tanto per cominciare.
E c'e' un forte sospetto di collusione con l'azienda informatica
USA o una azienda informatica locale.
Vai deboni, procedi con l'esposto alla Procura (si scrive maiuscolo).
Però poi torni e ci dici come ti hanno trattato, pagliaccio che
non sei altro.
rootkit
2021-09-01 16:34:13 UTC
Rispondi
Permalink
Post by Roberto Deboni DMIsr
Post by Giangi72
Deboni, il tablet da 60€ non lo può usare.
La scuola pretende, giustamente, un tablet uguale per tutti e,
praticamente tutte le scuole si sono orientate su apple.
Cioe' mi sta dicendo che *TUTTI* gli studenti hanno un Apple ?
Oppure che *SOLO* gli studenti benestanti hanno un Apple e gli altri non
hanno *NULLA* perche' e' vietato portare a scuola un Polaroid da 60 euro
?
ti sta dicendo che il polaroid da 60€ te lo batti sui c... ginocchi.
Post by Roberto Deboni DMIsr
Se fosse cosi' mi sembra evidente che lo scopo e' esattamente quello di
dissuadere l'uso dei PDF, ovvero esattamente la tesi dei NO al PDF.
non c'è da dissuadere nessun uso dei pdf, semplicemente perché non sono
pdf. sono contenuti proprietari che puoi leggere solo con app
proprietarie, senza poterli esportare ne trasferire di dispositivo.
Post by Roberto Deboni DMIsr
Sono curiosi di capire se mi devo aspettare che in una classa *TUTTI*
anche gli studenti "popolani" hanno un Apple.
"i testi elettronici non sono fruibili senza costose attrezzature,
da dare in mano fra l'altro a bambini di 11-12-13 anni"
questa è una risposta. la tesi era:

"i testi elettronici favoriscono i poveri"

ma non la sostenevo io.
Post by Roberto Deboni DMIsr
Ma ancora una volta, perche' un PDF "scrauso" non potrebbe andare bene,
se cosi' faccendo si amplica la platea ?
non è un problema se potrebbe o no andare bene, è che non è così. non si
tratta di pdf scrausi.
Post by Roberto Deboni DMIsr
Tra parentesi, come una volta (all'universita' era tipico) ci si
organizzava per fotocopiare interi libri (rileggando con tanto di
copertina il risultato), oggi si puo' copiare in PDF "scrauso"
un intero libro (oggi non occorre neanche piu' "tagliarlo", come
facevamo con i manuali tecnici, di cui non era vietata la riproduzione,
negli anni '80, onde dare il documento in pasto alla potente
fotocopiatrice fronte-retro degli uffici, perche'
guarda che nel 2021 non c'è bisogno di passare dalla carta stampata per
avere il formato digitale. non siamo ai tempi di gutemberg.
senza contare che le scansioni producono immagini, che per carità puoi
incorporare in un pdf, ma sempre immagini restano. già i pdf sono
disadatti per tablet/reader, se poi ci aggiungi che contengono immagini e
non il testo buonanotte.
Roberto Deboni DMIsr
2021-09-01 17:44:39 UTC
Rispondi
Permalink
8>< ----
Post by rootkit
Post by Roberto Deboni DMIsr
Tra parentesi, come una volta (all'universita' era tipico) ci si
organizzava per fotocopiare interi libri (rileggando con tanto di
copertina il risultato), oggi si puo' copiare in PDF "scrauso"
un intero libro (oggi non occorre neanche piu' "tagliarlo", come
facevamo con i manuali tecnici, di cui non era vietata la riproduzione,
negli anni '80, onde dare il documento in pasto alla potente
fotocopiatrice fronte-retro degli uffici, perche'
guarda che nel 2021 non c'è bisogno di passare dalla carta stampata per
avere il formato digitale. non siamo ai tempi di gutemberg.
Se l'industria non collabora, occorre forzare la mano ...
Post by rootkit
senza contare che le scansioni producono immagini, che per carità puoi
incorporare in un pdf, ma sempre immagini restano.
Certo, certo, basta cancellare la mia frase:

(ma grazie ad un buon OCR il testo e' "copiabile")

I software anche piu' scadenti per l'acquisizione di libri hanno
tutti un OCR incorporato che restituisce un buon testo (salvo che il
libro non sia veramente in condizioni pietose).
Post by rootkit
già i pdf sono disadatti per tablet/reader,
Perche' ? Io li leggo spesso usando il tablet "scrauso" descritto
quando mi muovo con i mezzi pubblici.
Post by rootkit
se poi ci aggiungi che contengono immagini e non il testo buonanotte.
Ironicamente, e' proprio il prodotto concepito dalle case
editrici come raccontato nella discussione che rende impossibile
copiare, perche' invece i PDF, scaricati dalla rete (archive,
gutenberg, o "strappati" dai libri con il fai-da-te descritto)
sono tutti testuali, ovvero quindi "copia-incollabili".

Tra parentesi, molta della produzione di PDF pubblica (enti o
ex-statali, oggi SPA pompose) hanno dei PDF strani: accettano il
copia-incolla, ma la selezione salta a pezzetti nella pagina ...
una schifezza; ma la fanno apposta ?).

Per fortuna che ho piu' a che fare con produzione PDF estera.
rootkit
2021-09-01 18:42:51 UTC
Rispondi
Permalink
Post by Roberto Deboni DMIsr
Post by rootkit
senza contare che le scansioni producono immagini, che per carità puoi
incorporare in un pdf, ma sempre immagini restano.
(ma grazie ad un buon OCR il testo e' "copiabile")
I software anche piu' scadenti per l'acquisizione di libri hanno tutti
un OCR incorporato che restituisce un buon testo (salvo che il libro non
sia veramente in condizioni pietose).
gli ocr producono un puro file di testo. per intendersi niente
formattazioni, niente titoli, niente paragrafi, niente elenchi, niente
immagini, niente formule.
realmente pensi di digitalizzare così un testo di geografia, o di
matematica, o di chimica, o di musica?
ma di cosa stiamo parlando?
Giangi72
2021-09-02 07:56:05 UTC
Rispondi
Permalink
Post by Roberto Deboni DMIsr
Post by rootkit
senza contare che le scansioni producono immagini, che per carità puoi
incorporare in un pdf, ma sempre immagini restano.
(ma grazie ad un buon OCR il testo e' "copiabile")
I software anche piu' scadenti per l'acquisizione di libri hanno
tutti un OCR incorporato che restituisce un buon testo (salvo che il
libro non sia veramente in condizioni pietose).
Deboni, scansioni un libro scientifico e poi ne riparliamo.
Un qualunque libro che abbia una formula, non esiste un ocr valido.
Post by Roberto Deboni DMIsr
Post by rootkit
già i pdf sono disadatti per tablet/reader,
Perche' ? Io li leggo spesso usando il tablet "scrauso" descritto
quando mi muovo con i mezzi pubblici.
I pdf non sono "leggibili" sui tablet ed ebook reader perchè non si
adattano alla visualizzazione e bisogna spostarsi continuamente sulla
pagina.
Un ebook qualunque invece si adatta, posso avere carattere 10 o 100 e
non gli fa un baffo.
Post by Roberto Deboni DMIsr
Tra parentesi, molta della produzione di PDF pubblica (enti o
ex-statali, oggi SPA pompose) hanno dei PDF strani: accettano il
copia-incolla, ma la selezione salta a pezzetti nella pagina ...
una schifezza; ma la fanno apposta ?).
Perchè non sono pdf classici, sono un formato particolare (pdf-a se non
ricordo male, ma potri sbagliarmi) che ha delle limitazioni ma
permettono di inserire determinate protezioni.
Infatti la pubblica mministrazione non accetta pdf normali.

Giangi
Roberto Deboni DMIsr
2021-09-02 14:20:54 UTC
Rispondi
Permalink
Post by Giangi72
Post by Roberto Deboni DMIsr
Post by rootkit
senza contare che le scansioni producono immagini, che per carità puoi
incorporare in un pdf, ma sempre immagini restano.
(ma grazie ad un buon OCR il testo e' "copiabile")
I software anche piu' scadenti per l'acquisizione di libri hanno
tutti un OCR incorporato che restituisce un buon testo (salvo che il
libro non sia veramente in condizioni pietose).
Deboni, scansioni un libro scientifico e poi ne riparliamo.
Un qualunque libro che abbia una formula, non esiste un ocr valido.
Ed ancora con questi convincimenti assoluti ...
Post by Giangi72
Post by Roberto Deboni DMIsr
Post by rootkit
già i pdf sono disadatti per tablet/reader,
Perche' ? Io li leggo spesso usando il tablet "scrauso" descritto
quando mi muovo con i mezzi pubblici.
I pdf non sono "leggibili" sui tablet ed ebook reader perchè non si
adattano alla visualizzazione e bisogna spostarsi continuamente sulla
pagina.
Ma che sta a berciare ?
NON HA MAI LETTO UN PDF su un tablet se scrive di queste
scemenze!
Post by Giangi72
Un ebook qualunque invece si adatta, posso avere carattere 10 o 100 e
non gli fa un baffo.
Esattamente come il PDF.
E sa quale e' il vantaggio che piu' apprezzo di leggere il
documento in PDF piuttosto che l'originale in cartaceo ?
Proprio la possibilita' di potere zoomare quando ci sono
grafici cosi' fitti che ci vuole la lente di ingrandimento.
Ma la pagina posso farla stare giusto nella schermata
del tablet da 10 pollici (9,5-10-10,5 e' sempre lo stesso,
per i pignoli) e leggerla come se fosse il cartaceo.
Post by Giangi72
Post by Roberto Deboni DMIsr
Tra parentesi, molta della produzione di PDF pubblica (enti o
ex-statali, oggi SPA pompose) hanno dei PDF strani: accettano il
copia-incolla, ma la selezione salta a pezzetti nella pagina ...
una schifezza; ma la fanno apposta ?).
Perchè non sono pdf classici, sono un formato particolare (pdf-a se non
ricordo male, ma potri sbagliarmi) che ha delle limitazioni ma
permettono di inserire determinate protezioni.
A che scopo Terna, ENEL, Arera, e cosi' via mi vogliono mettere
protezioni ? Solo per "rompere" gli utilizzatori dei documenti ?
Post by Giangi72
Infatti la pubblica mministrazione non accetta pdf normali.
E questo cosa diamine c'entra ? Si parte dal fatto che si possa
o meno avere i libri in PDF e poi si tira fuori la classe
informatica (o digitale, che e' un altro argomento), e ora siamo
arrivati a cio' che accetta l'amimnistrazione pubblica ?
Certo che come glissamenti dall'oggetto dell'OP siete proprio
furbetti ... pur di schivare la questione.

E' possibile avere tutto su PDF ed a costi "popolari".
Che poi fatte parte della cricca che ci lucra sopra sugli
ostacoli e' un vostro problema.

L'unica cosa da fare a questo punto e' un progetto italiano
simili "Gutenberg" di volontariato per convertire i libri di
testo piu' usati (senza diritti d'autore) in PDF e permettere a
chi non partecipa alle classi digitali (e chi se ne importa!) di
avere tutti i libri che gli servono in un tablet da 60 euro,
il che significa anche risparmiare.
In quanto ai docenti bastardi che lucrano sui propri libri, in
genere di bassa qualita', obbligando gli studenti all'acquisto,
sarebbe compito dei consigli dei genitori a rimetterli in riga.
Giangi72
2021-09-03 13:23:04 UTC
Rispondi
Permalink
Post by Roberto Deboni DMIsr
Post by Giangi72
Deboni, scansioni un libro scientifico e poi ne riparliamo.
Un qualunque libro che abbia una formula, non esiste un ocr valido.
Ed ancora con questi convincimenti assoluti ...
Deboni, ma porca di una miseria, perchè ogni discorso con lei va a
finire così?
Le vengo incontro: mi cita un ocr "commerciale" o gratuito che funziona
anche con formule?
Ho scritto "commerciale" perchè in ambiti universitari o di megaziende
ci sono ma non sono accessibili alla gente.
Post by Roberto Deboni DMIsr
Post by Giangi72
Post by Roberto Deboni DMIsr
Post by rootkit
già i pdf sono disadatti per tablet/reader,
Perche' ? Io li leggo spesso usando il tablet "scrauso" descritto
quando mi muovo con i mezzi pubblici.
I pdf non sono "leggibili" sui tablet ed ebook reader perchè non si
adattano alla visualizzazione e bisogna spostarsi continuamente sulla
pagina.
Ma che sta a berciare ?
NON HA MAI LETTO UN PDF su un tablet se scrive di queste
scemenze!
"Deboni, ma porca di una miseria, perchè ogni discorso con lei va a
finire così?" (cit. mia)
Post by Roberto Deboni DMIsr
Post by Giangi72
Un ebook qualunque invece si adatta, posso avere carattere 10 o 100 e
non gli fa un baffo.
Esattamente come il PDF.
Deboni mi pare che lei non sappia cosa sia un pdf e cosa sia un ebook.
Un pdf è una "foto" di un libro e, PER DEFINIZIONE, non è adattabile se
non con lo zoom. Quindi se va in una pagina bene, altrimenti deve
aumentare lo zoom e spostarsi a manina nella pagina.
Un ebook invece può zoommarlo in o out e, il suo testo, occuperò sempre
la pagina intera adattandosi ad essa.
Post by Roberto Deboni DMIsr
E sa quale e' il vantaggio che piu' apprezzo di leggere il
documento in PDF piuttosto che l'originale in cartaceo ?
Proprio la possibilita' di potere zoomare quando ci sono
grafici cosi' fitti che ci vuole la lente di ingrandimento.
Ecco, appunto CVD
Post by Roberto Deboni DMIsr
Ma la pagina posso farla stare giusto nella schermata
del tablet da 10 pollici (9,5-10-10,5 e' sempre lo stesso,
per i pignoli) e leggerla come se fosse il cartaceo.
Post by Giangi72
Post by Roberto Deboni DMIsr
Tra parentesi, molta della produzione di PDF pubblica (enti o
ex-statali, oggi SPA pompose) hanno dei PDF strani: accettano il
copia-incolla, ma la selezione salta a pezzetti nella pagina ...
una schifezza; ma la fanno apposta ?).
Perchè non sono pdf classici, sono un formato particolare (pdf-a se
non ricordo male, ma potri sbagliarmi) che ha delle limitazioni ma
permettono di inserire determinate protezioni.
A che scopo Terna, ENEL, Arera, e cosi' via mi vogliono mettere
protezioni ? Solo per "rompere" gli utilizzatori dei documenti ?
Lo chieda a loro.
Post by Roberto Deboni DMIsr
Post by Giangi72
Infatti la pubblica mministrazione non accetta pdf normali.
E questo cosa diamine c'entra ? Si parte dal fatto che si possa
o meno avere i libri in PDF e poi si tira fuori la classe
informatica (o digitale, che e' un altro argomento), e ora siamo
arrivati a cio' che accetta l'amimnistrazione pubblica ?
Certo che come glissamenti dall'oggetto dell'OP siete proprio
furbetti ... pur di schivare la questione.
Deboni, ma che sta a dì? Se la suona e se la canta da solo?
1) è lei che ha fatto la domanda sulla pubblica amministrazione, io ho
solo risposto con la mia esperienza dandole una giustificazione. Che poi
sia giusta o no a me non frega niente perchè non è una decisione che ho
preso io
2) all'op io ho risposto al mio primo post. Ripeto "non esistono libri
scolastici in pdf" nel caso le siano sfuggite le millemila ripetizioni
che ho già fornito
Post by Roberto Deboni DMIsr
L'unica cosa da fare a questo punto e' un progetto italiano
simili "Gutenberg" di volontariato per convertire i libri di
testo piu' usati (senza diritti d'autore) in PDF e permettere a
chi non partecipa alle classi digitali (e chi se ne importa!) di
avere tutti i libri che gli servono in un tablet da 60 euro,
il che significa anche risparmiare.
Deboni, lei di libri scolastici non più usati, ne trova quanti ne vuole
in pdf, basta una semplice ricerca. Qundi si può risparmiare la fatica.
Quello che non trova sono i libri scolastici attualmente utilizzati
nelle scuole d'Italia, le devo rispiegare perchè? Sono coperti da
diritto d'autore e il pdf non permette una protezione adeguata.
Post by Roberto Deboni DMIsr
In quanto ai docenti bastardi che lucrano sui propri libri, in
genere di bassa qualita', obbligando gli studenti all'acquisto,
sarebbe compito dei consigli dei genitori a rimetterli in riga.
Alle scuole dell'obbligo non ho mai visto o sentito di un maestro o
professore che utilizzi suoi libri.
I casi di cui parlavamo io e l'altro utente erano universitari e, il
consiglio dei genitori, ...
Giangi
Roberto Deboni DMIsr
2021-09-03 23:00:12 UTC
Rispondi
Permalink
8>< ....
Post by Giangi72
Post by Roberto Deboni DMIsr
Post by Giangi72
Un ebook qualunque invece si adatta, posso avere carattere 10 o 100 e
non gli fa un baffo.
Esattamente come il PDF.
Deboni mi pare che lei non sappia cosa sia un pdf e cosa sia un ebook.
Un pdf è una "foto" di un libro e, PER DEFINIZIONE,
!!! ???

Le insegnero qualcosa ora, anche se nel seguito rispondero
nella ipotesi che si e' fatta lei del PDF come "fisso".

IL PDF e' un formato che riunisce insieme immagini e formattazione
di testi. Se un PDF e' fatto *solo* di immagini, allora non potra'
MAI far copia ed incolla di testi, cosa che invece in genere i PDF
permettono di fare. E se il PDF e' aperto, permette anche di
variare la dimensione dei caratteri, con riformattazione dinamica
della pagina, quella che lei chiama "zoomare", ma che in realta' e'
tutto meno che uno "zoom".
Ma vista la sua ignoranza sui PDF, facciamo finta che non sia
possibile, che non esistano, e teniamo per buono i suoi
assoluti convincimenti (non c'e' piu' ignorante di chi,
sbagliando, si crede edotto).
Post by Giangi72
non è adattabile se non con lo zoom.
Forse abbiamo dei problemi ad intenderci. Io descrivo la pratica,
cio' che si fa, cio' che funziona e lei invece si perde nei
meandri di qualche sua astratta teoria/convicimento sui
funzionamenti interni per cui il risultato finale e' simile
o diverso ad una "zoomata". Ma gli scemi, capitano tutti a me ?
Post by Giangi72
Quindi se va in una pagina bene, altrimenti deve
aumentare lo zoom e spostarsi a manina nella pagina.
Ma che sta a scrivere ? Cosa significa "se va in una pagina" ?
Con lo zoom posso *sempre* farcela stare in una pagina.
Forse con gli ebook ci sono dei limiti (non li uso, quindi
non posso sapere), ma con i PDF sul mio tablet android
oppure sul PC con Linux, non ci sono limiti a ridurre.
Semmai c'e' un limite ad ingrandire (400% o 800% a seconda
della applicazione), ma solo poche volte mi e' servito arrivare
ad ingrandimento del genere e si trattava di pagina in formato A0
(sa cosa significa A0, vero ?).
Post by Giangi72
Un ebook invece può zoommarlo in o out e, il suo testo, occuperò
sempre la pagina intera adattandosi ad essa.
Mi faccia capire, sta parlando di un "zoommata" con un carattere
che pero' rimane sempre della stessa dimensione ? Ovvero non e'
vero che sia simile ad un zoom ottico, ma le definisce "zoom"
quella che in realta' e' una reimpaginazione del testo ?
Francemente, se ho capito bene, non ne capisco l'utilita'.

Sul tablet, usando due dita, posso, con un semplice gesto segnalare
che voglio la pagina a schermo intero. Se poi, nonostante lo
schermo da 10", qualche dettaglio mi risulta troppo fine, posso
ampliare. Ma ora comincio a capire cio' che lei non capisce:
lo schermo da 10 pollici e' la misura giusta per me, per leggere
un figlio A4 (che invero sarebbe un po' piu' grande), dato che
essendo miope, mi trovo bene a leggere da vicino. Se e' quello
il problema, vuol dire che allora a voi serve uno schermo da
16 pollici, e tutto torna a posto. E' cosi' che sono arrivato
al 10 pollici, dopo avere provato per prima un piu' economico
7 pollici e osservato che mi toccava fare come lei ha descritto.
Lei in sostanza trova "bello" che l'ebook le permette di
ingrandire i caratteri, "riformattando" il testo in modo da
occupare solo la pagina visibile. Ebbene, a me questo non appare
affatto un vantaggio, perche' cio' che leggo sono pubblicazioni
con diagrammi e fotografie che preferisco vedere sempre nella
stessa posizione (gia' wikipedia mi irrita certe volte, con
il suo posizionamento dinamico stile pagine web; anzi, quando
leggo un giornale sul web, la prima cosa che faccio e' cliccare
su "Enter Reader View" che mi congela l'intera pagina, bloccando
tutto i movimenti, i filmati, i riposizionamenti, i pop-up e
altre scemenze fatte per tediare il lettore).
Infatti io leggo "ad immagini" e il testo lo ritrovo ricordando
la posizione nel testo. Se mi sposta il testo, devo passare dalla
memoria visiva a quella testuale, che e' piu' "lenta".
Con la lettura "visiva" si leggono 200 pagine in un'ora, la
sfido a fare lo stesso con la lettura "testuale".

In ogni caso, la questione di fondo e' che lei si e' inventato
un suo significato di "zoomare" che in realta' e' una "riformattazione"
ed e' cosi' ottuso da non capire che inventandosi un suo linguaggio,
oltretutto, senza alcuna voglia di spiegarsi, si rende incomprensibile.
Post by Giangi72
Post by Roberto Deboni DMIsr
E sa quale e' il vantaggio che piu' apprezzo di leggere il
documento in PDF piuttosto che l'originale in cartaceo ?
Proprio la possibilita' di potere zoomare quando ci sono
grafici cosi' fitti che ci vuole la lente di ingrandimento.
Ecco, appunto CVD
Quindi sugli ebook riformattano anche le foto ?
Sono curioso di vedere il risultato ...
Ma forse sugli ebook non ci sono foto ...

8>< ----
Post by Giangi72
Post by Roberto Deboni DMIsr
In quanto ai docenti bastardi che lucrano sui propri libri, in
genere di bassa qualita', obbligando gli studenti all'acquisto,
sarebbe compito dei consigli dei genitori a rimetterli in riga.
Alle scuole dell'obbligo non ho mai visto o sentito di un maestro o
professore che utilizzi suoi libri.
Da noi alle superiore succedeva. Sono contento che i tempi siano
cambiati. Ma forse dipende dal prestigio della scuola: nelle
scuole minori, gli "insegnanti" e' improbabile che abbiano
pubblicato dei propri titoli. Pero', ora che mi ricordo (stiamo
parlando di un altra epoca, ricordi che mi sembrano ormai "sogni")
c'era anche l'altro "male", quello della casa editrice che "invogliava"
il maestro a proporre certi titoli, certe versioni, e il risultato
era simile.

8>< ---- (solo chi non ha fatto l'universita' puo' pensare che il
consiglio dei genitori si riferisce alla universita' ...)
Giangi72
2021-09-06 09:42:15 UTC
Rispondi
Permalink
Post by Roberto Deboni DMIsr
Post by Giangi72
Post by Roberto Deboni DMIsr
Post by Giangi72
Un ebook qualunque invece si adatta, posso avere carattere 10 o 100
e non gli fa un baffo.
Esattamente come il PDF.
Deboni mi pare che lei non sappia cosa sia un pdf e cosa sia un ebook.
Un pdf è una "foto" di un libro e, PER DEFINIZIONE,
!!! ???
Le insegnero qualcosa ora, anche se nel seguito rispondero
nella ipotesi che si e' fatta lei del PDF come "fisso".
IL PDF e' un formato che riunisce insieme immagini e formattazione
di testi. Se un PDF e' fatto *solo* di immagini, allora non potra'
MAI far copia ed incolla di testi, cosa che invece in genere i PDF
permettono di fare. E se il PDF e' aperto, permette anche di
variare la dimensione dei caratteri, con riformattazione dinamica
della pagina, quella che lei chiama "zoomare", ma che in realta' e'
tutto meno che uno "zoom".
Deboni, la sta facendo fuori dal vaso.
Io ho detto che "Un pdf è una "foto" di un libro" non ho assolutamente
detto che è fatto solo di immagini.
Sono 2 cose completamente diverse e il fatto che abbia capito quello che
ha capito dimostra che non conosce i pdf.
Post by Roberto Deboni DMIsr
Ma vista la sua ignoranza sui PDF, facciamo finta che non sia
possibile, che non esistano, e teniamo per buono i suoi
assoluti convincimenti (non c'e' piu' ignorante di chi,
sbagliando, si crede edotto).
Sta parlando di lei immagino
Post by Roberto Deboni DMIsr
Post by Giangi72
non è adattabile se non con lo zoom.
Forse abbiamo dei problemi ad intenderci. Io descrivo la pratica,
cio' che si fa, cio' che funziona e lei invece si perde nei
meandri di qualche sua astratta teoria/convicimento sui
funzionamenti interni per cui il risultato finale e' simile
o diverso ad una "zoomata". Ma gli scemi, capitano tutti a me ?
No a me.
Scemi e maleducati, stavamo parlando tranquillamente poi, come al solito
parte con le sue convinzioni e chiunque non la pensa come lei diventa
automaticamente scemo.
Post by Roberto Deboni DMIsr
Post by Giangi72
Quindi se va in una pagina bene, altrimenti deve aumentare lo zoom e
spostarsi a manina nella pagina.
Ma che sta a scrivere ? Cosa significa "se va in una pagina" ?
Con lo zoom posso *sempre* farcela stare in una pagina.
Deboni, un pdf ci sta sempre in una pagina, che sia un cellulare da 3" o
un tablet da 10" ci sta sempre ... il problema è riuscire a leggerci
qualcosa.
Se è troppo piccolo che cosa fa? Ah, esiste lo zoom. Ah ma poi leggo un
pezzo alla volta e poi MI DEVO SPOSTARE.
Post by Roberto Deboni DMIsr
Forse con gli ebook ci sono dei limiti (non li uso, quindi
non posso sapere), ma con i PDF sul mio tablet android
oppure sul PC con Linux, non ci sono limiti a ridurre.
Semmai c'e' un limite ad ingrandire (400% o 800% a seconda
della applicazione), ma solo poche volte mi e' servito arrivare
ad ingrandimento del genere e si trattava di pagina in formato A0
(sa cosa significa A0, vero ?).
Deboni, la sua saccenza oltre che molto maleducata è ridicola.
Fatto è che parla di zoom con i pdf, strano vero?

Per sua conoscenza gli ebook non hanno i limiti che invece hanno i pdf.
Post by Roberto Deboni DMIsr
Post by Giangi72
Un ebook invece può zoommarlo in o out e, il suo testo, occuperò
sempre la pagina intera adattandosi ad essa.
Mi faccia capire, sta parlando di un "zoommata" con un carattere
che pero' rimane sempre della stessa dimensione ? Ovvero non e'
vero che sia simile ad un zoom ottico, ma le definisce "zoom"
quella che in realta' e' una reimpaginazione del testo ?
DEBONI, io stavo parlando di zoom per farmi capire da lei che
PALESEMENTE non stava capendo quello che stavo dicendo.
E poi non "rimane sempre della stessa dimensione", altrimenti anche il
mio esempio di zoom non serve a niente.
Negli ebook si fa con le classiche 2 dita o tramite menu, ed è una
reimpaginazione variando proprio la dimensione dei caratteri.
Giusto per fare un esempio fino a qualche tempo fa io usavo da sempre
una dimensione, con l'età la vista è peggiorata, ho modificato la
dimensione dei caratteri. Risultato: meno caratteri su schermo ma più
grandi.
Spero che ora le sia chiaro.
Post by Roberto Deboni DMIsr
Francemente, se ho capito bene, non ne capisco l'utilita'.
Lo avevo capito.
Post by Roberto Deboni DMIsr
Sul tablet, usando due dita, posso, con un semplice gesto segnalare
che voglio la pagina a schermo intero. Se poi, nonostante lo
schermo da 10", qualche dettaglio mi risulta troppo fine, posso
ampliare.
Appunto, zoommare vedendo una parte della pagina ma più grande e se
voglio vedere il resto devo ... SPOSTARMI
:-)
Con i pdf ci lavoro ogni giorno, gli ebook li uso per leggere libri nel
tempo libero, uno di noi 2 non capisce ma dubito di essere io :-)
Post by Roberto Deboni DMIsr
lo schermo da 10 pollici e' la misura giusta per me, per leggere
un figlio A4 (che invero sarebbe un po' piu' grande), dato che
essendo miope, mi trovo bene a leggere da vicino. Se e' quello
il problema, vuol dire che allora a voi serve uno schermo da
16 pollici, e tutto torna a posto. E' cosi' che sono arrivato
al 10 pollici, dopo avere provato per prima un piu' economico
7 pollici e osservato che mi toccava fare come lei ha descritto.
Deboni, ma perchè sta deviando bruscamente su quale sarebbe la
dimensione di schermo giusta?
Lo capisce che non ce ne frega niente?
Stavamo parlando di altro, della differenza tra ebook e pdf, di come
leggerli, nello specifico dello zoom. Perchè mi parla di schermo?
Facciamo che io sia al limite della cecità, abbia un tablet da 20", e
debba leggere un pdf e un ebook.
Pdf = zoom e poi mi devo spostare con la manina
Ebook = ingrandisco il carattere e basta
Post by Roberto Deboni DMIsr
Lei in sostanza trova "bello" che l'ebook le permette di
ingrandire i caratteri, "riformattando" il testo in modo da
occupare solo la pagina visibile. Ebbene, a me questo non appare
affatto un vantaggio, perche' cio' che leggo sono pubblicazioni
con diagrammi e fotografie
E un bel chissenefrega?
Lei vuole fare del suo caso particolare un caso generale.
Post by Roberto Deboni DMIsr
In ogni caso, la questione di fondo e' che lei si e' inventato
un suo significato di "zoomare" che in realta' e' una "riformattazione"
ed e' cosi' ottuso da non capire che inventandosi un suo linguaggio,
oltretutto, senza alcuna voglia di spiegarsi, si rende incomprensibile.
Veramente lo avevo detto e spiegato. E ripeto avevo scritto zoom perchè
avevo perfettamente capito che lei non aveva dimestichezza con gli ebook
e non stava capendo.
Post by Roberto Deboni DMIsr
Ma forse sugli ebook non ci sono foto ...
In linea di massima no, se ci sono, solitamente la copertina e poco
altro non sono zoommabili: la dimensione che l'editore decide rimane.
Post by Roberto Deboni DMIsr
8>< ---- (solo chi non ha fatto l'universita' puo' pensare che il
          consiglio dei genitori si riferisce alla universita' ...)
Ah ah, mi dispiace per lei ma:
1) io il pezzo di carta ce l'ho
2) è riuscito a ribaltare anche questa mia frase "I casi di cui
parlavamo io e l'altro utente erano universitari e, il consiglio dei
genitori, ... ". Pensavo che fosse chiaro come continuasse la frase ma
lei ha preso il vizio di attaccarsi al nulla per insultare
l'interlocutore allora la termino anche per i non capenti così le tolgo
anche questo appiglio infantile "... all'università non esiste".
Giangi
FrancoP
2021-09-01 12:30:09 UTC
Rispondi
Permalink
Il 01/09/2021 12:40, Giangi72 ha scritto:
....
Post by Giangi72
Deboni, il tablet da 60€ non lo può usare.
La scuola pretende, giustamente, un tablet uguale per tutti e,
praticamente tutte le scuole si sono orientate su apple.
L' ho sempre detto che la scuola italiana e' un *regime*, anche
corrotto, vedo...

...
Post by Giangi72
I libri odierni, anche i cartacei strano a dirsi, sono multimediali con
video e audio diretti in caso di ebook o linkati in caso di cartaceo.
Che e' una cazzata sesquipedale, tesa ad imitare *male* internet &
youtube per *castrare* il lettore.
Lasciamo che i testi vengano scritti in pdf ed i mutimediali nei
programmi standard diffusi nel globo, la conoscenza dovrebbe essere
*orizzontale*...

....
Post by Giangi72
p.p.s. ho scritto giustamente pretende perchè, in pratica, lo gestiscono
loro: account scolastico, manutenzione ordinaria, fino al controllo che
non utilizzino applicazioni diverse da quelle scolastiche o similari
p.s. io odio per mie motivazioni la apple ma, in ambito scolastico visto
come viene utilizzato, sono costretto ad ammettere che non vi erano
molte altre soluzioni.
Si esistono altre soluzioni: LA LIBERTA'!, uno volta assegnato il titolo
e l' autore lo studente puo' consultarlo come e dove vuole, anche nei
pezzi di carta scritti a mano, o nelle scritte sul muro, importante che
IMPARI quello che c'e' scritto, non sfoggiare il volumone sulla
scrivania o l' Apple nuovo di zecca...
Giangi72
2021-09-01 12:53:58 UTC
Rispondi
Permalink
Post by FrancoP
Post by Giangi72
p.s. io odio per mie motivazioni la apple ma, in ambito scolastico
visto come viene utilizzato, sono costretto ad ammettere che non vi
erano molte altre soluzioni.
Si esistono altre soluzioni: LA LIBERTA'!, uno volta assegnato il titolo
e l' autore lo studente puo' consultarlo come e dove vuole, anche nei
pezzi di carta scritti a mano, o nelle scritte sul muro, importante che
IMPARI quello che c'e' scritto, non sfoggiare il volumone sulla
scrivania o l' Apple nuovo di zecca...
Lasciamo perdere i soliti tuoi deliri mi focalizzo solo su questo perchè
ne hai detta un'altra delle tue.
Tu hai la libertà di consultarlo dove vuoi e come vuoi basta che lo paghi.
Vuoi consultarlo su un android? Puoi farlo, su apple pure, su pc anche,
su carta certo.
Per farlo basta utilizzare le loro app che sono disponibili per ogni
ambiente.
In pdf non puoi perchè loro non riuscirebbero a farti pagare.
Giangi
FrancoP
2021-09-01 13:15:46 UTC
Rispondi
Permalink
Il 01/09/2021 14:53, Giangi72 ha scritto:
....
Post by Giangi72
Post by FrancoP
Si esistono altre soluzioni: LA LIBERTA'!, uno volta assegnato il
titolo e l' autore lo studente puo' consultarlo come e dove vuole,
anche nei pezzi di carta scritti a mano, o nelle scritte sul muro,
importante che IMPARI quello che c'e' scritto, non sfoggiare il
volumone sulla scrivania o l' Apple nuovo di zecca...
Lasciamo perdere i soliti tuoi deliri mi focalizzo solo su questo perchè
ne hai detta un'altra delle tue.
iniziamo bene.. :-(
Post by Giangi72
Tu hai la libertà di consultarlo dove vuoi e come vuoi basta che lo paghi.
E chi ha mai detto che NON lo voglio pagare ?
Post by Giangi72
Vuoi consultarlo su un android? Puoi farlo, su apple pure, su pc anche,
su carta certo.
Per farlo basta utilizzare le loro app che sono disponibili per ogni
ambiente.
In pdf non puoi perchè loro non riuscirebbero a farti pagare.
Bene, allora venga utilizzato un' altro formato *standard*, che
garantisca loro il pagamento.

Io ho aperto il Thread perche' :

1) I libri di testo scolastico attuali costano TROPPO
2) Il loro prezzo puo' drasticamente diminuire eliminando i costi della
carta e di trasporto.
3) Il formato elettronico e' MOLTO piu' comodo e potente del pezzo di
carta, quindi si studia MEGLIO che, dovrebbe essere, un obbiettivo della
scuola.
4) Agevola la diffusione della conoscenza perche' possono essere venduti
/ scambiati con estrema facilita' in tutte le parti del MONDO.

Non piace a :

1) I produttori di libri perche' costringono lo studente ad acquistare,
per forza, libri nuovi e solo da loro.
2) Il personale docente perche' meno circola l' informazione piu'
detiene il potere.
Post by Giangi72
Giangi
Ciao
Giangi72
2021-09-01 14:42:58 UTC
Rispondi
Permalink
Post by FrancoP
....
Post by Giangi72
Post by FrancoP
Si esistono altre soluzioni: LA LIBERTA'!, uno volta assegnato il
titolo e l' autore lo studente puo' consultarlo come e dove vuole,
anche nei pezzi di carta scritti a mano, o nelle scritte sul muro,
importante che IMPARI quello che c'e' scritto, non sfoggiare il
volumone sulla scrivania o l' Apple nuovo di zecca...
Vuoi consultarlo su un android? Puoi farlo, su apple pure, su pc
anche, su carta certo.
Per farlo basta utilizzare le loro app che sono disponibili per ogni
ambiente.
In pdf non puoi perchè loro non riuscirebbero a farti pagare.
Bene, allora venga utilizzato un' altro formato *standard*, che
garantisca loro il pagamento.
Il formato "standard c'è già.
Ci sono n (con n intorno a 3) piattaforme disponibili in cui
confluiscono i libri.
Post by FrancoP
1) I libri di testo scolastico attuali costano TROPPO
E fin qua posso anche essere d'accordo
Post by FrancoP
2) Il loro prezzo puo' drasticamente diminuire eliminando i costi della
carta e di trasporto.
Questa è una pia illusione. I libri digitali costano al MASSIMO un 30%
in meno, che non è male ma, contando il materiale non usato e il
trasporto non effettuato dovrebbe essere molto meno.
Post by FrancoP
3) Il formato elettronico e' MOLTO piu' comodo e potente del pezzo di
carta, quindi si studia MEGLIO che, dovrebbe essere, un obbiettivo della
scuola.
Per i nativi digitali sicuramente, chi ha imparato a studiare su carta è
una complicazione.
Post by FrancoP
4) Agevola la diffusione della conoscenza perche' possono essere venduti
/ scambiati con estrema facilita' in tutte le parti del MONDO.
Venduti si, scambiati no.
Post by FrancoP
1) I produttori di libri perche' costringono lo studente ad acquistare,
per forza, libri nuovi e solo da loro.
Sicuramente
Post by FrancoP
2) Il personale docente perche' meno circola l' informazione piu'
detiene il potere.
Un docente che ragionasse così sarebbe un idiota e poi che potere
detiene il docente?
Giangi
FrancoP
2021-09-01 20:39:38 UTC
Rispondi
Permalink
Il 01/09/2021 16:42, Giangi72 ha scritto:
....
Post by Giangi72
Post by FrancoP
Bene, allora venga utilizzato un' altro formato *standard*, che
garantisca loro il pagamento.
Il formato "standard c'è già.
Ci sono n (con n intorno a 3) piattaforme disponibili in cui
confluiscono i libri.
bene, quindi il problema non esiste...
Post by Giangi72
Post by FrancoP
1) I libri di testo scolastico attuali costano TROPPO
E fin qua posso anche essere d'accordo
Post by FrancoP
2) Il loro prezzo puo' drasticamente diminuire eliminando i costi
della carta e di trasporto.
Questa è una pia illusione. I libri digitali costano al MASSIMO un 30%
in meno, che non è male ma, contando il materiale non usato e il
trasporto non effettuato dovrebbe essere molto meno.
Non credo, la carta, cmq,costa e scarrozzare un libro che pesa 2 kg in
giro x l' Italia, costa...
Post by Giangi72
Post by FrancoP
3) Il formato elettronico e' MOLTO piu' comodo e potente del pezzo di
carta, quindi si studia MEGLIO che, dovrebbe essere, un obbiettivo
della scuola.
Per i nativi digitali sicuramente, chi ha imparato a studiare su carta è
una complicazione.
non credo, vedo anziani, molto, che girano guardando lo smartphone, e'
solo uno strumento, se l' anziano e' sveglio, e molti migliorano con l'
eta', non esiste problema...
Post by Giangi72
Post by FrancoP
4) Agevola la diffusione della conoscenza perche' possono essere
venduti / scambiati con estrema facilita' in tutte le parti del MONDO.
Venduti si, scambiati no.
come no, puoi avere un codice una protezione che permette l' utilizzo su
piu' pc ma solo uno alla volta...
Post by Giangi72
Post by FrancoP
1) I produttori di libri perche' costringono lo studente ad
acquistare, per forza, libri nuovi e solo da loro.
Sicuramente
Post by FrancoP
2) Il personale docente perche' meno circola l' informazione piu'
detiene il potere.
Un docente che ragionasse così sarebbe un idiota e poi che potere
detiene il docente?
Il pptere di fare il proprio lavoro senza sbattersi troppo e pensare
solo al 27 del mese, cioe' quello che fa l' 80% del corpo docente...
Post by Giangi72
Giangi
Giangi72
2021-09-02 08:11:18 UTC
Rispondi
Permalink
Post by FrancoP
Post by Giangi72
Post by FrancoP
2) Il loro prezzo puo' drasticamente diminuire eliminando i costi
della carta e di trasporto.
Questa è una pia illusione. I libri digitali costano al MASSIMO un 30%
in meno, che non è male ma, contando il materiale non usato e il
trasporto non effettuato dovrebbe essere molto meno.
Non credo, la carta, cmq,costa e scarrozzare un libro che pesa 2 kg in
giro x l' Italia, costa...
D'accordissimo, ... ma questa è la situazione
Pur avendo molte meno spese uno sconto di più del 30% non l'ho mai visto.
Magari è solo perchè siamo ancora agli albori e nel futuro la situazione
migliorerà ma per ora è così
Post by FrancoP
Post by Giangi72
Post by FrancoP
4) Agevola la diffusione della conoscenza perche' possono essere
venduti / scambiati con estrema facilita' in tutte le parti del MONDO.
Venduti si, scambiati no.
come no, puoi avere un codice una protezione che permette l' utilizzo su
piu' pc ma solo uno alla volta...
Questo si ma la mia esperienza dice che:
- hai un codice utilizzabile max 3 volte
- un dispositivo alla volta
- legato ad un account
Giusto per capirci, se tutto va bene e non reinstalli, puoi installare
altre 2 volte un libro che hai usato ma solo con lo stesso account.
Se i primi 2 punti sono ok, il terzo esclude che si possa rivendere un
libro elettronico.

Giangi
Ammammata
2021-09-02 07:33:09 UTC
Rispondi
Permalink
Il giorno Wed 01 Sep 2021 12:40:54p, *Giangi72* ha inviato su
Post by Giangi72
La scuola pretende, giustamente, un tablet uguale per tutti e,
praticamente tutte le scuole si sono orientate su apple.
la scuola di mia figlia pretende che il tal documento sia compilato
utilizzando Microsoft Word, notoriamente non gratuito, per compilare un
documento di richieste varie (in quanto fare un PDF compilabile era
evidentemente superiore alle capacità del loro responsabile informatico o
del segretario di turno)

per non parlare del professore di tecnica che insegnava solo su AutoCAD e
agli studenti che non lo avevano suggeriva candidamente di scaricarlo con
Emule (crack inclusa)

chiudo tornando IT: i libri delle mie ragazze hanno sì la versione digitale
e il software di accompagnamento, ma sui pc con Linux non ne vogliono
sapere di funzionare, ho "dovuto" rinunciare a brasare windows dai
portatili acquistati all'uopo (e usati pochissimo)
--
/-\ /\/\ /\/\ /-\ /\/\ /\/\ /-\ T /-\
-=- -=- -=- -=- -=- -=- -=- -=- - -=-
........... [ al lavoro ] ...........
BIG Umberto
2021-09-02 12:45:34 UTC
Rispondi
Permalink
In date: Thu, 02 Sep 2021 13:53:39 on group: it.discussioni.consumatori.tutela,
Post by Ammammata
Il giorno Wed 01 Sep 2021 12:40:54p, *Giangi72* ha inviato su
per non parlare del professore di tecnica che insegnava solo su AutoCAD e
agli studenti che non lo avevano suggeriva candidamente di scaricarlo con
Emule (crack inclusa)
Questa è successa identica identica a mio nipote, stessa materia, stesso
programma.
E tenendo presente che alternative open ad autocad esistono.
Ci sono vari cad open (librecad per esempio) che sono validi.
Esistono cad a pagamento (cadra per esempio) alternativi ad autocad.
Dipende da cosa uno deve fare.
Purtroppo autocad fa da padrone (o che gli insegnanti conoscono solo quello).
Te lo dice uno (io) che ha usato autocad dalla versione 13 alla versione 2007
(poi la ditta per cui lavoravo ha chiuso...).
--
Il problema nell'essere immortali è che non si riesce ad avere
amicizie durature. Muoiono tutti prima!
Giangi72
2021-09-01 10:25:22 UTC
Rispondi
Permalink
Post by rootkit
Post by FrancoP
i testi elettronici favoriscono i poveri, costano meno perche' non devi
pagare la carta, il trasporto, ecc..
i testi elettronici non sono fruibili senza costose attrezzature, da dare
in mano fra l'altro a bambini di 11-12-13 anni.
e per quanto tu possa sostenere il contrario non sono ne saranno mai
liberi e/o gratuiti.
Mia figlia, e da quest'anno mio figlio, frequenta una classe interamente
digitale, niente libri cartacei del tutto.
Era il secondo anno che la scuola offriva questa modalità e, sfruttando
l'esperienza di chi ci aveva preceduto, ho chiesto se dovessimo prendere
solo i digitali o entrambi.
La risposta è stata "l'anno scorso li abbiamo fatti prendere ma non li
hanno usati neanche una volta, quest'anno stiamo suggerendo di non
prenderli proprio".
Io ero un poco stranito dalla inesistenza del cartaceo, mia figlia si
muoveva ad una velocità sconvolgente sul libro digitale.
Per quanto riguarda il prezzo era leggermente meno (circa il 30%).
Per quanto riguarda il sistema, col cavolo che ti danno il pdf, sono
formati proprietari su piattaforme proprietarie, in totale tutti i libri
erano su 3 piattaforme diverse.
Questa la mia esperienza
Giangi
Gennaro
2021-09-03 07:55:05 UTC
Rispondi
Permalink
Post by FrancoP
Post by cleber
Post by Gennaro
Anche una volta i libri scolastici erano dei mattoni e qualcuno si
portava pure il vocabolarione da casa perché necessario in determinate
occasioni e nessuno fiatava.
Esatto.
Oggi i pupi vengono portati sull'uscio della scuola col gippone (io mi
facevo tutti i giorni il mio chilometro a piedi) e lo zaino/cartella e'
sostituito dal trolley con le rotelle (sia mai che al pupo gli esca l'ernia).
i testi elettronici favoriscono i poveri, costano meno perche' non devi
pagare la carta, il trasporto, ecc..
Se davvero si è "poveri", ma si ha tanta voglia di studiare, ormai si
hanno sovvenzioni da tutte le parti per i libri di testo, dal Comune,
dalla scuola ecc.; esiste anche il comodato d'uso per cui si hanno
aggratis i libri dalla scuola e poi si restituiscono alla fine dell'anno.

Ah certamente per richiedere tale aiuto, bisogna almeno presentare
l'ISEE, non con le chiacchiere o lamentele.
Perché se poi ci si lamenta ogni fine estate del costo dei libri (il cui
tetto di spesa è fermo al 2014 mi pare) dopo essere stati in un
villaggio vacanze con tutta la famiglia o dopo aver comprato l'ultimo
Iphone o la PS7 ai propri figli, è un po' difficile essere creduti.

Ma il senso profondo della questione è che la scuola ormai viene vista
come una rottura, un impegno anche economico senza senso, mica un
investimento per il futuro...
--
Questa email è stata esaminata alla ricerca di virus da AVG.
http://www.avg.com
FrancoP
2021-09-03 10:39:30 UTC
Rispondi
Permalink
Il 03/09/2021 12:04, Gennaro ha scritto:
....
Perdonami ma detto così è un po' generico e qualunquista.
Sono anni che i genitori vanno nelle scuole a chiedere il comodato d'uso
e non ci vuole così tanta burocrazia.
evidentemente tu non hai mai provato, oppure sei uno che ha TANTO tempo..
Post by Gennaro
Ah certamente per richiedere tale aiuto, bisogna almeno presentare
l'ISEE, non con le chiacchiere o lamentele.
Come no, magari un bell' ISEE generato al sud dove sono attrezzati per
prendere il reddito di cittadinanza anche se girano in Porsche..
E qua cadi però proprio nel becero razzismo nordista....
Eh si, bisogna dirlo al ragioniere dello stato che PAGA il diritto di
cittadinanza: guarda che non sono SOLDI e' solo becero razzismo..

...
Il tetto di spesa comprendeva lauti guadagni per le case editrici che
possono essere abbattuti con la riproduzione elettronica..
I lauti guadagni ci saranno anche per la riproduzione elettronica, visto
che utilizzano tutti formati proprietari e antipirateria...
Come fa la sony per i cd della playstation per capirci.
Intanto inziamo buttare via i mattoni di carta, il trasporto e, quindi,
risparmiamo, poi gli autori, pur di vendere, si adegueranno...
Post by Gennaro
Ma il senso profondo della questione è che la scuola ormai viene
vista come una rottura, un impegno anche economico senza senso, mica
un investimento per il futuro...
Eh sì, signora mia, non ci sono piu' gli studenti di una volta...
I figli in genere sono il risultato dell'educazione impartita dai
genitori e non a caso, visti i risultati, da anni si parla di "emergenza
educativa"...
Eh si, signora mia, non ci sono piu' i genitori di una volta...
FrancoP
2021-09-03 14:56:45 UTC
Rispondi
Permalink
Il 03/09/2021 15:33, Giangi72 ha scritto:
...
Devi trovare un prestanome se vuoi prendere il reddito di cittadinanza
con la porche
Il prestanome e' l' attivita' piu' diffusa nel sud...

Non ti sei mai chiesto perche, nonostante il fisco elettronico, la
fattura elettronice ecc la malavita ed il nero al sud non diminuiscono,
anzi aumentano?

E' anche un interesse politico, per favorire il nero hanno inventato il
reddito di cittadinanza...
Il tetto di spesa comprendeva lauti guadagni per le case editrici che
possono essere abbattuti con la riproduzione elettronica..
Perchè le case editrici regalerebbero i libri se fossero elettronici? :-)
L'assurdità di questa cosa è il fatto che cartaceo 100, elettronico 70.
C'e quel 70 che è ben lontano dal costo vivo della piattaforma
elettronica e comunque c'è.
Giangi
Si ma io facevo un discorso diverso: molti testi scolastici potrebbero
essere tranquillamente stati scritti 50 anni fa, vedi greco & latino x
il classico, per cui scevri da diritti di autore.
Li generi in formato elettronico et voila', la cultura diffusa a costo
bassissimo.

Se si volesse veramente bene a chi studia si dovrebbe fare, invece...
Roberto Deboni DMIsr
2021-09-01 02:16:57 UTC
Rispondi
Permalink
Post by cleber
Post by Gennaro
Anche una volta i libri scolastici erano dei mattoni e qualcuno si
portava pure il vocabolarione da casa perché necessario in determinate
occasioni e nessuno fiatava.
Esatto.
Oggi i pupi vengono portati sull'uscio della scuola col gippone (io mi
facevo tutti i giorni il mio chilometro a piedi
Fortunato: io mi facevo 4 km a piedi per la scuola media.
Solo per gli 8 km alle superiori mi hanno regalato la bicicletta.
Post by cleber
) e lo zaino/cartella e'
sostituito dal trolley con le rotelle (sia mai che al pupo gli esca l'ernia).
Non ho notato un cosa del genere.
Anche perche' non mi pare credibile visto che vedo che vanno
in giro con il tablet nello zainetto.

Dato che ogni tanto salgo in autobus durante le ore di uscita
dalla scuola e vedo gli studenti dal "vero", mi viene la curiosita'
di quale regione e' quella degli scolari con il trolley ... :-)

8>< ----
Giangi72
2021-09-01 10:28:55 UTC
Rispondi
Permalink
Post by Roberto Deboni DMIsr
Dato che ogni tanto salgo in autobus durante le ore di uscita
dalla scuola  e vedo gli studenti dal "vero", mi viene la curiosita'
di quale regione e' quella degli scolari con il trolley ... :-)
Dubito che li veda, i trolley li usano alle elementari e medie che non
vanno in giro in autobus, salvo rare eccezioni.
Giangi
Giangi72
2021-09-01 10:18:35 UTC
Rispondi
Permalink
Post by cleber
Oggi i pupi vengono portati sull'uscio della scuola col gippone (io mi
facevo tutti i giorni il mio chilometro a piedi) e lo zaino/cartella e'
sostituito dal trolley con le rotelle (sia mai che al pupo gli esca l'ernia).
Chilometro? Beato te che eri vicino :-)
Alle scuole medie la strada che facevo io era ... circa il triplo.

Giangi
cleber
2021-09-01 11:05:47 UTC
Rispondi
Permalink
Post by Giangi72
Chilometro? Beato te che eri vicino :-)
In effetti ho sbagliato, km all'andata e km al ritorno, in totale 2. :-)
FrancoP
2021-08-31 18:41:47 UTC
Rispondi
Permalink
Post by Gennaro
Post by FrancoP
Ciao,
Mi sto informando per dei libri scolastici .
Ho visto che, alcuni, sono dei mattoni che pesano un sacco.
Esiste, per ogni libro pubblicato, una versione elettronica in PDF
oppure non la fanno perche' *devono* vendere la carta ?
Grazie
Per varie ragioni non solo per vender carta.
 In primis perché sono testi di uso didattico e lo studio serio esige
di sottolineare,  creare rimandi ecc ed elettronicamente non è sempre
agevole, anzi.
Con i software di oggi e' facilissimo, agevola anche le ricerche ecc..
Post by Gennaro
E poi perché molti per studiare hanno bisogno della carta e non riescono
a video. Se poi si vuole che la scuola ci abitui ad imparare sul modello
degli sms o tweet, allora la questione cambia.
Ti informo che su tablet e' tutto molto leggibile e comodo..
Post by Gennaro
Anche una volta i libri scolastici erano dei mattoni e qualcuno si
portava pure il vocabolarione da casa perché necessario in determinate
occasioni e nessuno fiatava.
Come, magari torniamo alle tavolette di pietra, cosi' gli studenti
scolpiscono i caratteri e si fanno pure i muscoli..
Post by Gennaro
Tutti a farsi i muscoli sotto il peso della conoscenza che richiede
impegno e sforzo non solo mentale, perché lo studio era visto come un
investimento per il futuro.
Oggi lo è ancora?
Se fai i testi elettronici lo studio lo agevoli e la gente ipara di piu'...
Roberto Deboni DMIsr
2021-09-01 02:12:59 UTC
Rispondi
Permalink
Post by Gennaro
Post by FrancoP
Ciao,
Mi sto informando per dei libri scolastici .
Ho visto che, alcuni, sono dei mattoni che pesano un sacco.
Esiste, per ogni libro pubblicato, una versione elettronica in PDF
oppure non la fanno perche' *devono* vendere la carta ?
Grazie
Per varie ragioni non solo per vender carta.
 In primis perché sono testi di uso didattico e lo studio serio esige
di sottolineare,  creare rimandi ecc ed elettronicamente non è sempre
agevole, anzi.
Non ho mai toccato i miei libri con la penna: le pagine sono
usurate, ma altrimenti intonse. E visto che prendevo 30/30
direi che la mia serieta' di studio e' dimostrata.

In ogni caso, oggi e' facilissimo evidenziare o sottolineare i
testi digitale (PDF o DOC, etc.) e non capisco in cosa non
sarebbe agevole. Specialmente se non e' di uno passato al digitale
in eta' matura, ma di ragazzino nati e cresciuti con documenti
digitali.
Post by Gennaro
E poi perché molti per studiare hanno bisogno della carta e non riescono
a video.
Ragazzini cresciuti sui documenti digitali riescono eccome su video
(o "inchiostro digitale").
Post by Gennaro
Se poi si vuole che la scuola ci abitui ad imparare sul modello
degli sms o tweet, allora la questione cambia.
Ma che sta a scrivere. Usenet e' nata su un modello di scambio
profondo, dettagliato, di informazioni, non e' la digitalizzazione
che porta a SMS o tweet, ma una cultura della superficialita' da
parte di chi prende pasticche ogni sabato in discoteca.
Post by Gennaro
Anche una volta i libri scolastici erano dei mattoni e qualcuno si
portava pure il vocabolarione da casa perché necessario in determinate
occasioni e nessuno fiatava.
Infatti, no comment. Non rimpiango affatto quei tempi.
Post by Gennaro
Tutti a farsi i muscoli sotto il peso della conoscenza che richiede
impegno e sforzo non solo mentale, perché lo studio era visto come un
investimento per il futuro.
Oggi lo è ancora?
Vista la quantita' di ragazzi italiani preparati che emigra e trova
subito uno stage universitario o di ricerca all'estero, direi che anche
oggi c'e' chi studia.
Roberto Deboni DMIsr
2021-09-03 23:07:49 UTC
Rispondi
Permalink
Post by Roberto Deboni DMIsr
Se poi si vuole che la scuola ci abitui ad imparare sul modello degli
sms o tweet, allora la questione cambia.
Ma che sta a scrivere. Usenet e' nata su un modello di scambio
profondo, dettagliato, di informazioni, non e' la digitalizzazione
che porta a SMS o tweet, ma una cultura della superficialita' da
parte di chi prende pasticche ogni sabato in discoteca.
E infatti sono tutti bravi con il copia incolla di wikipedia.
In che senso "sono bravi" ?

Lo sa vero, che se uno copia-incolla da Wikipedia c'e' un 50% di
probabilita' che scriva una scemenza ?
Wikipedia e' una fonte terziaria, il "cuore" di Wikipedia, dove
c'e' il "succo" della conoscenza, sono le fonti citate, non le
interpretazioni, qualche volta anche troppo "creative" degli
editori volontari di Wikipedia.

Wikipedia e' utile per insegnare come si fanno le ricerche,
come si seleziona il grano dai fake-contenuti.
Ma il maestro deve essere all'altezza, non il solito idiota
fatto con lo stampino che spesso troviamo nella s(q)uola
italiana che punta solo al nozionismo, e pure senza verifica.
Skuola zoo e simili insegnano. Diamogli pure internet a scuola ed è finita.
Durante le lezioni, niente internet, niente smartphone, niente
tablet, salvo che non sia pertinente (come ad esempio, insegnare
come si usa una biblioteca, come si fanno le ricerche, etc.).

Ma per i compiti in casa, ben venga se gli alunni usino la
rete (anche wikipedia) a patto che pero' spieghino cosa hanno
fatto e perche' della scelta.
rootkit
2021-08-31 17:53:54 UTC
Rispondi
Permalink
Post by FrancoP
Ciao,
Mi sto informando per dei libri scolastici .
Ho visto che, alcuni, sono dei mattoni che pesano un sacco. Esiste, per
ogni libro pubblicato, una versione elettronica in PDF oppure non la
fanno perche' *devono* vendere la carta ?
si esiste.
Roberto Deboni DMIsr
2021-09-01 16:07:08 UTC
Rispondi
Permalink
Post by FrancoP
Ciao,
Mi sto informando per dei libri scolastici .
Ho visto che, alcuni, sono dei mattoni che pesano un sacco.
Esiste, per ogni libro pubblicato, una versione elettronica in PDF
oppure non la fanno perche' *devono* vendere la carta ?
Acquisto:

<https://www.scuolabook.it/materie.html>

Per i classici (dopo 70 anni il diritto d'autore decade):

<https://www.gutenberg.org/browse/languages/it>

Il grande archivio mondiale:

<https://archive.org/index.php>

Parte europea:

<https://archive.org/details/europeanlibraries>

tra cui vedi la BNC di Firenze:

<https://archive.org/details/bncfirenze>

(non sarebbe male versare 5-20 euro all'anno per aiutare a tenere in
vita il servizio)

<https://archive.org/donate?origin=iawww-TopNavDonateButton>

E questo solo per cominciare.
Roberto Deboni DMIsr
2021-09-01 16:09:38 UTC
Rispondi
Permalink
Post by Roberto Deboni DMIsr
Post by FrancoP
Ciao,
Mi sto informando per dei libri scolastici .
Ho visto che, alcuni, sono dei mattoni che pesano un sacco.
Esiste, per ogni libro pubblicato, una versione elettronica in PDF
oppure non la fanno perche' *devono* vendere la carta ?
<https://www.scuolabook.it/materie.html>
<https://www.gutenberg.org/browse/languages/it>
<https://archive.org/index.php>
<https://archive.org/details/europeanlibraries>
<https://archive.org/details/bncfirenze>
(non sarebbe male versare 5-20 euro all'anno per aiutare a tenere in
 vita il servizio)
<https://archive.org/donate?origin=iawww-TopNavDonateButton>
E questo solo per cominciare.
Una recensione di siti (trovata casualmente, non avallo):

<https://www.navigaweb.net/2008/10/scaricare-ebook-gratis-su-pc-per.html>
Giangi72
2021-09-02 07:12:00 UTC
Rispondi
Permalink
Post by Roberto Deboni DMIsr
Post by FrancoP
Ciao,
Mi sto informando per dei libri scolastici .
Ho visto che, alcuni, sono dei mattoni che pesano un sacco.
Esiste, per ogni libro pubblicato, una versione elettronica in PDF
oppure non la fanno perche' *devono* vendere la carta ?
<https://www.scuolabook.it/materie.html>
Non sono pdf, sono in formato scuolabook (uno dei formati proprietari di
cui le parlavo) essendo i diritti ancora attivi
Mentre tutti quelli che ha citato sotto, essendo scaduti i diritti, si
trovano in ogni formato, pdf compreso.
Giangi
Roberto Deboni DMIsr
2021-09-02 14:27:34 UTC
Rispondi
Permalink
Post by Giangi72
Post by Roberto Deboni DMIsr
Post by FrancoP
Ciao,
Mi sto informando per dei libri scolastici .
Ho visto che, alcuni, sono dei mattoni che pesano un sacco.
Esiste, per ogni libro pubblicato, una versione elettronica in PDF
oppure non la fanno perche' *devono* vendere la carta ?
<https://www.scuolabook.it/materie.html>
Non sono pdf, sono in formato scuolabook (uno dei formati proprietari di
cui le parlavo) essendo i diritti ancora attivi
Esattamente, e c'e' nella prima frase della pagina citata. Leggo per
sua memoria:

"In questa sezione trovi i libri scolastici in formato digitale (eBook)
delle materie della scuola secondaria di primo e secondo grado."

Crede che non l'abbia visto ? Ma se l'offerta sotto diritto d'autore
non offre altro (come affrontato in questa discussione), cosa altro
fare, se non si vuole la pirateria ? Mamma mia, che petulanza ...
Post by Giangi72
Mentre tutti quelli che ha citato sotto, essendo scaduti i diritti, si
trovano in ogni formato, pdf compreso.
Infatti, anche TXT, quando non c'e' grafica, che ha il vantaggio, non
solo della minima occupazione di memoria, ma di essere digerito
da qualsiasi sistema operativo.

E quindi ?
Giangi72
2021-09-03 13:03:55 UTC
Rispondi
Permalink
Post by Roberto Deboni DMIsr
Post by Giangi72
Post by Roberto Deboni DMIsr
Post by FrancoP
Esiste, per ogni libro pubblicato, una versione elettronica in PDF
oppure non la fanno perche' *devono* vendere la carta ?
<https://www.scuolabook.it/materie.html>
Non sono pdf, sono in formato scuolabook (uno dei formati proprietari
di cui le parlavo) essendo i diritti ancora attivi
Esattamente, e c'e' nella prima frase della pagina citata. Leggo per
"In questa sezione trovi i libri scolastici in formato digitale (eBook)
 delle materie della scuola secondaria di primo e secondo grado."
Crede che non l'abbia visto ? Ma se l'offerta sotto diritto d'autore
non offre altro (come affrontato in questa discussione), cosa altro
fare, se non si vuole la pirateria ? Mamma mia, che petulanza ...
Post by Giangi72
Mentre tutti quelli che ha citato sotto, essendo scaduti i diritti, si
trovano in ogni formato, pdf compreso.
Infatti, anche TXT, quando non c'e' grafica, che ha il vantaggio, non
solo della minima occupazione di memoria, ma di essere digerito
da qualsiasi sistema operativo.
E quindi ?
E quindi non capisco la sua lista precedente.
Un sito che offre libri scolastici a pagamento sotto loro piattaforma e
n siti che offrono libri privi di diritti d'autore gratis

Quindi, come dicevo io dal mio primo messaggio: "non esistono libri
scolastici in pdf".
Giangi
FrancoP
2021-09-03 15:00:40 UTC
Rispondi
Permalink
Il 03/09/2021 16:57, Giangi72 ha scritto:
...
Piu' circola meglio e'.
Non credi ?
Assolutamente si, ma... non ho controllato ma sicuramente c'è.
Sono pronto a scommetterci.
Certo, ma non lo puoi usare perche' la scuola *vuole* il testo nuovo che
costa ( nel caso del greco e latino anche piu' di 50 euro ).
A chi conviene ?

Ciao
rootkit
2021-09-03 15:55:58 UTC
Rispondi
Permalink
....
Post by Giangi72
Quindi, come dicevo io dal mio primo messaggio: "non esistono libri
scolastici in pdf".
Giangi
Ed e' un male, malissimo, prendi il greco & latino, andrebbe benissimo
un libro scritto 50 anni fa che non ha piu' i diritti d'autore.
un libro di 50 anni fa i diritti d'autore li ha eccome.
FrancoP
2021-09-03 18:51:08 UTC
Rispondi
Permalink
Il 03/09/2021 18:50, rootkit ha scritto:
...
Va ben, 70 anni dalla morte dell' autore, per il greco & latino non
cambia nulla...
in che senso? un libro di testo di greco mica l'ha scritto platone.
L' autore che scritto il libro per le scuole di 70 anni fa...
FrancoP
2021-09-03 20:13:20 UTC
Rispondi
Permalink
Il 03/09/2021 21:37, rootkit ha scritto:
...
Post by FrancoP
L' autore che scritto il libro per le scuole di 70 anni fa...
l'autore deve essere morto da almeno 70 anni.
questo vuol dire adottare testi magari di 100 o 150 anni fa.
testi che sicuramente possono essere interessanti per gli studiosi, ma
non per la didattica in un liceo del 2021.
ci possono essere autori che muoiono subito dopo aver scritto il libro,
cmq e' il concetto base che sostengo:

1) Esistono sicuramente molti libri liberi da gravami e che possono
essere riprodotti gratuitamente ed andare benissimo per studiare nel 2021.

2) Adottiamo quelli e li facciamo girare in formato elettronico che e'
l' unico che permette la diffusione immediata a costi bassissimi.

Non ti piace ?
Roberto Deboni DMIsr
2021-09-03 23:21:32 UTC
Rispondi
Permalink
Post by FrancoP
...
Post by FrancoP
L' autore che scritto il libro per le scuole di 70 anni fa...
l'autore deve essere morto da almeno 70 anni.
questo vuol dire adottare testi magari di 100 o 150 anni fa.
testi che sicuramente possono essere interessanti per gli studiosi, ma
non per la didattica in un liceo del 2021.
ci possono essere autori che muoiono subito dopo aver scritto il libro,
I diritti passano agli eredi, fino allo scadere dei 70 anni.

Ecco il modulo con cui l'erede chiede di diventare il portatore del
diritto:

<https://www.siae.it/sites/default/files/Domanda%2520Adesione%2520Eredi.pdf>

LEGGE 22 aprile 1941, n. 633
Protezione del diritto d'autore e di altri diritti connessi al
suo esercizio.

La legge e' del 1941, ma e' costantemente aggiornato, con
l'ultima modifica del 24 luglio 2021 (vedi legge 106/2021).
Di fatto e' come fosse un "Testo Unico" in materia.

Art. 115

Dopo la morte dell'autore, il diritto di utilizzazione dell'opera,
quando l'autore stesso non abbia altrimenti disposto, deve rimanere
indiviso fra gli eredi per il periodo di tre anni dalla morte
medesima, salvo che l'autorita' giudiziaria, sopra istanza di uno o
piu' coeredi, consenta, per gravi ragioni, che la divisione si
effettui senza indugio.

Decorso il detto periodo, gli eredi possono stabilire, per comune
accordo, che il diritto rimanga ancora in comunione per la durata che
sara' da essi fissata, entro i limiti indicati nelle disposizioni
contenute nei codici.

... omissis ...
Post by FrancoP
1) Esistono sicuramente molti libri liberi da gravami e che possono
essere riprodotti gratuitamente ed andare benissimo per studiare nel 2021.
2) Adottiamo quelli e li facciamo girare in formato elettronico che e'
l' unico che permette la diffusione immediata a costi bassissimi.
Non ti piace ?
FrancoP
2021-09-04 04:27:21 UTC
Rispondi
Permalink
Post by Roberto Deboni DMIsr
Post by FrancoP
...
Post by FrancoP
L' autore che scritto il libro per le scuole di 70 anni fa...
l'autore deve essere morto da almeno 70 anni.
questo vuol dire adottare testi magari di 100 o 150 anni fa.
testi che sicuramente possono essere interessanti per gli studiosi, ma
non per la didattica in un liceo del 2021.
ci possono essere autori che muoiono subito dopo aver scritto il libro,
I diritti passano agli eredi, fino allo scadere dei 70 anni.
Infatti, quindi ci possono essere dei libri esenti dai diritti, scritti
70 anni fa e non 100 o 150... cvd
lynd fletcher®
2021-09-03 20:42:31 UTC
Rispondi
Permalink
Post by FrancoP
Ciao,
Mi sto informando per dei libri scolastici .
Ho visto che, alcuni, sono dei mattoni che pesano un sacco.
Esiste, per ogni libro pubblicato, una versione elettronica in PDF
oppure non la fanno perche' devono vendere la carta ?
Grazie
vedi qua se c'è qualcosa che può interessarti, alcuni prezzi non
sembrano esagerati
https://www.scuolabook.it/materie.html

credo che per ogni libro cartaceo recente si abbia sempre una versione
elettronica, bisognerebbe contattare l'editore/autore su come
rinvenirlo in rete.
--
saluti
lf
FrancoP
2021-09-03 21:55:56 UTC
Rispondi
Permalink
Post by lynd fletcher®
Post by FrancoP
Ciao,
Mi sto informando per dei libri scolastici .
Ho visto che, alcuni, sono dei mattoni che pesano un sacco.
Esiste, per ogni libro pubblicato, una versione elettronica in PDF
oppure non la fanno perche' devono vendere la carta ?
Grazie
vedi qua se c'è qualcosa che può interessarti, alcuni prezzi non
sembrano esagerati
https://www.scuolabook.it/materie.html
Si grazie, avevo gia' visto, naturalmente i libri adottati dalla mia
scuola non ci sono.. :-(
In pratica il solito giochino: si cambia continuamente libro in modo che
i precedenti decadono.

Ma un volume di latino o greco, per esempio, non potrebbe essere sempre
lo stesso ? Il greco e latino cambiano ogni anno ?

E' solo una organizzazione a delinquere: per la IV ginnasio bisogna
spendere 300 euro solo per il latino e greco, e poi si spacciano per
gente che fa l' insegnate solo per spirito di servizio e diffusione
della cultura.. :-(
Post by lynd fletcher®
credo che per ogni libro cartaceo recente si abbia sempre una versione
elettronica, bisognerebbe contattare l'editore/autore su come
rinvenirlo in rete.
Non credo, non vorrai mica che l' editore/autore si seghi il ramo dell'
albero su cui comodamente siede, vero ?
FrancoP
2021-09-04 08:34:13 UTC
Rispondi
Permalink
Il 04/09/2021 09:11, lynd fletcher® ha scritto:
...
ho capito cosa vuoi dire, ma come vedi anche con un libro elettronico
"qualcosa" la incassano, il problema è che si possono duplicare molto
più facilmente di quelli cartacei ed è questo che li fa desistere.
va bene ma bisognerebbe superare questa resistenza anacronistica, sembra
quella degli allevatori di cavalli che si opponevano all' utilizzo dell'
automobile.

Se fosse vero che bisogna privilegiare la diffusione della cultura e
dell' istruzione:

1) Rendere elettronici e liberamente distribuibili tutti i testi che non
godano di diritti in essere.
2) Relativamente all' istruzione penso esistano migliaia di testi di
questo tipo che garantiscono una istruzione corretta.
3) Ridurre ai soli diritti di autore qualsiasi altro testo generato
elettronicamente in modo diretto da chi lo scrive.
lynd fletcher®
2021-09-04 10:31:28 UTC
Rispondi
Permalink
Post by FrancoP
...
ho capito cosa vuoi dire, ma come vedi anche con un libro
elettronico "qualcosa" la incassano, il problema è che si possono
duplicare molto più facilmente di quelli cartacei ed è questo che
li fa desistere.
va bene ma bisognerebbe superare questa resistenza anacronistica,
sembra quella degli allevatori di cavalli che si opponevano all'
utilizzo dell' automobile.
Se fosse vero che bisogna privilegiare la diffusione della cultura e
1) Rendere elettronici e liberamente distribuibili tutti i testi che
non godano di diritti in essere. 2) Relativamente all' istruzione
penso esistano migliaia di testi di questo tipo che garantiscono una
istruzione corretta. 3) Ridurre ai soli diritti di autore qualsiasi
altro testo generato elettronicamente in modo diretto da chi lo
scrive.
da un articolo che ti cito nel link, se non l'hai già letto,
sembrerebbe che la mancata digitalizzazione
scolastica sia in parte dovuta al fatto che non in tutte le famiglie
sono disponibili i dispositivi (es. ipad ,pc) per la lettura di ebook,
in parte per un' inadeguata connessione internet in tutta Italia, ed in
parte alla lentezza degli istituti nell' investire le somme necessarie:
https://www.scuola.net/news/382/libri-elettronici-per-la-scuola-cosa-sono-come-funzionano-e-quanto-vengono-usati

Sarebbe ora che il Ministro dell'Istruzione prenda a cuore il problema
e velocizzi il processo di cambiamento avviato timidamente già da
diversi anni.
--
saluti
lf
FrancoP
2021-09-04 10:53:51 UTC
Rispondi
Permalink
Il 04/09/2021 12:31, lynd fletcher® ha scritto:
....
Post by lynd fletcher®
da un articolo che ti cito nel link, se non l'hai già letto,
sembrerebbe che la mancata digitalizzazione
scolastica sia in parte dovuta al fatto che non in tutte le famiglie
sono disponibili i dispositivi (es. ipad ,pc) per la lettura di ebook,
in parte per un' inadeguata connessione internet in tutta Italia, ed in
https://www.scuola.net/news/382/libri-elettronici-per-la-scuola-cosa-sono-come-funzionano-e-quanto-vengono-usati
scusa pietosa, chi ha i dispositivi e la connessione internet si
attrezza con il digitale, chi non lo ha continua con il cartaceo...
Post by lynd fletcher®
Sarebbe ora che il Ministro dell'Istruzione prenda a cuore il problema
e velocizzi il processo di cambiamento avviato timidamente già da
diversi anni.
il ministro dell' istruzione e' eletto dagli statali e gli insegnanti
sono statali per cui non prendera' nessun provvedimento che leda la sua
base elettorale...
FrancoP
2021-09-04 15:28:06 UTC
Rispondi
Permalink
Il 04/09/2021 17:14, rootkit ha scritto:
....
Post by FrancoP
2) Relativamente all' istruzione penso esistano migliaia di testi di
questo tipo che garantiscono una istruzione corretta.
si infatti. immaginati come sarebbe studiare la geografia anche solo su
un libro degli anni 80.
Non c'e' solo geografia, e per quella c'e' google maps.. :-)
Post by FrancoP
3) Ridurre ai soli diritti di autore qualsiasi altro testo generato
elettronicamente in modo diretto da chi lo scrive.
questa non l'ho proprio capita.
ok, ti faccio un disegnino :

1) Oggi L' autore scrive il libro in formato elettronico
2) Con pochissima spesa lo pubblica in internet con la possibilita' di
consultazione / download a pagamento.
3) Va in un regime di concorrenza diretta e, quindi, dovra' limitare il
valore dei diritti d' autore.
4) Visto che deve essere pagato solo lui il prezzo del libro sara'
almeno 10 volte inferiore a quello che praticherebbe l' editore se lo
dovesse stampare.

Ti pare brutto ?
Shylock
2021-09-04 15:43:28 UTC
Rispondi
Permalink
Il giorno sabato 4 settembre 2021 alle 19:28:10 UTC+4 FrancoP ha scritto:
[...]
Post by FrancoP
Ti pare brutto ?
Quello che pare a me e a te e' irrilevante: il libro e' stato scritto da un autore ed e' lui a decidere come va distribuito.

Gli unici libri su cui puoi decidere sono quelli che scrivi tu.
Shylock
2021-09-05 03:37:05 UTC
Rispondi
Permalink
Post by Shylock
[...]
Post by FrancoP
Ti pare brutto ?
Quello che pare a me e a te e' irrilevante: il libro e' stato scritto da un autore ed e' lui a decidere come va distribuito.
Si bene, ma l' autore di un libro scolastico VUOLE vendere quindi
lo fa come preferisce.
FrancoP
2021-09-05 04:01:14 UTC
Rispondi
Permalink
Il 05/09/2021 05:37, Shylock ha scritto:
....
Post by Shylock
Si bene, ma l' autore di un libro scolastico VUOLE vendere quindi
lo fa come preferisce.
Cioe', secondo te, un autore scrive un libro scolastico per tenerselo
nel cassetto ?
Shylock
2021-09-05 04:26:30 UTC
Rispondi
Permalink
Post by FrancoP
....
Post by Shylock
Si bene, ma l' autore di un libro scolastico VUOLE vendere quindi
lo fa come preferisce.
Cioe', secondo te, un autore
Fa quello che cazzo trova piu' conveniente per se'.
FrancoP
2021-09-05 08:05:25 UTC
Rispondi
Permalink
Il 05/09/2021 06:26, Shylock ha scritto:
...
Post by Shylock
Post by FrancoP
Cioe', secondo te, un autore
Fa quello che cazzo trova piu' conveniente per se'.
ESATTO! Quindi, se vuole vendere, limita i prezzi !!!

Sai come funziona il mercato della domanda/offerta ?

p.s.
Noto che sei nervoso, il giochino di rispondere all .azzo ti si sta
rivoltando contro ?
Shylock
2021-09-05 09:23:05 UTC
Rispondi
Permalink
Post by FrancoP
...
Post by Shylock
Post by FrancoP
Cioe', secondo te, un autore
Fa quello che cazzo trova piu' conveniente per se'.
ESATTO! Quindi, se vuole vendere, limita i prezzi !!!
Sai come funziona il mercato della domanda/offerta ?
Certo che lo so: se non hai problemi a vendere, aumenti il prezzo a piacere, fai buoni profitti e chi non si puo' permettere di comprare si attacca al c*zzo e va a mangiare croste alla caritas.
FrancoP
2021-09-05 09:28:38 UTC
Rispondi
Permalink
Il 05/09/2021 11:23, Shylock ha scritto:
....
Post by Shylock
Post by FrancoP
Sai come funziona il mercato della domanda/offerta ?
Certo che lo so: se non hai problemi a vendere, aumenti il prezzo a piacere, fai buoni profitti e chi non si puo' permettere di comprare si attacca al c*zzo e va a mangiare croste alla caritas.
Certo, ma un libro di testo non e' un prodotto esclusivo che puo'
produrre solo una persona, lo possona fare in molti, quindi il prezzo
scendera' drasticamente.

Ti sei mai chiesto perche' un' automobile , che ha contenuti tecnologici
miliardari, la acquisti con poche decine di migliaia di euro ?

“E’ il mercato, bellezza, e non puoi farci niente!”
Shylock
2021-09-05 12:02:56 UTC
Rispondi
Permalink
Post by FrancoP
....
Post by Shylock
Post by FrancoP
Sai come funziona il mercato della domanda/offerta ?
Certo che lo so: se non hai problemi a vendere, aumenti il prezzo a piacere, fai buoni profitti e chi non si puo' permettere di comprare si attacca al c*zzo e va a mangiare croste alla caritas.
Certo, ma un libro di testo non e' un prodotto esclusivo che puo'
produrre solo una persona, lo possona fare in molti, quindi il prezzo
scendera' drasticamente.
OK, allora di cosa ti lamenti? Compralo da un altro, visto che non e' esclusivo.
FrancoP
2021-09-05 17:01:54 UTC
Rispondi
Permalink
Post by Shylock
Post by FrancoP
....
Post by Shylock
Post by FrancoP
Sai come funziona il mercato della domanda/offerta ?
Certo che lo so: se non hai problemi a vendere, aumenti il prezzo a piacere, fai buoni profitti e chi non si puo' permettere di comprare si attacca al c*zzo e va a mangiare croste alla caritas.
Certo, ma un libro di testo non e' un prodotto esclusivo che puo'
produrre solo una persona, lo possona fare in molti, quindi il prezzo
scendera' drasticamente.
OK, allora di cosa ti lamenti? Compralo da un altro, visto che non e' esclusivo.
Certo, se non ci fosse l' organizzazione a delinquere della scuola
pubblica ITALIANA che ti OBBLIGA ad acquistare QUEL libro...
Giangi72
2021-09-06 10:26:30 UTC
Rispondi
Permalink
Post by Shylock
[...]
Post by FrancoP
Ti pare brutto ?
Quello che pare a me e a te e' irrilevante: il libro e' stato scritto
da un autore ed e' lui a decidere come va distribuito.
Si bene, ma l' autore di un libro scolastico  VUOLE vendere quindi si
adeguera' al mercato altrimenti se lo tiene..
E' questo il punto.
L'autore vuole vendere, per questo si affida ad una casa editrice
altrimenti non lo conosce nessuno.
Per un momento lascia perdere i libri scolastici, pensa ad un romanzo.
Perchè scrittori iperaffermati non vendono da soli ma si affidano alle
case editrici?
Figurati se lo scrittore è un autore di un libro scolastico che,
normalemnte, è considerato meno di niente.
Giangi
FrancoP
2021-09-06 13:33:45 UTC
Rispondi
Permalink
Il 06/09/2021 12:26, Giangi72 ha scritto:
...
Post by Giangi72
Si bene, ma l' autore di un libro scolastico  VUOLE vendere quindi si
adeguera' al mercato altrimenti se lo tiene..
E' questo il punto.
L'autore vuole vendere, per questo si affida ad una casa editrice
altrimenti non lo conosce nessuno.
Per un momento lascia perdere i libri scolastici, pensa ad un romanzo.
Perchè scrittori iperaffermati non vendono da soli ma si affidano alle
case editrici?
Figurati se lo scrittore è un autore di un libro scolastico che,
normalemnte, è considerato meno di niente.
Giangi
Mah, se la scuola non costringesse ad acquistare quel preciso volume da
quella precisa casa editrice ma proponesse un ventaglio di testi, anche
scritti da molto tempo, come nel caso del greco e latino, scatterebbe la
concorrenza ed i prezzi scenderebbero di molto.

Il fatto vero e' che non *conviene* al personale docente e, quindi, gli
interessi dello studente vengono ignorati...
rootkit
2021-09-06 13:55:10 UTC
Rispondi
Permalink
Post by FrancoP
Mah, se la scuola non costringesse ad acquistare quel preciso volume da
quella precisa casa editrice ma proponesse un ventaglio di testi, anche
scritti da molto tempo, come nel caso del greco e latino, scatterebbe la
concorrenza ed i prezzi scenderebbero di molto.
Il fatto vero e' che non *conviene* al personale docente e, quindi, gli
interessi dello studente vengono ignorati...
quindi secondo te una scuola dovrebbe dire "ragazzi, questi sono 15 libri
di storia, ciascuno scelga quello che preferisce". quindi l'insegnante si
ritroverebbe che ogni studente di una classe potenzialmente potrebbe
studiare su un libro diverso.

secondo te questa cosa funziona? seriamente.
FrancoP
2021-09-06 14:25:38 UTC
Rispondi
Permalink
Il 06/09/2021 15:55, rootkit ha scritto:
....
Post by rootkit
quindi secondo te una scuola dovrebbe dire "ragazzi, questi sono 15 libri
di storia, ciascuno scelga quello che preferisce". quindi l'insegnante si
ritroverebbe che ogni studente di una classe potenzialmente potrebbe
studiare su un libro diverso.
secondo te questa cosa funziona? seriamente.
Ma certo che funziona, se voglio studiare la II guerra mondiale pensi
che libri diversi scrivino cose diverse ?

L' Insegnante spiega con il suo *sapere*, non dovrebbe avere bisogno di
un libro, ed i ragazzi riscontrano quello che ha detto su un libro dei
15 assegnati.

Dove sta' il problema ?

Non siamo mica all' asilo...
rootkit
2021-09-04 19:20:45 UTC
Rispondi
Permalink
Post by FrancoP
....
Post by FrancoP
2) Relativamente all' istruzione penso esistano migliaia di testi di
questo tipo che garantiscono una istruzione corretta.
si infatti. immaginati come sarebbe studiare la geografia anche solo su
un libro degli anni 80.
Non c'e' solo geografia,
no infatti ci sono anche le materie scientifiche e tecnologiche. peggio
mi sento.
ma anche la letteratura, quindi nessun scrittore contemporaneo.
e la storia? come dire di tutto il 900 non se ne parla proprio.
FrancoP
2021-09-05 03:59:15 UTC
Rispondi
Permalink
Il 04/09/2021 21:20, rootkit ha scritto:
....
Post by rootkit
Post by FrancoP
Non c'e' solo geografia,
no infatti ci sono anche le materie scientifiche e tecnologiche. peggio
mi sento.
ma anche la letteratura, quindi nessun scrittore contemporaneo.
e la storia? come dire di tutto il 900 non se ne parla proprio.
Non c'e' peggior sordo di chi non vuole sentire...

Il MONDO, anche grazie ad internet, e' pieno di documentazione free,
aggiornata in tempo reale, cosa che la carta non puo' fare, che
potrebbe essere utilizzata per l' insegnamento a tutti i livelli:
elementare , medie, universita'...

Basterebbe solo organizzarsi, ma non si vuole, molto meglio lucrare sui
libri di carta dove case editrici ed insegnanti ci guadagnano e lo
studente, con la sua famiglia, ci perde.

Lo studente, per questa gente, e' un cliente da sfruttare non educare...
rootkit
2021-09-05 08:32:37 UTC
Rispondi
Permalink
Post by FrancoP
....
Post by rootkit
Post by FrancoP
Non c'e' solo geografia,
no infatti ci sono anche le materie scientifiche e tecnologiche. peggio
mi sento.
ma anche la letteratura, quindi nessun scrittore contemporaneo.
e la storia? come dire di tutto il 900 non se ne parla proprio.
Non c'e' peggior sordo di chi non vuole sentire...
Il MONDO, anche grazie ad internet, e' pieno di documentazione free,
aggiornata in tempo reale, cosa che la carta non puo' fare, che
elementare , medie, universita'...
Basterebbe solo organizzarsi, ma non si vuole, molto meglio lucrare sui
libri di carta dove case editrici ed insegnanti ci guadagnano e lo
studente, con la sua famiglia, ci perde.
Lo studente, per questa gente, e' un cliente da sfruttare non educare...
non è questione di essere sordi, sei te che sbarelli. fino al messaggio
scorso sostenevi che andava bene adottare testi digitalizzati di 70 e
passa anni fa, ora sei passato al "niente libri di testo, cercatelo su
google".
il prossimo passo quale sarà? abolire scuola e insegnanti? in fondo
youtube è piena di video tutorial in cui la gggente insegna, basta solo
organizzarsi e si può essere tutti autodidatti.
FrancoP
2021-09-05 09:02:39 UTC
Rispondi
Permalink
Il 05/09/2021 10:32, rootkit ha scritto:
....
Post by rootkit
Post by FrancoP
Lo studente, per questa gente, e' un cliente da sfruttare non educare...
non è questione di essere sordi, sei te che sbarelli. fino al messaggio
scorso sostenevi che andava bene adottare testi digitalizzati di 70 e
passa anni fa, ora sei passato al "niente libri di testo, cercatelo su
google".
Ho capito che la tua ragione di vita e' quella di sentirti vivo
contestando tutto e tutti, io ho detto che andrebbero bene testi di 70
anni fa per materie tipo greco e latino che, tra l' altro, sono i piu'
costosi attualmente.

Per il resto potrebbero andar bene testi free scaricati direttamente da
internet, non credo che nei testi nuovi di zecca ci siano rivelazioni
necessarie ad uno studente..
Post by rootkit
il prossimo passo quale sarà? abolire scuola e insegnanti? in fondo
youtube è piena di video tutorial in cui la gggente insegna, basta solo
organizzarsi e si può essere tutti autodidatti.
Imho la scuola ed insegnanti attuale e' un pachiderma pubblico che ha
come unico scopo foraggiare chi ci lavora ( si fa per dire ) e non chi
studia.

Una buona soluzione sarebbe quella di PRIVATIZZARE tutta la scuola e
lasciare al giudizio dello studente o del genitore decidere presso quale
istituto spendere i soldi che lo stato destina a chi ne ha VERAMENTE
bisogno.

I costi scenderebbero ad 1 decimo mentre la qialita' dell' istruzione
salirebbe di un fattore 10..
rootkit
2021-09-05 12:14:31 UTC
Rispondi
Permalink
Post by FrancoP
....
Post by rootkit
Post by FrancoP
Lo studente, per questa gente, e' un cliente da sfruttare non educare...
non è questione di essere sordi, sei te che sbarelli. fino al messaggio
scorso sostenevi che andava bene adottare testi digitalizzati di 70 e
passa anni fa, ora sei passato al "niente libri di testo, cercatelo su
google".
Ho capito che la tua ragione di vita
mi fa piacere tu abbia capito la mia, ora non ti resta che capire la tua.
ti garantisco che rispondo solo ad una frazione delle tue insulsaggini e
skippo la maggior parte più demenziale. fidati ne produci una quantità
industriale che non si riesce a starti dietro.
FrancoP
2021-09-05 17:00:52 UTC
Rispondi
Permalink
Il 05/09/2021 14:14, rootkit ha scritto:
...
Post by rootkit
Post by FrancoP
Ho capito che la tua ragione di vita
mi fa piacere tu abbia capito la mia, ora non ti resta che capire la tua.
ti garantisco che rispondo solo ad una frazione delle tue insulsaggini e
skippo la maggior parte più demenziale. fidati ne produci una quantità
industriale che non si riesce a starti dietro.
Ok, ti sei innervosito perche' non sai cosa rispondere ed inizi ad
offendere..

Mi dispiace perche', a volte scrivi cose sensate che condivido...
Ti lascio con il tuo problema esistenziale..

Ciao
Roberto Deboni DMIsr
2021-09-05 09:26:31 UTC
Rispondi
Permalink
Post by FrancoP
Post by lynd fletcher®
credo che per ogni libro cartaceo recente si abbia sempre una
versione elettronica, bisognerebbe contattare l'editore/autore su
come rinvenirlo in rete.
Non credo, non vorrai mica che l' editore/autore si seghi il ramo
dell' albero su cui comodamente siede, vero ?
ho capito cosa vuoi dire, ma come vedi anche con un libro elettronico
"qualcosa" la incassano, il problema è che si possono duplicare molto
più facilmente di quelli cartacei ed è questo che li fa desistere.
A livello universitario quando gli studenti si organizzano, neanche
il cartaceo e' al sicuro dalla conversione in PDF.

Ecco un esempio fornito istituzionalmente:

<https://bibliotecadigitale.cab.unipd.it/chi_siamo/servizi-sba/riproduzione-e-stampa-documenti>

"E' inoltre possibile effettuare scansioni di documenti che vengono
inviati in formato PDF, direttamente ad un proprio indirizzo di
posta elettronica."

Si tratta del sistema bibliotecario e quindi sono inclusi libri.
Ecco le "esclusioni":

"Sono esclusi dal servizio di riproduzione i volumi rari, di pregio,
manoscritti, grandi formati, spartiti e partiture musicali, fotografie
e materiale in cattivo stato di conservazione."

E per quanto riguarda i "diritti":

"Diritto d'autore"

"È consentita la fotoriproduzione nel rispetto delle norme vigenti in
materia di tutela del diritto d'autore, Legge 22 aprile 1941 n. 633
e successive modificazioni."

"L'utente si assume ogni responsabilità per l'uso che verrà fatto delle
riproduzioni, essendo severamente vietata qualsiasi successiva
riproduzione o pubblicazione per uso commerciale."

Dato che l'ambito di questa discussione e' l'uso personale, direi
che il requisito e' soddisfatto.

Notare che questo e' un servizio on-line fornito in modo trasparente
da un ente pubblico, quindi, poi ci sono anche le copisterie
universitarie e non, private.

A proposito di uso personale, la questione ci porta ad un classico
quesito:

"Posso legalmente farmi un PDF di un libro di mia proprieta' (quindi
avendo gia' pagato il diritto d'autore e quelli della casa editrice) ?"

In parallelo al concetto del diritto di una copia di sicurezza del
software acquistato, negli Stati Uniti e' possibile, anche se non
mi e' chiaro se si tratta di una prassi delle case editrici o
un diritto dell'utilizzatore pagante:

<https://www.wired.it/play/libri/2015/11/11/come-ottenere-versioni-ebook-dei-tuoi-libri-cartacei/?refresh_ce=>

"... per poter ottenere una versione digitale scontata, l’utente deve
dimostrare di possedere effettivamente quel libro (altrimenti
basterebbe fare un giro in biblioteca e scattare foto a tradimento),
e il modo più semplice per farlo al momento è “autografare” il
controfrontespizio."

Pero', l'articolo e' del 2015 e il dominio citato

<http://www.shelfie.com/> non pare piu' attivo.

A proposito, riguardo a chi insiste sugli e-book:

"Poco più di un mese fa, in un articolo su New York Times Alexandra
Altern descriveva un calo del 10% delle vendite di ebook nei primi
cinque mesi del 2015."

"I dati infatti raccontano un’altra storia: se è vero che le vendite
digitali dei grandi editori sono calate, è altrettanto vero che le
vendite dei titoli di editori indipendenti e di libri privi di codice
ISBN sono aumentate significativamente. Nel giro di un anno, il peso
degli autori tradizionali sul Kindle Store, ad oggi ancora la
piattaforma di riferimento, è calato dal 58% al 41%. Basta sapere far
di conto per capire che, con buona pace degli editori che brindano al
ritorno del libro cartaceo, il futuro dell’editoria è destinato ad
premiare una convivenza tra i due formati."

E nella statistica non hanno considerato i PDF, che hanno molti vantaggi
degli e-book, ma sono meno dipendenti da fattori "proprietari".
E tra parentesi, anche i PDF possono essere protetti con una password
personale per ogni acquirente (la password e' ovviamente generata
dall'editore per creare l'univocita' della copia personale).

Riflessione di chiusura:

"In questa cornice, Shelfie è al momento l’unica realtà a proporre un
modello di convivenza sostenibile. L’idea di poter acquistare una
versione digitale scontata di libri già acquistati non è solo
ragionevole per l’utenza, rappresenta anche un’ulteriore opportunità
di guadagno per l’editore (che al momento costringe il lettore a
scegliere tra un formato e l’altro), e potenzialmente anche per lo
scrittore."

"A voler seguire il buonsenso, l’unico a non trarre beneficio da
un’operazione come quella iniziata da Shelfie è Amazon, che rischia
di rimanere tagliato fuori proprio a causa delle barriere protettive
che ha consolidato in tutti questi anni (dal formato .mobi ai limiti
di Kindle Matchbook), nella sciocca speranza di monopolizzare un
mercato ormai impossibile da controllare."

Dunque, il sito ora e' morto, ho cercato per vedere cosa e'
accaduto:

<https://the-digital-reader.com/2017/01/30/shelfie-shutdown-31-january-download-ebooks-now/>

Siamo nel 2017, due anni dopo e sul sito Shelfie e' apparso:
----------------------------------------------------------------------
We regret to inform you that Shelfie will be ceasing operations on
January 31, 2017. What this means for Shelfie users:

Our servers will be shutting down on January 31. You can
re-download any DRM-free books between now and then.
You no longer have access to DRM (.acsm) books.
Your app will cease to function in a meaningful way on January 31.

We started Shelfie with the idea of connecting books and readers
and we have worked hard over the past four years to make that a reality.
We are grateful for the support we have received from amazing readers
like you, who have been a part of Shelfie.

Keep reading,
The Shelfie Team
----------------------------------------------------------------------

La storia:

"Launched in 2013, Shelfie (or as it was known then, Bitlit) was based
on a simple idea. Download its app, take a photo of the print books on
your shelves, and it would tell you which titles had matching ebooks
you could download for free or at a low cost."

Ahh, vedo menzionato uno dei miei editori preferiti:

"And technical publisher O’Reilly has offered a similar bundle option
for years, albeit only for titles sold through its website."

Ed infatti ho una copia PDF senza costo di un loro grosso librone
(che e' veramente pesante da prendere in mano).
Cioe' che e' interessante e' che il servizio Shelfie non ha chiuso
per quale ragione giuridica o cause legali, ma semplicemente perche'
fare da intermediari sul "gratis" non rende (ovvero e' un servizio
che puo' offrire solo una comunita' di volontari, come, per fare un
paragone, esiste una Wikipedia). Infatti:

"There’s no public mention of why the service is closing, but Shelfie
founder Peter Hudson told me by email that “In the end the unit
economics of ebook sales just don’t make much sense if you don’t own
the platform like Apple, Google, or Amazon.”

Riguardo ad Amazon:

"Amazon has a similar service called Kindle Matchbook, which also
launched in 2013."

Leggendo le risposte dei lettori scopriamo che:

<https://www.kobo.com/news/rakuten-kobo-acquires-shelfie-technology>

"Rakuten Kobo Inc., one of the world’s most innovative eReading
companies, today announced it has acquired Shelfie, a service that
was built to enable customers to get free or discounted eBook versions
of books in their print libraries, and get recommendations based on
print books they already own. The deal includes technology assets, IP,
and the infrastructure on which the ecosystem runs; it also includes
hiring Shelfie’s skilled team, which specializes in the application of
big data and machine learning for book discovery."

Quindi non e' la fine del servizio:

"Kobo worked with Shelfie to offer its customers the opportunity to
transfer their eBook libraries to Kobo’s platform, ensuring they would
continue to have access to their digital books. Over the coming months,
Kobo will work to integrate the Shelfie platform into its Android and
iOS apps, enabling readers to add their print libraries to their
reading history to generate ever more tailored eBook recommendations,
as well as the option to get digital versions of print titles they
already own."

Oppure no ? Infatti, scavando ancora trovo:

<https://goodereader.com/blog/e-book-news/buy-print-and-get-a-free-ebook-bundling-will-never-happen>

<https://web.archive.org/web/20201003110346/https://goodereader.com/blog/e-book-news/buy-print-and-get-a-free-ebook-bundling-will-never-happen>

Siamo nel 2020 e leggiamo:

"Various companies have experimented with giving an ebook away for a
very low cost or even for free, if you bought a print edition."

Ma l'autore dice che tutti avrebbero fatto retromarcia. Motivo ?

"The first thing that is important to know that publishers have
different budgets for print and ebooks and it is normally completely
different departments. Developing an ebook edition actually costs the
publisher more, than doing print, because they have it down to a
science. Ebooks need scaled versions of cover art, metadata for things
such as ISBN numbers for search, a hyperlinked version of the table of
contents and much more."

Questo commento pero' schiva la questione dei PDF (il cui costo e' cosi'
irrisorio, ovvero e' cosi' facile da fare, che molti lo fanno in
fai-da-te). In ogni caso, a leggere, pare che il servizio di una
copia digitale per ogni testo fisico venduto, sia in declino:

"Now that Amazon has bowed out of ebook bundling, there are not many
entrants left that can pull this off to scale. Kobo only sells
audiobooks and ebooks, Barnes and Noble has no intention of bundling
Nook content with print, they have a million problems to deal with
first. Apple only sells digital editions and not print. Scribd,
Storytel and other subscription sites only deal with digital and not
print. Google might be in the best position to pull something like
this off, but it is unlikely."

In tutto questo pero' non e' chiaro il "diritto" dell'utente
(in Italia ?) se farsi "fai-da-te" una copia per uso personale del
"tomo" fisico in suo possesso.

In ogni caso, oggi i dibatti in rete paiono andare in un altra
direzione:

"Chi acquista libri elettronici acquista ancora copie fisiche ?"

La sostanza e' che l'acquirente, a causa della resistenza o
contrarieta' degli editori di abbinare un ebook alla copia fisica,
si trova davanti ad un dilemma in fase di acquisto:

"Acquisto l'ebook oppure il libro fisico ?"

Per motivi di praticita' finisce che acquista l'ebook, ma una
volta fatta la spesa, e' riluttante a spendere ancora (e di piu')
per la copia fisica. In altre parole, la prassi degli editori
di negare la copia digitale agli acquirenti della ben piu'
costosa copia fisica, sta condannando a morte le tipografie ...

C'e' ancora chi vuole avere una copia fisica (che funziona sempre
e non e' "cancellabile" eventi EMC), ma certe prassi commerciali
lo rendono doppiamente costoso, vista la comodita' di ebook (o
meglio, di un PDF).


Questa messaggio non risponde alla questione dell'OP sui libri
digitali a costo piu' basso, ma sicuramente affronterebbe la questione
dello zaino pieno di libri, ovvero se uno ha acquistato 1000 euro
di libri scolastici, avrebbe o no il diritto alla relativa copia
digitale ?
Shylock
2021-09-04 09:40:51 UTC
Rispondi
Permalink
Post by FrancoP
Ciao,
Mi sto informando per dei libri scolastici .
Bravo, finalmente hai preso una buona decisione.

Ritorna sui banchi ed evita di postare fino alla conclusione della licenza elementare.
FrancoP
2021-09-04 10:55:22 UTC
Rispondi
Permalink
Post by Shylock
Post by FrancoP
Ciao,
Mi sto informando per dei libri scolastici .
Bravo, finalmente hai preso una buona decisione.
Ritorna sui banchi ed evita di postare fino alla conclusione della licenza elementare.
Ho capito che a te discutere di struzione disturba tanto che cerchi di
buttare il thread in vacca...
Shylock
2021-09-04 15:27:39 UTC
Rispondi
Permalink
...
Post by FrancoP
Ho capito che a te discutere di struzione disturba tanto che cerchi di
buttare il thread in vacca...
Ogni cosa al suo posto.
Nel TUO posto, cioe'
Usi la partita IVA per comprare i libri di sqola?
Ghost
2021-09-06 03:27:34 UTC
Rispondi
Permalink
Post by FrancoP
Ciao,
Mi sto informando per dei libri scolastici .
Ho visto che, alcuni, sono dei mattoni che pesano un sacco.
Esiste, per ogni libro pubblicato, una versione elettronica in PDF
oppure non la fanno perche' *devono* vendere la carta ?
Ben sai che Il formato in pdf ovvero la carta ovvero il formato che ti pare
e' l'ultimo dei problemi.

E' invece un enorme consolidato sistema a ragnatela di ipocriti
opportunismi tra lobby, corporazioni, sindacati, polici e affini, collusi
di ogni genere e lacche', postifici quindi bacini di voti e altro di peggio
ancora.

Lo strumento ossia la materia prima della filiera di cui sopra sono le
proli, tra l'altro facili da plagiare e se e' il caso da piegare, da
utilizzare ipocritamente pure come giustificazione ma anche per fini piu'
abbietti oltreche' come ricatto vs le rispettive famiglie di cui le c.d.
politiche sociali sulla famiglia in realta' facendo da sceriffo di
nottingham.

Poi blaterano di digitale e di altre fantasticherie, ora ancor piu' ma
giusto per prendere i soldi del recovery found da quei fessi che lo
foraggiano, nei fatti invece e' solo una parte di un sistema marcio fin nel
midollo.
Ghost
2021-09-06 04:57:34 UTC
Rispondi
Permalink
Post by Ghost
polici
politici
FrancoP
2021-09-06 07:29:08 UTC
Rispondi
Permalink
Il 06/09/2021 05:27, Ghost ha scritto:
...
Post by Ghost
Poi blaterano di digitale e di altre fantasticherie, ora ancor piu' ma
giusto per prendere i soldi del recovery found da quei fessi che lo
foraggiano, nei fatti invece e' solo una parte di un sistema marcio fin nel
midollo.
Quanto hai ragione !
Ma gli italiani, ora quasi scolarizzati, non se ne accorgono ? Oppure
parte sono collusi ( statali ) per cui non se ne uscira' mai ?

Imho l' Italia, se non avesse questo macigno al collo, sarebbe il paese
piu' ricco del mondo e gli svizzeri verrebbero da noi a pietire un lavoro...
Ghost
2021-09-06 08:57:35 UTC
Rispondi
Permalink
Post by FrancoP
...
Post by Ghost
Poi blaterano di digitale e di altre fantasticherie, ora ancor piu'
ma giusto per prendere i soldi del recovery found da quei fessi che
lo foraggiano, nei fatti invece e' solo una parte di un sistema
marcio fin nel midollo.
Quanto hai ragione !
Ma gli italiani, ora quasi scolarizzati, non se ne accorgono ? Oppure
parte sono collusi ( statali ) per cui non se ne uscira' mai ?
Statali o meno poco importa anche perche' le collusioni e le corruzioni, a
qualsiasi livello, implicano l'intreccio di tutte le parti di cui gia'
accennai.

Il dato di fatto e' che gli italiani, come pure ben altri, ben sanno anche
perche' lo status sociale ed economico, quello reale e non quello declamato
dai media, e' palese ma preferendo fare come le tre scimmie, non vedo, non
sento, non parlo e avidamente nonche' cinicamente pensando al solo profitto
personale, al mors tua vita mea.

Se una pandemia globale non e' riuscita minimamente a scalpire quanto su
esposto beh, ahinoi, non rimmane altro che attenderci soltanto che il
peggio ... e poi sproloquiano dei talebani ecc.
Post by FrancoP
Imho l' Italia, se non avesse questo macigno al collo, sarebbe il
paese piu' ricco del mondo e gli svizzeri verrebbero da noi a pietire
un lavoro...
Penso che tu riferisci quale peso vs l'apparato pachidermico statale (?) e
se cosi' e' ormai anni che accade pure in Svizzera, piu' ancora nel cantone
ticinese, come pure accade in altri paesi sebbene, perlomeno, avendo
tutt'altro sistema e pressioni fiscali al confronto dell'italia in cui
invece che in quest'ultimo paese la corruzione avviene come status pro
senza alcun pudore, liberamente, apertamente e senza scrupolo alcuno.
Continua a leggere su narkive:
Loading...