Discussione:
Lilli Gruber: "L'informazione è parzialissima"
Aggiungi Risposta
Hugo Stiglitz
2021-11-13 00:12:14 UTC
Rispondi
Permalink

--
Italiani sempre rumore, sempre cantare chitarra e
mandolino! Silenzio! Teteschi noi, no italiani mandolino.
Pierfrancesco
2021-11-13 09:14:14 UTC
Rispondi
Permalink
Post by Hugo Stiglitz
http://youtu.be/eIYQ_mIg6Z4
Chesia un po' addomesticata e' ovvio... tuttavia resto dell'idea che
sia cosi' per non attizzare inutili e stupide contestazioni basate sul
nulla.
--
Questo post vuole essere solo uno spunto di riflessione.
Roberto Deboni DMIsr
2021-11-14 02:19:10 UTC
Rispondi
Permalink
Post by Hugo Stiglitz
http://youtu.be/eIYQ_mIg6Z4
Non e' Lilli Gruber a dirlo, ma l'esimio Massimo Cacciari.

Quanto accade in Italia da ormai venti anni mi richiama il
detto: "non c'e' peggio sordo di chi non vuol sentire".

La sig.ra Gruber chiede al sig.Cacciari se si dovrebbe
dare la parola ai "NOVAX".

Cacciari replica che lui e' costretto a navigare sulla rete per
leggere le posizioni di scienziati, immunologhi, insomma esperti
e competenti nella materia. Il sottinteso e' che ogni posizioni
non combacciante con la linea decisa dal sig.Speranza o dal governo
che sia, e' di fatto censurata (magari non e' un censura nel senso
di un correttore di bozze che usa un pennarello nero per
cancellare le frasi "sconce", ma c'e' sicuramente una
"conventio ad excludendum" di ogni voce "fastidiosa" al governo,
un tacito accordo, talmente ampio e diffuso da essere anche piu'
efficace di una censura totale.

Cacciari cita che svariati esperti gli scrivono perche' comunichi
sui media cio' che altrimenti non riescono a fare, contando sul
fatto che qualche volta il sig.Cacciari riesce a passare lo
sbarramento del tacito accordo ad escludere ogni voce dissenziente.
Come in effetti e' la sua apparizione in quella trasmissione.

E mentre parla il sig.Cacciari ecco la solita maleducazione permessa
dai moderatori italiani: dovrebbero imparare dalle televisioni
tedesche (visbili tramite satellitare o streaming) ci sono
dibattiti sugli stessi temi discussi in Italia, ma i partecipanti
non vengono derisi, viene lasciato loro il tempo di fare frasi compiute.
E cosa piu' importante, in questo modo lo spettatore capisce con
chiarezza quale e' ogni ragionamento "in lizza" e puo' fare una *SUA*
idea di tutta la vicenda. In altre parole, un tentativo di dare del
bugiardo all'oppositore, nel modo piu' subdolo possibile (tipicamente
femminile ? non me ne vogliano le donne, ma non e' colpa loro se la
maggior parte di loro e' stata educata ad agire in un certo modo
"indiretto" - io sono convinto assertore della parita' dei sessi,
ma sono convinto che esista solo se bambine e bambini sono educati
allo stesso identico modo - vedi "Dalla parte delle bambine" di
Elena Gianini Belotti per capire cio' che intendo).

Il sig.Cacciari che di dignita' ne ha da vendere, giustamente tace
subito. Come ho anticipato: e' inutile urlare a chi non vuole sentire;
che non e' "sordo".

E qui la sig.ra Gruber insiste con la sua "sordita'", affermando
che e' vero che non invita i NOVAX (*). Il sig.Cacciari
comprensibilmente esasperato da come le due donne lo stanno prendendo
in giro, rimarca che lui non si riferisce in alcun modo ai NOVAX
(e' la sig.ra Gruber che insiste a dirottare il discorso sui NOVAX).

(*) non invitare un oppositore e' la definizione di propaganda,
cara sig,ra Gruber, non di pubblica informazione. E il fatto che tutti
i media si comportano come la La7 e' la prova provata che siamo
sotto un regime fascista, ove l'informazione "unilaterale" e' tutto.
E il fatto che diano la parola ad un Cacciari per poi di fatto
deriderlo, non e' affatto pluralita' della informazione, ma uno
spregevole tentativo di deligittimarlo sui social.

Qui, nel nome della salute si sta abituando la gente a
considerare secondario il diritto di opinione e di informazione.

Stiamo assistendo ad una specie di accanimento teraupetico di massa
e sicuramente cio' fa grande piacere agli azionisti delle case
farmaceutiche, anche se non fosse dimostrato che stanno
manipolando i politici al governo e in Parlamento. E chi, in un
modo o l'altro, passa le veline a tutti i media nazionali.

Mai come con il Covid-19, in Italia si e' scontrata la vile
paura di preferisce vendere la propria liberta' in cambio di
promesse (peraltro irreale, come Bergamo dimostra) di sicurezza,
contro chi invece preferisce rischiare anche in prima persona,
pur di non vedersi calpestare nel nome dell'interesse dello Stato.

Io sono con Cacciari.
LB
2021-11-14 08:30:13 UTC
Rispondi
Permalink
Post by Roberto Deboni DMIsr
Mai come con il Covid-19, in Italia si e' scontrata la vile
paura di preferisce vendere la propria liberta' in cambio di
promesse (peraltro irreale, come Bergamo dimostra) di sicurezza,
contro chi invece preferisce rischiare anche in prima persona,
pur di non vedersi calpestare nel nome dell'interesse dello Stato.
Bergamo dimostra l'esatto contrario.
Quel che è successo in quella zona è la conseguenza (inconsapevole e
parzialmente inevitabile)) del liberi tutti in presenza del virus.
In altre zone di Italia, soprattutto al sud, si è avuta l'opportunità e
il tempo di assistere a quanto accadeva a Bergamo e optare per la
"vendita di libertà" in cambio di sicurezza.
Roberto Deboni DMIsr
2021-11-14 10:57:49 UTC
Rispondi
Permalink
Post by LB
Post by Roberto Deboni DMIsr
Mai come con il Covid-19, in Italia si e' scontrata la vile
paura di preferisce vendere la propria liberta' in cambio di
promesse (peraltro irreale, come Bergamo dimostra) di sicurezza,
contro chi invece preferisce rischiare anche in prima persona,
pur di non vedersi calpestare nel nome dell'interesse dello Stato.
Bergamo dimostra l'esatto contrario.
Cielo! E' impossibile spiegare le cose ad un fascista
"reale" (come si scrive "comunismo reale", quindi non prendete
il termine "fascista" come insulto oppure l'implicazione che
voi amate Mussolini e i ricordi del ventennio) senza prima
una totale rieducazione per cancellare una vita di "lavaggio
mentale", che ora stavolge ogni sua percezione.
Post by LB
Quel che è successo in quella zona è la conseguenza (inconsapevole e
parzialmente inevitabile)) del liberi tutti in presenza del virus.
CHE NON E' IN ALCUN MODO CIO' CHE HO SCRITTO! (riguardo alle
percezioni ...).

Quanto accaduto a Bergamo non ha nulla a che fare con il diritto
alla liberta', come MINIMO perche' non c'e' stata alcuna vera
informazione! La democrazia libertaria implica sempre una scelta
informata ed e' per questo che e' basilare il diritto di informazione
e di parola !!! Come puo' anche solo implicare che a Bergamo sono
state fatte scelte informate ?!!! Ovviamente lei qui non lo ha fatto.
Ed allora, di cosa ciancia!!! Ha presente il viso sfatto di
Cacciari all'ennesima canagliata propagandistica (dalla derisione
alla finta sordita' della conduttrice) ? Ebbene, questa e' la
mia espressione attuale. Sono stanco, stufo di questo muro di
ottusita', di equivoci, di incomprensione delle regole basilari
di struttura sociale che una volta si insegnava alle media durante
le ore di educazione civica.
Post by LB
In altre zone di Italia, soprattutto al sud, si è avuta l'opportunità e
il tempo di assistere a quanto accadeva a Bergamo e optare per la
"vendita di libertà" in cambio di sicurezza.
Nulla vieta che in democrazia si possa agire con misure d'emergenza,
ma devono essere limitate nel tempo (massimo settimane) e il
proseguo delle azioni deve essere concordato e affrontato
in modo informato, senza escludere alcuna voce. E' questo
che il fascista non riesce a capire, abituato alla logica del:

"solo i pubblici ufficiali si occuperanno degli affari pubblici,
perché pagati per farlo, i cittadini non se ne occuperanno
perchè non è il loro posto nello Stato"

Nulla da fare, il fascista sbanda tra estremi, o tutto o niente,
ed usa senza scrupoli i metodi piu' indiretti (come dileggio,
derisione, insulto, censura e se non basta, omerta', e quindi
disonesti) con animo del tutto sereno, tanto forte e' il suo
convincimento di avere il diritto di intromettersi nella vita altrui.

Sono stanco.

PS: tutta questa vicenda da Bergamo in poi, aumentano le ragioni
di quelle regioni che vogliono l'indipendenza.
Roberto Deboni DMIsr
2021-11-14 16:16:20 UTC
Rispondi
Permalink
Post by Roberto Deboni DMIsr
Cielo! E' impossibile spiegare le cose ad un fascista
"reale" (come si scrive "comunismo reale", quindi non prendete
il termine "fascista" come insulto oppure l'implicazione che
voi amate Mussolini e i ricordi del ventennio)
esistono anche comunisti e fascisti complessi?
Evitiamo battute che capiscono solo i matematici e ingegneri.
LB
2021-11-15 00:41:26 UTC
Rispondi
Permalink
Post by Roberto Deboni DMIsr
Post by LB
Post by Roberto Deboni DMIsr
Mai come con il Covid-19, in Italia si e' scontrata la vile
paura di preferisce vendere la propria liberta' in cambio di
promesse (peraltro irreale, come Bergamo dimostra) di sicurezza,
contro chi invece preferisce rischiare anche in prima persona,
pur di non vedersi calpestare nel nome dell'interesse dello Stato.
Bergamo dimostra l'esatto contrario.
Cielo! E' impossibile spiegare le cose ad un fascista
"reale" (come si scrive "comunismo reale", quindi non prendete
il termine "fascista" come insulto oppure l'implicazione che
voi amate Mussolini e i ricordi del ventennio) senza prima
una totale rieducazione per cancellare una vita di "lavaggio
mentale", che ora stavolge ogni sua percezione.
.
Mi spieghi cosa sarebbe questa vita di lavaggio mentale che stravolge
ogni percezione (ovviamente degli altri, non sua).
Post by Roberto Deboni DMIsr
Post by LB
Quel che è successo in quella zona è la conseguenza (inconsapevole e
parzialmente inevitabile)) del liberi tutti in presenza del virus.
CHE NON E' IN ALCUN MODO CIO' CHE HO SCRITTO! (riguardo alle
percezioni ...).
E IO NON LE HO DETTO CHE LO HA SCRITTO!
Le ho solo spiegato che quanto accaduto a Bergamo non dimostra per nulla
l'irrealtà (parola sua) della promessa di sicurezza in cambio di
libertà, semplicemente perché questo scambio non c'è stato con l'esito
che conosciamo.
Post by Roberto Deboni DMIsr
Quanto accaduto a Bergamo non ha nulla a che fare con il diritto
alla liberta', come MINIMO perche' non c'e' stata alcuna vera
informazione! La democrazia libertaria implica sempre una scelta
informata ed e' per questo che e' basilare il diritto di informazione
e di parola !!! Come puo' anche solo implicare che a Bergamo sono
state fatte scelte informate ?!!! Ovviamente lei qui non lo ha fatto.
Ed allora, di cosa ciancia!!!
In una situazione di emergenza come quella di Bergamo lei pensa che il
diritto di informazione avesse priorità sull'emergenza sanitaria?
Tutto quello che lei dice, fa parte del dopo.
Post by Roberto Deboni DMIsr
Nulla vieta che in democrazia si possa agire con misure d'emergenza,
ma devono essere limitate nel tempo (massimo settimane)
Se il fattore che scatena l'emergenza non è limitato, come può stabilire
un limite per l'emergenza?
Potrà non chiamarla più emergenza, ma le misure introdotte per ridurre
il rischio deve comunque mantenerle o migliorarle.
Post by Roberto Deboni DMIsr
e il proseguo delle azioni deve essere concordato e affrontato
in modo informato, senza escludere alcuna voce. E' questo
"solo i pubblici ufficiali si occuperanno degli affari pubblici,
 perché pagati per farlo, i cittadini non se ne occuperanno
 perchè non è il loro posto nello Stato"
Auspica una democrazia referendaria o un sistema alla Rousseau dei 5S?
Diversamente, faccio fatica a capire come possa attuare un sistema in
cui le azioni devono essere concordate senza escludere alcuna voce
(presumo si riferisca alla popolazione). Credo che sia piuttosto utopico.
Post by Roberto Deboni DMIsr
Nulla da fare, il fascista sbanda tra estremi, o tutto o niente,
ed usa senza scrupoli i metodi piu' indiretti (come dileggio,
derisione, insulto, censura e se non basta, omerta', e quindi
disonesti) con animo del tutto sereno, tanto forte e' il suo
convincimento di avere il diritto di intromettersi nella vita altrui.
Sempre questi fascisti, maledetti.
Post by Roberto Deboni DMIsr
Sono stanco.
PS: tutta questa vicenda da Bergamo in poi, aumentano le ragioni
di quelle regioni che vogliono l'indipendenza.
Le Regioni vogliono l'indipendenza, poi saranno i Comuni (ovviamente
quelli più ricchi) a volerla dalle Regioni...poi scopriremo che da soli
non si conta nulla e rifaremo il processo inverso.
carletto
2021-11-15 11:28:29 UTC
Rispondi
Permalink
Post by LB
Bergamo dimostra l'esatto contrario.
Quel che è successo in quella zona è la conseguenza (inconsapevole e
parzialmente inevitabile)) del liberi tutti in presenza del virus.
In altre zone di Italia, soprattutto al sud, si è avuta l'opportunità e
il tempo di assistere a quanto accadeva a Bergamo e optare per la
"vendita di libertà" in cambio di sicurezza.
Hai idea della profonda differenza socio-culturale di quella zona
d'Italia, relativamente alla "allocazione" delle persone anziane? Cioe',
detto brutalmente, al sud la percentuale di anziani ricoverati in RSA e'
di qualche ordine di grandezza inferiore.
Non sto dicendo se sia giusto o sbagliato, e' cosi' e basta.
Ora, siccome l'eccesso di mortalita' delle province incriminate e'
avvenuto pressoche' solo nelle RSA, queste sono diventate delle vere e
proprie bombe.
Soprattutto per il fatto che la cosiddetta "informazione" sull'emergenza
sanitaria di fatto e' stato terrorismo spesso fine a se' stesso, che ha
prodotto come unico risultato l'istantaneo e massivo abbandono del posto
di lavoro da parte degli operatori sanitari e socio-sanitari, un
ingiustificato si salvi chi puo', con migliaia di "ospiti" letteralmente
lasciati a se' stessi per giorni senza cure e a volte persino al freddo
e senza cibo.
Come ci si poteva aspettare che andasse diversamente?

carletto
Pigrotto
2021-11-14 14:33:52 UTC
Rispondi
Permalink
Post by Roberto Deboni DMIsr
Cacciari replica che lui e' costretto a navigare sulla rete per
leggere le posizioni di scienziati, immunologhi, insomma esperti
e competenti nella materia. Il sottinteso e' che ogni posizioni
non combacciante con la linea decisa dal sig.Speranza o dal governo
che sia, e' di fatto censurata (magari non e' un censura nel senso
di un correttore di bozze che usa un pennarello nero per
cancellare le frasi "sconce", ma c'e' sicuramente una
"conventio ad excludendum" di ogni voce "fastidiosa" al governo,
un tacito accordo, talmente ampio e diffuso da essere anche piu'
efficace di una censura totale.
Sì, questo è tutto abbastanza vero. C'è una linea decisa da Draghi, ma
in fondo è la stessa già decisa da Conte, e a ben vedere, sono le linee
decise dalle istituzioni sanitarie e dai governi di tutti i paesi più
saggi. Sono medicine politiche, amministrative, e sanitarie, amare, e
aggiungo, persino di dubbia efficacia di fronte a un problema enorme, di
portata storica, che ha cambiato di colpo molte partite, anche geopolitiche.
In questo nuovo scenario ci sono gli eroi e gli approfittatori.
Distinguere il grano dall'oglio, il bambino dall'acqua sporca, è in
effetti da filosofi. Non te lo puoi aspettare da un generale Figliuolo.
Tracciata la linea, peraltro comprensibile, lo Stato non fa prigionieri.
Nemmeno uno stato democratico. Tentennare è un rischio da politici
irresponsabili. Se la scienza ti dice terza dose o vaccini ai bambini,
va fatto. E chi tentenna è perduto. Forse è perduto anche chi non
tentenna, data l'enormità della situazione. Esagerare è un attimo.
Passare dalla fiducia nella scienza al scientismo è facile.
Per questo oggi a sostenere la linea ufficiale sono chiamati tutte le
forze politiche, tutte nello stesso governo (e l'unica che sta fuori ha
dichiarato di stare dalla parte sbagliata perchè non c'era più posto in
quella giusta).
Post by Roberto Deboni DMIsr
Cacciari cita che svariati esperti gli scrivono perche' comunichi
sui media cio' che altrimenti non riescono a fare, contando sul
fatto che qualche volta il sig.Cacciari riesce a passare lo
sbarramento del tacito accordo ad escludere ogni voce dissenziente.
Come in effetti e' la sua apparizione in quella trasmissione.
Premesso che in effetti, dare voce a chi ha negato l'esistenza
dell'epidemia, dei morti, della causa di quelle morti, ecc... è una
linea editoriale ragionevole: è giusto che di fronte all'enormità del
problema parli chi sa cosa sta dicendo, o almeno chi ha più probabilità
di sapere ciò che dice.
In ogni caso, il Fatto quotidiano ha riportato anche le opinioni di
scienziati più prudenti:

https://www.ilfattoquotidiano.it/2021/07/04/usa-uno-degli-scienziati-dellrna-messaggero-denuncia-censurato-da-linkedin-dopo-aver-espresso-preoccupazione-sulla-trasparenza-del-governo-rispetto-ai-potenziali-rischi-dei-vaccini-la-polemic/6249833/
Il corriere pubblica anche ricerche scientifiche meno rassicuranti
sull'efficacia dei vaccini in certi ambiti, in certi periodi, in certi
casi.
https://www.corriere.it/salute/dermatologia/21_novembre_13/vaccino-covid-pfizer-moderna-johnson-protezione-0d103418-446e-11ec-b1e5-ba5a56353c9e.shtml

Il Tempo di Franco Bechis ospita quotidianamente analisi più critiche.

Skytg24 dedica quotidianamente un approfondimento con scienziati di ogni
materia: virologi, epidemiologi, statistici, matematici, ricercatori...
di vari orientamenti.
Lilli Gruber -che ha dichiarato formalmente la sua linea editoriale- ha
comunque spesso ospite Cacciari e imprenditori critici sulle misure dei
governi.
La 7 in generale, ospita spesso voci meno governative non solo del mondo
filosofico ma del diritto (Cassese), della sociologia (Ricolfi), e non è
mancato nemmeno il dibattito acceso fra scienziati. Quindi no, non sono
escluse le idee più critiche. Certo non sono incoraggiate. Ma ripeto:
non siamo nello scenario ideale per dare in pasto all'opinione pubblica
messaggi contraddittori... perchè c'è bisogno che tutti remino nella
stessa direzione... e non è nemmeno scontato che sia quella giusta.
Semplicemente, l'alternativa è il naufragio.
Poi ci sono i terrappiattisti farneticanti, ma quelli anche messi in tv
si squalificano da soli per manifesta inferiorità razionale, inutile
concedere diritto di tribuna a chi non ha niente di sensato da dire.
Post by Roberto Deboni DMIsr
E mentre parla il sig.Cacciari ecco la solita maleducazione permessa
dai moderatori italiani: dovrebbero imparare dalle televisioni
tedesche (visbili tramite satellitare o streaming) ci sono
dibattiti sugli stessi temi discussi in Italia, ma i partecipanti
non vengono derisi, viene lasciato loro il tempo di fare frasi compiute.
Totalmente d'accordo. Trovo insopportabili le interruzioni (e gli
applausi), la caciara in genere di cui la tv abusa, per ragioni di
audience, di tempi televisivi, di strategia comunicativa, di vizio.
Post by Roberto Deboni DMIsr
(*) non invitare un oppositore e' la definizione di propaganda,
cara sig,ra Gruber, non di pubblica informazione. E il fatto che tutti
i media si comportano come la La7 e' la prova provata che siamo
sotto un regime fascista, ove l'informazione "unilaterale" e' tutto.
Questo no. I giornali devono essere liberi di seguire la propria linea
editoriale anche "di tendenza". Il pluralismo deve essere garantito
dalla pluralità di editori e di giornalisti, non certo dall'imposizione
al giornalista o all'editore di ospitare in ogni caso opinioni
antitetiche.
Post by Roberto Deboni DMIsr
Qui, nel nome della salute si sta abituando la gente a
considerare secondario il diritto di opinione e di informazione.
Il diritto di opinione non è affatto leso e nemmeno quello di informare,
benchè in effetti siano davvero secondari rispetto alla salute.
Ovviamente non c'è il diritto di diffondere notizie false e tendenziose
atte a turbare l'ordine pubblico. Nè si può obbligare Bechis a scrivere
anche cose filogovernative quando lui non ritiene di farlo.
Post by Roberto Deboni DMIsr
Stiamo assistendo ad una specie di accanimento teraupetico di massa
e sicuramente cio' fa grande piacere agli azionisti delle case
farmaceutiche, anche se non fosse dimostrato che stanno
manipolando i politici al governo e in Parlamento. E chi, in un
modo o l'altro, passa le veline a tutti i media nazionali.
Ci sono gli approfittatori, dicevo, nella vendita delle mascherine, dei
test diagnostici, dei vaccini, dell'inutile lattoferrina, degli
integratori, ma c'è pure chi ha rinunciato al profitto sul proprio pur
discusso vaccino (che in fondo funzionava quanto quello di Johnson e
Johnson, se non meglio).
Ma senza quello che chiami -esagerando- accanimento terapeutico, temo
che saremmo oggi nella condizione della Romania o della Bulgaria, o del
Brasile o dell'India. Insomma, i dati dei governi che hanno scelto di
non insistere con le vaccinazioni, sono tremendi.
Post by Roberto Deboni DMIsr
Mai come con il Covid-19, in Italia si e' scontrata la vile
paura di preferisce vendere la propria liberta' in cambio di
promesse (peraltro irreale, come Bergamo dimostra) di sicurezza,
contro chi invece preferisce rischiare anche in prima persona,
pur di non vedersi calpestare nel nome dell'interesse dello Stato.
Io sono con Cacciari.
Io pure sono con Cacciari, da mesi. E bisogna sempre stare molto attenti
contro chi cerca di approfittarsi della brutta situazione (senza negarla
o minimizzarla).
Però ti dico no, non è affatto vero che chi vuole rischiare in prima
persona senza vaccinarsi non possa farlo. Anzi. Può non vaccinarsi e
persino adunarsi e manifestare al limite della legalità.
Quello che non deve fare, è pretendere di mettere a rischio anche chi
invece non vuole rischiare, anche la comunità che lo circonda. Questo
no, non è libertà, bensì prevaricazione, se non procurata epidemia.
Roberto Deboni DMIsr
2021-11-14 17:18:25 UTC
Rispondi
Permalink
8>< ----

Nel mio piccolo, sono stanco come Cacciari, quindi mi limito
a replicare solo su due punti.
Post by Pigrotto
Post by Roberto Deboni DMIsr
(*) non invitare un oppositore e' la definizione di propaganda,
cara sig,ra Gruber, non di pubblica informazione. E il fatto che tutti
i media si comportano come la La7 e' la prova provata che siamo
sotto un regime fascista, ove l'informazione "unilaterale" e' tutto.
Questo no. I giornali devono essere liberi di seguire la propria linea
editoriale anche "di tendenza". Il pluralismo deve essere garantito
dalla pluralità di editori e di giornalisti, non certo dall'imposizione
al giornalista o all'editore di ospitare in ogni caso opinioni antitetiche.
Sbagliato! I giornali (se "di stampa" si tratta e non di documentari
a scopo di svago ... dichiarati per tali) *devono* riportare una
informazione completa per quanto di loro capacita'.
E qui non mi riferisco al fatto che non dovrebbero dare l'opinione
dell'editore (che invece dovrebbe essere dato sul nell'editoriale)
e che dell'opinione dei singoli dipendenti (i giornalisti) ad un
pubblico evoluto non gliene frega meno che niente (e chi sarebbero
per meritare la ribalta ?). Mi riferisco all'evitare di mentire per
omissione, nel momento che si nasconde una informazione nota che puo'
stravolgere la notizia, anche in senso contrario a quanto gradito
dall'editore (o da un giornalista, che ripeto, come mero tecnico
della comunicazione non ha il diritto, ma solo un privilegio che
non e' chiaro chi glielo ha concesso, di dare opinioni).
Io sono abituato alla stampa che, magari anche solo nell'ultime
due righe della notizia, riporta quanto dichiarato da chi ha un
altra versione della notizia, oppure la frase "il coinvolto e'
stato consultato ma ha rifiutato di prendere posizione" che e'
almeno utile a ricordare al lettore che potrebbe esistere un
"altra verita'". La forma di giornalismo descritta da lei, con la
cosidetta "linea editoriale" debordata fuori dall'editoriale (che,
come la pubblicita' ha un suo riquadro specifico "advertisement",
ovvero "editorial" nella stampa NON italiana) e' uno dei residui
rimasti dall'era fascista in Italia.

8>< ----
Post by Pigrotto
Ma senza quello che chiami -esagerando- accanimento terapeutico, temo
che saremmo oggi nella condizione della Romania o della Bulgaria, o del
Brasile o dell'India. Insomma, i dati dei governi che hanno scelto di
non insistere con le vaccinazioni, sono tremendi.
Oggi e' evidente che le somme sulle conseguenze del Covid-19 si
potranno tirare solo alla fine (si spera entro 3-4 anni, sperando
che non diventi una pandemia cronica), basta guardare i primi dati ISTAT
del 2020. Intendo dire che appare sempre di piu' che se l'Italia
non e' piu' in testa alle classifiche negative e' solo perche' chi
doveva morire e' morto. Da quello che sta accadendo in Germania e
altrove, pare che semplicemente chi i paesi che sono riusciti a
ritardare le ondate epidemiche hanno solo rinviato il destino di
quelli che ora stanno morendo. Magari anche lodevole, un anno di piu'
di vita, ma dimostra che in realta' i vaccini "sperimentali" non
funzionano come abbiano imparato per altri vaccini "storici" (che invece
sono il risultato di una scelta "collaudata" in anni di varie versioni),
ovvero anche nei paesi che finora hanno evitato il peggio, questi
vaccini non sembrano riuscire ad evitare una moria dei predisposti
(vulnerabili, o se vuole "predestinati"). Oggi ritengo che l'Italia
abbia dato fondo a questo "pool" di vulnerabili e quindi abbiamo solo
lo stillicidio di chi finora e' sfuggito e in massima parte di persone
anziane, ovvero che probabilmente morirebbero anche a causa di una
influenza.

A proposito dell'impatto del vaccino, la replica piu' idiota dei zeloti
allineati con la linea governativa e' che se il numero di vaccinati
in rianimazione e' piu' alto del numero di non vaccinati e dovuto al
fatto che oggi in Italia la maggioranza schiacciante della popolazione
e' vaccinata, quindi per riportare le parole del tizio che ha sbattuto
la porta (virtuale, ha chiuso il video), affermando che tutti dovrebbero
tornare a scuola di statistica prima di rivolgergli la parola (o giu'
di li'), e' solo questione di statistica.

Peccato che questo significa che il vaccino non funzioni
"come dovrebbe". Infatti se funzionasse, di vaccinati (almeno quelli
da almeno un mese dopo la seconda dose) non dovrebbero esserci che
qualche raro caso statistico in ospedale.

Ora con questo non voglia in alcun modo affermare che vaccinarsi non
serve, ma solo osservare come chi si e' posto con zelo a difendere
lo Stato abbia argomenti cosi' fallaci da potere essere spesso ritorti
contro di loro. E questa e' ragione sufficiente per spiegare perche'
lo Stato non vuole alcun contradditorio pacato e alla pari con
medici specializzati e scienziati, virologhi sulla questione
green-pass, vaccini e altro.
E questo e' ancora una volta la prova che lo Stato italiano si sta
muovendo con logiche fasciste, ovvero a difesa di posizioni
insostenibili in un contradditorio frontale alla pari. Come accaduto
fin dalla querele della pubblicazione del documento OMS con la tesi,
altrettanto insostenibile, che i documenti dell'OMS andrebbero scritti
a quattro mani (OMS + lo Stato coinvolto), alla faccia di una
INDISPENSABILE indipendenza di una organizzazione mondiale sulla
sanita', che invece, per l'importanza della materia, non dovrebbe
guardare in faccia a nessuno.

Divagazione: in realta' all'OMS sembrano piu' persone che fanno la
bella vita e quindi preoccupate che l'Italia ritiri i suoi finanziamenti
piuttosto che la salute degli italiani e della salute mondiale. Infatti
l'occultamento perpertato dal ministerio del sig.Speranza degli eventi
accaduti a Bergamo e in Italia in quei primi mesi, non solo ostacola
che si impari per evitare che in Italia si ripetano stragi come a
Bergamo, ma ha anche impedito agli altri paesi, ancora intonsi delle
pandemia, di capire come prevenire un simile disastro.

In quanto alla presunta "decadenza" del piano pandemico italiano
del 2006 come scusa per non eseguirlo, e' una emerita idiozia
evidente anche a chi di virologia non capisce molto, come il
sottoscritto. Infatti un piano pandemico contro malattie che si
contraggono per via aerea, come puo' non essere adeguato,
rispetto al nulla o peggio, una improvvisazione "alla toninelli",
anzi "alla speranza", nel reagire al Covid-19 ?!!!

La vera sensazione avuta dal sottoscritto, anzi, non e' stata
una sensazione, ma l'esatta declamazione delle parole di
ministri e Capo di Stato (sig.Mattarella, la mia memoria funziona
ancora), e' che si sono anteposti interessi particolari economici
(come un turismo che apportava solo il 3% del PIL), andando cosi'
a negare l'obbligo della mascherina una settimana prima di quando,
invece, il sottoscritto, alla notizia di cosa accadeva ha deciso
di mettersi la mascherina, in barba ad un apparente divieto ad
indossarla (qualcuno si ricorda le parole incredibili contro chi
affermava che le avrebbe utilizzate lo stesso ?). Ora, immaginate
se a Bergamo, nei giorni che poi, a posteriori, si e' visto essere
stati critici per la propagazione, si fosse iniziato subito ad
utilizzare le "mascherine altruistiche" (una definizione calzante
sulla loro reale funzione, perche' il chirurgo - l'altro nome e'
mascherine chirurgiche - non le usa per proteggere se stesso, ma
per evitare di spargere sui tagli del paziente i batteri e virus
di cui ogni uomo e' cronico portatore). L'effetto sicuro sarebbe
stata un propagazione rallentata della pandemia (perche' oggi e'
evidente che non si riesce a bloccarla, e' una illusione, ma
solo a "frenarla") il che avrebbe evitato di bloccare fuori dalle
sale di rianimazione persone che ne avevano disperato bisogno.

PS: mentre affermo che e' incivile "piegare il braccio dietro la
schiena" cosa che oggi si sta faccendo "virtualmente parlando"
verso chi non vuole vaccinarsi, altrettanto affermo che nessuno
puo' sottrarsi al dovere di indossare la mascherina altruistica
quando le condizioni lo richiedono. E' una questione di misura
del danno altrui verso il diritto proprio. Portare la mascherina
e' un inconveniente minimo a confronto del danno potenziale
sanitario a cui si espone l'altra persona. Al contrario, la
vaccinazione potrebbe esporre ad un danno sanitario paragonabile
al rischio di esposizione dell'altra persona (che ovviamente
deve essere "non vaccinata" per essere a rischio della vita,
giusto ? ... e qui si solleva una delle contraddizione piu' grosse
di chi attacca i non vaccinati) e quindi cade ogni dovere, perche',
per un democratico libertario, non esiste che la salute altrui superi
il diritto alla salute di chi non e' d'accordo. Pensare altrimenti
configura di fatto un TSO. E il nazismo insegna cosa accade se si
ragiona in termini di TSO (e con questo credo di dare una valida
replica verso chi auspicherebbe l'obbligo della vaccinazione di questi
vaccini sperimentali).

Finisco osservando l'esterma incertezza imperante su cosa fare o
non fare, su cosa funziona o non funziona, e' motivo determinante
per invece pretendere che la questione venga dibattuta pubblicamente
tra esperti reputabili, in un confronto pacato ed esaustivo.
Stile "tribuna elettorale" degli anni '90, se volete.
E' solo cosi' che si impedisce che NoVax e altri complottisti
fanatici vadano a manipolare molte persone che chiedono in fondo
solo chiarezza.
Pigrotto
2021-11-14 19:02:23 UTC
Rispondi
Permalink
Post by Roberto Deboni DMIsr
Sbagliato! I giornali (se "di stampa" si tratta e non di documentari
a scopo di svago ... dichiarati per tali) *devono* riportare una
informazione completa per quanto di loro capacita'.
Devono? magari dovrebbero se fossero tutti intellettualmente onesti. Ma
poi chi giudica il loro intelletto e l'onestà? con quale unità di
misura? Capisci bene che sarebbe una censura peggiore di quella che
temi. E oggi questo determinerebbe la chiusura di una serie di testate
come La Verità, Il Giornale, Libero, diverse trasmissioni berlusconiane,
tutti i siti di disinformazione online, tutte le pseudo rassegne
presentate da un paio di imbecilli deliranti anche qui.
Capisci bene che il sistema migliore è lasciare scegliere te se fidarti
più di Mentana o Paragone, Belpietro o Lilli Gruber, Cacciari o Ufo come
si chiama... liberi tutti e anche tu di scegliere. Senza obbligare
nessuno, se non ad un minimo di codice deontologico professionale e al
rispetto delle leggi.
Post by Roberto Deboni DMIsr
e che dell'opinione dei singoli dipendenti (i giornalisti) ad un
pubblico evoluto non gliene frega meno che niente (e chi sarebbero
per meritare la ribalta ?).
Come sarebbe chi sarebbero? Cittadini che esercitano il diritto di
opinione innanzitutto, per professione tra l'altro. L'autorevolezza poi
la valuti tu, in base alle unità di misura.
Post by Roberto Deboni DMIsr
Mi riferisco all'evitare di mentire per
omissione,
...mentire, quando non è reato, è deplorevole comunque moralmente, ma
ognuno ha la sua morale, e poi mica vorrai sottoporre tutti alla
macchina della verità? che poi ti ripeto, vai a capire chi mente sapendo
di mentire o solo per incolpevole imbecillità.
Post by Roberto Deboni DMIsr
nel momento che si nasconde una informazione nota che puo'
stravolgere la notizia,
Ma ogni volta che dici una cosa, siccome non ne stai dicendo anche
un'altra, stai nascondendo una informazione! Vuoi forse negare la
libertà di parlare ciascuno come gli pare, rimarcando ciascuno quello
che ritiene più importante? E poi chi ha il diritto di imporre, per
dire, a Paragone, di rimarcare l'importanza dell'euro e dei vaccini?
Post by Roberto Deboni DMIsr
Io sono abituato alla stampa che, magari anche solo nell'ultime
due righe della notizia, riporta quanto dichiarato da chi ha un
altra versione della notizia,
Anche a me piace così, ma non oserei negare a Feltri, Belpietro,
Senaldi, Paragone, Bechis, Vespa, a nessuno, di dire solo quello che
vogliono. Poi ovviamente preferisco Mentana, Ranucci, Gabanelli, Floris,
Merlino e Tiziana Panella, ma anche Travaglio, Gomez, e quelli di
skytg24. Mi piace ascoltare tutti.
Post by Roberto Deboni DMIsr
almeno utile a ricordare al lettore che potrebbe esistere un
"altra verita'".
Questo io invece lo pretenderei dalla cronaca giudiziaria contro i
poveri cristi, perchè in genere vengono solo letti i comunicati delle
procure o peggio, delle forze dell'ordine, inaudita altera parte e
spesso persino sconosciuta. Ma non voglio digredire, perchè mi stanco
più facilmente ormai anche io.
Post by Roberto Deboni DMIsr
cosidetta "linea editoriale" debordata fuori dall'editoriale (che,
come la pubblicita' ha un suo riquadro specifico "advertisement",
ovvero "editorial" nella stampa NON italiana) e' uno dei residui
rimasti dall'era fascista in Italia.
Magari fosse rimasto solo questo, che non sarebbe ripeto un problema, e
comunque sarebbe meglio di qualsiasi altra soluzione.
Post by Roberto Deboni DMIsr
Oggi e' evidente che le somme sulle conseguenze del Covid-19 si
potranno tirare solo alla fine
Vedi? ti sei dimenticato di dire, oppure hai deliberatamente nascosto,
che è anche possibile fare un bilancio parziale, ad oggi, dei risultati.
:)
Post by Roberto Deboni DMIsr
se l'Italia
non e' piu' in testa alle classifiche negative e' solo perche' chi
doveva morire e' morto.
e ti sei dimenticato di dire, oppure hai deliberatamente nascosto, che è
anche possibile che le misure di contenimento abbiano funzionato (anche
perchè altrimenti non si spiega perchè dovevano morire soprattutto i
vecchietti delle zone epicentro del contagio e non anche gli altri nelle
zone bianche; o perchè oggi muoiano in percentuale meno vecchietti
vaccinati che vaccinati...).
Post by Roberto Deboni DMIsr
Da quello che sta accadendo in Germania e
altrove, pare che semplicemente chi i paesi che sono riusciti a
ritardare le ondate epidemiche hanno solo rinviato il destino di
quelli che ora stanno morendo. Magari anche lodevole, un anno di piu'
di vita,
E ti pare poco? vivere è appunto ritardare il destino che abbiamo tutti
segnato.
Post by Roberto Deboni DMIsr
ma dimostra che in realta' i vaccini "sperimentali" non
funzionano come abbiano imparato per altri vaccini "storici" (che invece
sono il risultato di una scelta "collaudata" in anni di varie versioni),
D'accordo (anche se non siamo d'accordo sul senso che dai al termine
"sperimentali"). Ma l'alternativa di non usare i vaccini disponibili è
parecchio più rischiosa.
Post by Roberto Deboni DMIsr
ovvero anche nei paesi che finora hanno evitato il peggio, questi
vaccini non sembrano riuscire ad evitare una moria dei predisposti
(vulnerabili, o se vuole "predestinati").
ti sei dimenticato di dire, oppure hai deliberatamente nascosto, che ci
sono anche dati diversi, che attestano un'efficacia rilevante anche sui
più vulnerabili, proprio contro il rischio morte. Poi decresce, poi
magari arrivano varianti più resistenti... ma intanto, il vulnerabile
vaccinato è meno vulnerabile, a parità di altre condizioni,
Post by Roberto Deboni DMIsr
Oggi ritengo che l'Italia
abbia dato fondo a questo "pool" di vulnerabili e quindi abbiamo solo
lo stillicidio di chi finora e' sfuggito e in massima parte di persone
anziane, ovvero che probabilmente morirebbero anche a causa di una
influenza.
ti sei dimenticato di dire, oppure hai deliberatamente nascosto, che è
anche possibile che ciò non sia vero.
Post by Roberto Deboni DMIsr
A proposito dell'impatto del vaccino, la replica piu' idiota dei zeloti
allineati con la linea governativa e' che se il numero di vaccinati
in rianimazione e' piu' alto del numero di non vaccinati e dovuto al
fatto che oggi in Italia la maggioranza schiacciante della popolazione
e' vaccinata, quindi per riportare le parole del tizio che ha sbattuto
la porta (virtuale, ha chiuso il video), affermando che tutti dovrebbero
tornare a scuola di statistica prima di rivolgergli la parola (o giu'
di li'), e' solo questione di statistica.
ti sei dimenticato di dire, oppure hai deliberatamente nascosto, che ci
sono esperti di biostatistica che hanno dimostrato come questi paradossi
siano paragonabili alle illusioni ottiche.
https://livefreeordichotomize.com/2021/07/21/denominators-matter/

Insomma, sui grandi numeri, la statistica rappresenta meglio la realtà
rispetto ai singoli casi e numeri assoluti.
Post by Roberto Deboni DMIsr
Peccato che questo significa che il vaccino non funzioni
"come dovrebbe". Infatti se funzionasse, di vaccinati (almeno quelli
da almeno un mese dopo la seconda dose) non dovrebbero esserci che
qualche raro caso statistico in ospedale.
Di nuovo d'accordo con te. Ma nel frattempo le alternative sono peggiori
e indebolire il messaggio sui vaccini può essere pericoloso. Poi viene
fatto anche questo, anche manifestando pubblicamente ed esagerando col
negazionismo e il complottismo. Ma capisci bene che non è un
atteggiamento pubblico da incoraggiare.
Post by Roberto Deboni DMIsr
lo Stato non vuole alcun contradditorio pacato e alla pari con
medici specializzati e scienziati, virologhi sulla questione
green-pass, vaccini e altro.
Lo Stato alla pari si confronta con altri Stati (di pari potenza).
Le decisioni sono peraltro prese proprio sentendo il comitato tecnico
scientifico, in cui sono mediate le posizioni dottrinali divergenti
della comunità scientifica. Non è che poi lo Stato possa anche dare
ascolto a posizioni minoritarie nella stessa comunità scientifica
confondendo l'univocità della linea da tenere. Dai.
Post by Roberto Deboni DMIsr
E questo e' ancora una volta la prova che lo Stato italiano si sta
muovendo con logiche fasciste, ovvero a difesa di posizioni
insostenibili in un contradditorio frontale alla pari.
Ma una volta decisa una strategia nazionale, non puoi tentennare.
Johnson nel Regno Unito perchè mai non dà anche ascolto alle altre
dottrine scientifiche peraltro maggioritarie? E Bolzonaro forse ha avuto
più successo di Biden o Xi Jin Ping?
Post by Roberto Deboni DMIsr
Come accaduto
fin dalla querele della pubblicazione del documento OMS con la tesi,
altrettanto insostenibile, che i documenti dell'OMS andrebbero scritti
a quattro mani
ti sei dimenticato di dire, oppure hai deliberatamente nascosto, che c'è
anche un'altra versione della vicenda che andrebbe comunque presa quanto
meno in considerazione. ;)
GMG
2021-11-15 08:07:37 UTC
Rispondi
Permalink
Post by Pigrotto
ti sei dimenticato di dire, oppure hai deliberatamente nascosto, che c'è
anche un'altra versione della vicenda che andrebbe comunque presa quanto
meno in considerazione. ;)
ho letto tutto il thread ma non ho visto il video linkato
per un semplice motivo:

io penso che Cacciari sia una affabulatore,
uno che ha scelto di vivere (nel senso proprio di guadagnarsi il pane)
giocando sulle "opposizioni" magari anche "dolci" ma sempre opposizioni,
uno strumentalizzatore e sfruttatore, seriale, di opinioni "a latere";

cioè penso che lui scientificamente abbia sempre questi atteggiamenti
perchè così si è ricavato una "nicchia" tutta sua, solo sua,
nell'opinionismo italiano, garantendosi un reddito a vita;

cioè, infine, uno dei tanti, senza capacità (o a capacità ridotta)
mediocre, ma furbo, un opportunista scaltro ma nulla più;

lo credo sovrastimato e sopravvalutato e questo "sopra"
è riuscito a crearselo artamente...

cioè lo penso come un menefreghista di successo!

oggi cavalca l'idea "a latere" di chi non vuole essere un
cinico e stupido no-vax ma nemmeno vuole assumersi la
responsabilità di un vaccino, cioè quelle persone che
potremmo chiamare ni-vax che magari si sono fatte il vaccino
solo perchè costrette e non hanno però intenzione di farsi ulteriori
dosi, oppure che non sposano le idee no-vax perchè le
vedono false e cretine (e troppo fasciste) ma nemmeno vuole
vaccinarsi;

questo ultimo gruppo di persone, cioè quelle che non si vogliono
vaccinarsi ma sono orripilate dalle idee no-vax, esistono e sono
in un certo numero;

secondo me Cacciari ed altri come lui, hanno studiato a tavolino
questo gruppo di persone ed hanno confezionato un bel "pacco"
di idee da rendere pubbliche per guadagnarci sopra
il proprio pane quotidiano...
Roberto Deboni DMIsr
2021-11-15 13:23:16 UTC
Rispondi
Permalink
Post by GMG
Post by Pigrotto
ti sei dimenticato di dire, oppure hai deliberatamente nascosto, che
c'è anche un'altra versione della vicenda che andrebbe comunque presa
quanto meno in considerazione. ;)
ho letto tutto il thread ma non ho visto il video linkato
io penso che Cacciari sia una affabulatore,
uno che ha scelto di vivere (nel senso proprio di guadagnarsi il pane)
giocando sulle "opposizioni" magari anche "dolci" ma sempre opposizioni,
Guardi che il sig.Cacciari e' il sindaco in carica a Venezia.
Quindi e' al "governo" e non all'opposizione.
Forse si riferisce alla sua storia giovanile (peraltro maturando
ha moderato le sue posizioni, diventando un vero democratico e
libertario, da estrema sinistra che era).
E' proprio perche' e' un sindaco di una grande citta e con alle
spalle un robusto consenso elettorale (altro che "opposizione")
che riesce a sgomitare a farsi qualche spazio nelle televisioni
nazionali.

8>< ----
LB
2021-11-15 14:30:14 UTC
Rispondi
Permalink
Post by Roberto Deboni DMIsr
Guardi che il sig.Cacciari e' il sindaco in carica a Venezia.
Quindi e' al "governo" e non all'opposizione.
Interessante
Roberto Deboni DMIsr
2021-11-15 15:45:42 UTC
Rispondi
Permalink
Post by LB
Post by Roberto Deboni DMIsr
Guardi che il sig.Cacciari e' il sindaco in carica a Venezia.
Quindi e' al "governo" e non all'opposizione.
Interessante
Ovviamente riferito localmente (direi che "verso" il governo
"nazionale", il sig.Cacciari e' all'opposizione sul tema del
"green-pass", ma non ho idea per il resto della politica
governativa).
Valerio Vanni
2021-11-15 15:54:45 UTC
Rispondi
Permalink
On Mon, 15 Nov 2021 16:45:42 +0100, Roberto Deboni DMIsr
Post by Roberto Deboni DMIsr
Post by LB
Post by Roberto Deboni DMIsr
Guardi che il sig.Cacciari e' il sindaco in carica a Venezia.
Quindi e' al "governo" e non all'opposizione.
Interessante
Ovviamente riferito localmente (direi che "verso" il governo
"nazionale",
Sembra riferito anche temporalmente, ma nel passato...
(leggo che non lo è più dal 2010)
--
Ci sono 10 tipi di persone al mondo: quelle che capiscono il sistema binario
e quelle che non lo capiscono.
Roberto Deboni DMIsr
2021-11-17 14:40:25 UTC
Rispondi
Permalink
Post by Valerio Vanni
On Mon, 15 Nov 2021 16:45:42 +0100, Roberto Deboni DMIsr
Post by Roberto Deboni DMIsr
Post by LB
Post by Roberto Deboni DMIsr
Guardi che il sig.Cacciari e' il sindaco in carica a Venezia.
Quindi e' al "governo" e non all'opposizione.
Interessante
Ovviamente riferito localmente (direi che "verso" il governo
"nazionale",
Sembra riferito anche temporalmente, ma nel passato...
(leggo che non lo è più dal 2010)
E' vero, mi era sfuggito che anche il secondo termine era finito.
Fox
2021-11-15 19:32:00 UTC
Rispondi
Permalink
Post by Roberto Deboni DMIsr
Post by GMG
Post by Pigrotto
ti sei dimenticato di dire, oppure hai deliberatamente nascosto, che c'è
anche un'altra versione della vicenda che andrebbe comunque presa quanto
meno in considerazione. ;)
ho letto tutto il thread ma non ho visto il video linkato
io penso che Cacciari sia una affabulatore,
uno che ha scelto di vivere (nel senso proprio di guadagnarsi il pane)
giocando sulle "opposizioni" magari anche "dolci" ma sempre opposizioni,
Guardi che il sig.Cacciari e' il sindaco in carica a Venezia.
Quindi e' al "governo" e non all'opposizione.
Forse si riferisce alla sua storia giovanile (peraltro maturando
ha moderato le sue posizioni, diventando un vero democratico e
libertario, da estrema sinistra che era).
E' proprio perche' e' un sindaco di una grande citta e con alle
spalle un robusto consenso elettorale (altro che "opposizione")
che riesce a sgomitare a farsi qualche spazio nelle televisioni
nazionali.
8>< ----
https://it.wikipedia.org/wiki/Sindaci_di_Venezia
--
__
A testa sotto
Roberto Deboni DMIsr
2021-11-17 14:41:07 UTC
Rispondi
Permalink
Post by Fox
Post by Roberto Deboni DMIsr
Post by GMG
Post by Pigrotto
ti sei dimenticato di dire, oppure hai deliberatamente nascosto, che
c'è anche un'altra versione della vicenda che andrebbe comunque
presa quanto meno in considerazione. ;)
ho letto tutto il thread ma non ho visto il video linkato
io penso che Cacciari sia una affabulatore,
uno che ha scelto di vivere (nel senso proprio di guadagnarsi il pane)
giocando sulle "opposizioni" magari anche "dolci" ma sempre opposizioni,
Guardi che il sig.Cacciari e' il sindaco in carica a Venezia.
Quindi e' al "governo" e non all'opposizione.
Forse si riferisce alla sua storia giovanile (peraltro maturando
ha moderato le sue posizioni, diventando un vero democratico e
libertario, da estrema sinistra che era).
E' proprio perche' e' un sindaco di una grande citta e con alle
spalle un robusto consenso elettorale (altro che "opposizione")
che riesce a sgomitare a farsi qualche spazio nelle televisioni
nazionali.
8>< ----
https://it.wikipedia.org/wiki/Sindaci_di_Venezia
Il mio orologio e' fermo al 2010 :-)

Pigrotto
2021-11-16 02:56:06 UTC
Rispondi
Permalink
Post by GMG
io penso che Cacciari sia una affabulatore,
uno che ha scelto di vivere (nel senso proprio di guadagnarsi il pane)
giocando sulle "opposizioni" magari anche "dolci" ma sempre opposizioni,
uno strumentalizzatore e sfruttatore, seriale, di opinioni "a latere";
cioè penso che lui scientificamente abbia sempre questi atteggiamenti
perchè così si è ricavato una "nicchia" tutta sua, solo sua,
nell'opinionismo italiano, garantendosi un reddito a vita;
Cacciari è un filosofo un po' più complicato di quello che sembra.
Lo seguo da anni perchè gli riconosco una profondità rara in tv e in
politica, dove cerca di dire delle cose che ovviamente in pochi
capiscono. E qui sotto provo a pescare solo alcuni degli spunti che sta
proponendo in questi ultimi mesi (ma sono cose che dice da anni) e i
riferimenti filosofici dei temi a cui fa troppo implicito riferimento.
Ma innanzitutto ti dico subito che secondo me Cacciari non si atteggia
affatto, ma è proprio così; con quel carattere notoriamente impaziente,
alla sua età e poi in questa situazione eccezionale, si sente
"ingabbiato" e si rifiuta di comprenderne le ragioni (di salute
pubblica). Il lockdown insomma lo ha fatto sbroccare del tutto e il
green pass lo sente come un pretestuoso tentativo di perpetuazione delle
restrizioni (in corso da anni).
Post by GMG
cioè, infine, uno dei tanti, senza capacità (o a capacità ridotta)
mediocre, ma furbo, un opportunista scaltro ma nulla più;
é un filosofo con un curriculum accademico tutt'altro che mediocre, con
diversi riconoscimenti internazionali fra premi, onorificenze e lauree
honoris causa.
Ma cosa dice?
Teme da anni il consolidarsi di uno "stato di eccezione" antidemocratico
(implicito riferimento al giurista tedesco Carl Schmitt) che dal crollo
delle torri gemelle, al terrorismo, alla crisi finanziaria prima,
dell'euro poi e ora con la pandemia... strumentalizza questi serissimi
problemi, elevandoli ogni volta ad emergenze, riducendo le libertà
democratiche e tessendo una rete, una gabbia d'acciaio tecnologica, che
sorveglia e punisce in modo oppressivo (altri riferimenti a Foucault, a
Weber, ma soprattutto alla questione tecnica di Heidegger).
Cacciari teme la deriva oppressiva verso il modello cinese, che in nome
della salute pubblica, impone tracciamenti e classificazioni di dati
biometrici, controlli facciali, o come in USA dove in nome
dell'antiterrorismo ormai si sorvegliano tutte le comunicazioni dei
cittadini e si sospende lo stato di diritto a Guantanamo.
Insomma teme -e non ha tutti i torti- lo svuotamento pretestuoso della
democrazia da sostanziale a meramente nominale, senza nemmeno discutere,
nell'insipienza della classe politica, in balia della tecnica, o della
medicina, peraltro strumenti comunque incerti rispetto ai problemi:
“Così non si fa che inseguire emergenza dopo emergenza, senza coscienza
della crisi, senza la precisa volontà di uscirne politicamente e
culturalmente” ... e “invece di un’informazione adeguata, si procede ad
allarmi e diktat, invece di chiedere consapevolezza e partecipazione si
produce un’inflazione di norme confuse, contraddittorie e spesso del
tutto impotenti”.

In questo scenario non banale di cui discute Cacciari, io invece temo
che l'informazione adeguata non possa essere di massa (la realtà
potrebbe non essere affatto rassicurante). E allora si naviga a vista,
tra comunicazione emotiva, allarmi e diktat, perchè... perchè molti di
noi non sarebbero in grado di capire altro.
E forse nemmeno lo stesso Cacciari riesce in questo casino a capire che
non ci si può affidare alla generosità del cittadino che vada a
vaccinarsi consapevole che il suo vaccino può fargli anche più male che
bene, forse nel singolo caso è inutile o magari anche dannoso, ma va
fatto perchè sui grandi numeri poi la comunità riesce invece a salvarsi.
Senza comunicazione emotiva, allarmi o diktat sparati nel mucchio, il
cittadino medio evade, obietta, diserta, si imbosca.
Continua a leggere su narkive:
Loading...