(troppo vecchio per rispondere)
Pubblicazione testamento.
Pino Vitucci
2006-09-23 07:25:03 UTC
Visto che non e' obbligatorio far pubblicare un testamento perche' lo si
fa pubblicare, qual'e' la differenza??
Quanto costa farlo pubblicare??
Grazie.
--
Pino ( vecchio e disincantato )

Parafrasando:
Noi vecchi diamo spesso saggi consigli perché non possiamo più dare il
cattivo esempio.
(G. Oddone)
Arnaldo
2006-09-23 08:34:06 UTC
Post by Pino Vitucci
Visto che non e' obbligatorio far pubblicare un testamento perche' lo si
fa pubblicare, qual'e' la differenza??
Quanto costa farlo pubblicare??
Grazie.
--
Pino ( vecchio e disincantato )
Noi vecchi diamo spesso saggi consigli perché non possiamo più dare il
cattivo esempio.
(G. Oddone)
magari a qualcuno piace rendere pubblico quanto sia stato grande nella vita
terrena
Scatenauto
2006-09-23 08:30:44 UTC
Post by Pino Vitucci
Visto che non e' obbligatorio far pubblicare un testamento perche' lo
si fa pubblicare, qual'e' la differenza??
Quanto costa farlo pubblicare??
A cosa ti riferisci esattamente?
La domanda posta potrebbe generare un equivoco poichè
esistono sia *il testamento pubblico*
http://www.iureconsult.com/consulenza_legale/testamento.htm

che la *pubblicazione di un testamento*
http://www.studiolegale-online.net/successioni_donazioni_10.php

e sono due cose diverse, ma con la lettura dei due link dovresti
avere un panorama un po' piu' chiaro.
--
Scatenauto
Nudhapol Asavabhakhin (massimo)
2006-09-23 08:39:44 UTC
Post by Arnaldo
magari a qualcuno piace rendere pubblico quanto sia stato grande
nella vita terrena
Ma vuoi mettere il colpo di scena con il testamento olografo che
salta fuori all'ultimo momento. Peccato non essere più presenti ;)
Ragnarok
2006-09-23 10:15:14 UTC
Post by Pino Vitucci
Visto che non e' obbligatorio far pubblicare un testamento perche' lo si
fa pubblicare, qual'e' la differenza??
Qual è senza apostrofo...
Con la pubblicazione lo rendi opponibile a chiunque.
Post by Pino Vitucci
Quanto costa farlo pubblicare??
Chiedi ad un notaio.
Pino Vitucci
2006-09-23 11:53:44 UTC
Post by Scatenauto
Post by Pino Vitucci
Visto che non e' obbligatorio far pubblicare un testamento perche' lo
si fa pubblicare, qual'e' la differenza??
Quanto costa farlo pubblicare??
A cosa ti riferisci esattamente?
La domanda posta potrebbe generare un equivoco poichè
esistono sia *il testamento pubblico*
http://www.iureconsult.com/consulenza_legale/testamento.htm
che la *pubblicazione di un testamento*
http://www.studiolegale-online.net/successioni_donazioni_10.php
e sono due cose diverse, ma con la lettura dei due link dovresti
avere un panorama un po' piu' chiaro.
Ti ringrazio, mi riferivo ad un testamento olografo che lascia tutto* ai
due unici eredi legittimi.
*Il tutto e' solo un conto corrente con meno di 30.000 euro.
Pertanto, considerando che i due eredi non hanno niente da obbiettare,
pensavo di non farlo pubblicare e risparmiare la quasi sicuramente
_salata_ parcella notarile.
Ma nel secondo link da te fornitomi leggo:
...Invero il testamento olografo deve essere presentato al notaio per la
pubblicazione;

Mi preoccupa quel DEVE, ma allora e' obbligatorio??
Se vuoi darmi ancora un consiglio te ne sarei grato.
--
Pino ( vecchio e disincantato )

Parafrasando:
Noi vecchi diamo spesso saggi consigli perché non possiamo più dare il
cattivo esempio.
(G. Oddone)
Pino Vitucci
2006-09-23 11:48:02 UTC
Post by Ragnarok
Post by Pino Vitucci
Visto che non e' obbligatorio far pubblicare un testamento perche' lo
si fa pubblicare, qual'e' la differenza??
Qual è senza apostrofo...
Grazie, e' stato un errore di stumpa.
Post by Ragnarok
Con la pubblicazione lo rendi opponibile a chiunque.
Allora e' meglio non farlo sapere in giro che esiste.
Post by Ragnarok
Post by Pino Vitucci
Quanto costa farlo pubblicare??
Chiedi ad un notaio.
Fatto, risposta:
Dipende, (ma senza spiegarmi da cosa dipende)
Speravo esistesse un link con le tariffe.
Ciao.
--
Pino ( vecchio e disincantato )

Parafrasando:
Noi vecchi diamo spesso saggi consigli perché non possiamo più dare il
cattivo esempio.
(G. Oddone)
abba
2006-09-23 14:45:54 UTC
Post by Pino Vitucci
...Invero il testamento olografo deve essere presentato al notaio per la
pubblicazione;
Mi preoccupa quel DEVE, ma allora e' obbligatorio??
certo, ma non lo deve presentare... il deceduto!
Ragnarok
2006-09-23 15:48:35 UTC
Post by Pino Vitucci
Post by Ragnarok
Con la pubblicazione lo rendi opponibile a chiunque.
Allora e' meglio non farlo sapere in giro che esiste.
Allora non lo puoi usare. Ma se non ce n'è bisogno xchè gli eredi sono
d'accordo...
Post by Pino Vitucci
Post by Ragnarok
Chiedi ad un notaio.
Dipende, (ma senza spiegarmi da cosa dipende)
Dal valore dei beni.
Non potevi chiedergli da cosa dipendeva?
Pino Vitucci
2006-09-23 16:07:55 UTC
L'ineffabile abba il 23/09/2006 16.45 ha scritto:
[...]
Post by abba
Post by Pino Vitucci
Mi preoccupa quel DEVE, ma allora e' obbligatorio??
certo, ma non lo deve presentare... il deceduto!
Scusa ma non l'ho capita :-(
--
Pino ( vecchio e disincantato )

Parafrasando:
Noi vecchi diamo spesso saggi consigli perché non possiamo più dare il
cattivo esempio.
(G. Oddone)
Pino Vitucci
2006-09-23 18:12:02 UTC
L'ineffabile Ragnarok il 23/09/2006 17.48 ha scritto:
[...]
Post by Ragnarok
Post by Pino Vitucci
Dipende, (ma senza spiegarmi da cosa dipende)
Dal valore dei beni.
Non potevi chiedergli da cosa dipendeva?
Nonostante la mia veneranda eta' era il mio primo incontro ravvicinato
del 2 tipo con un notaio, e quando ho formulato la "terribile" domanda:
Il costo??, mi ha gelato con uno sguardo modello:
"ma torna sotto i ponti, barbone" al che, mandandolo mentalmente a
***@are, ho salutato e sono uscito.
Spero che non siano tutti cosi' :-(
Ciao.
--
Pino ( vecchio e disincantato )

Parafrasando:
Noi vecchi diamo spesso saggi consigli perché non possiamo più dare il
cattivo esempio.
(G. Oddone)
Ragnarok
2006-09-23 20:22:17 UTC
Post by Pino Vitucci
Nonostante la mia veneranda eta' era il mio primo incontro ravvicinato
"ma torna sotto i ponti, barbone" al che, mandandolo mentalmente a
Cercane un altro...
abba
2006-09-23 22:07:16 UTC
Post by Pino Vitucci
[...]
Post by abba
Post by Pino Vitucci
Mi preoccupa quel DEVE, ma allora e' obbligatorio??
certo, ma non lo deve presentare... il deceduto!
Scusa ma non l'ho capita :-(
intendo dire che quest'obbligo non può gravare certo su chi è
defunto, ma su un *vivo*, infatti, grava su chiunque abbia interesse
alla pubblicazione del testamento.
abba
2006-09-23 22:16:32 UTC
Post by Pino Vitucci
Post by Scatenauto
Post by Pino Vitucci
Visto che non e' obbligatorio far pubblicare un testamento perche' lo
A cosa ti riferisci esattamente?
Ti ringrazio, mi riferivo ad un testamento olografo che lascia tutto* ai
due unici eredi legittimi.
*Il tutto e' solo un conto corrente con meno di 30.000 euro.
Se la situazione è questa, mi sembra molto semplice.

Se vuoi assegnare la "disponibile" in più (oltre la sua "quota di
legittima") ad uno dei due eredi legittimi, fai testamento.

Se non è questione di assegnare la "disponibile", non c'è bisogno
che fai testamento, perchè se non c'è testamento, il patrimonio
va (tutto) agli eredi legittimi secondo le quote previste dalla legge,
sic et simpliciter.
Post by Pino Vitucci
Pertanto, considerando che i due eredi non hanno niente da obbiettare,
pensavo di non farlo pubblicare e risparmiare la quasi sicuramente
_salata_ parcella notarile.
Infatti, non lo deve pubblicare chi fa il testamento (come ti dico
nell'altro post).
abba
2006-09-23 22:16:42 UTC
Post by Pino Vitucci
[...]
Post by Ragnarok
Post by Pino Vitucci
Dipende, (ma senza spiegarmi da cosa dipende)
Dal valore dei beni.
Spero che non siano tutti cosi' :-(
Forse non tutti, ma tre di sicuro (il tuo + i due che ho contattato io):

tempo fa, sono andato da un paio di notai per una consulenza su
una certa faccenda, e ne ho ricavato una pessima impressione:
hanno manifestato una fastidiosissima prosopopea, sprizzavano
disprezzo da tutti i pori, una definitiva indisponibilità, che in tutt'e
due gli incontri ha pesato come una cappa.

Devo aggiungere che entrambe le volte non mi è stato dato di
sapere in che termini stesse la faccenda per cui ero andato?
Pino Vitucci
2006-09-24 08:03:58 UTC
L'ineffabile abba il 24/09/2006 0.16 ha scritto:
[...]
Post by abba
Infatti, non lo deve pubblicare chi fa il testamento (come ti dico
nell'altro post).
Ora ho capito il qui,quo,qua :-D
Il testamento NON e' il mio, ma della sorella di mia moglie che e'
deceduta e' l'aveva lasciato in custodia a mia moglie.
Mia moglie e' al corrente del contenuto perche' era presente alla
stesura ed e' per questo che abbiamo avuto l'idea, visto la pochezza
della cifra e la "concordia" dell'altra sorella, di non pubblicarlo per
non avere altre spese.
Ciao.
--
Pino ( vecchio e disincantato )

Parafrasando:
Noi vecchi diamo spesso saggi consigli perché non possiamo più dare il
cattivo esempio.
(G. Oddone)
abba
2006-09-24 11:18:35 UTC
Post by Pino Vitucci
[...]
Post by abba
Infatti, non lo deve pubblicare chi fa il testamento (come ti dico
Il testamento NON e' il mio, ma della sorella di mia moglie che e'
deceduta e' l'aveva lasciato in custodia a mia moglie.
Mia moglie e' al corrente del contenuto perche' era presente alla
stesura ed e' per questo che abbiamo avuto l'idea, visto la pochezza
della cifra e la "concordia" dell'altra sorella, di non pubblicarlo per
non avere altre spese.
ASCOLTAMI BENE.

***Oggi*** la concordia c'è, ***domani*** potrebbe non esserci più,

per i più svariati motivi, che vanno dalle questioni di salute mentale
alle questioni più banali, capaci di ingenerare comunque controversie
le più feroci (così è la vita, purtroppo - lo sappiamo...) :-\

CONTINUA AD ASCOLTARMI BENE.

_Una cosa_ è che il testamento sia il *tuo*, cioè, sia nella tua
personale disposizione (= sia dipendente dalla volontà di te che
sei ancora vivo e in possesso delle tue facoltà fisiche e mentali),
_un'altra cosa_ è che il testamento sia (è) di una persona che non
c'è più (= non è più in possesso delle sue facoltà fisiche e mentali).

Ora, bisogna considerare che, nel caso della sorella defunta di tua moglie,
il testamento C'E' ------> e non solo, con esso, c'è l'espressione della
volontà di un defunto, volontà che quella è perchè un defunto non
la può cambiare (se mai avesse voluto, in vita, cambiarla...) ma, per
giunta, che c'è un testamento... si sa!!

Visto tutto quanto sopra, ti consiglio di farlo pubblicare comunque,
qualsiasi ne sia il contenuto, perchè millemila sono i possibili capi
di critica/accusa/lite che possono ingenerarsi dalla non pubblicazione
di un testamento che SI SA CHE C'E.

Per farla breve ;-)
sapendosi dell'esistenza di un testamento, se non venisse pubblicato,
chiunque, un domani, potrebbe dire che c'era un testamento, il quale
diceva così e cosà (anche se in realtà non dice(va) così e cosà, ma
figùrati...).

Invece, si pubblica, punto e basta.
Frègatene, delle spese, mi hai capito? (pardon: mi sono spiegato?).
E così dormi sonni tranquilli, per qualsiasi evenienza della vita.
Ragnarok
2006-09-24 11:49:19 UTC
Post by abba
Invece, si pubblica, punto e basta.
Frègatene, delle spese, mi hai capito? (pardon: mi sono spiegato?).
E così dormi sonni tranquilli, per qualsiasi evenienza della vita.
MA cosa stai dicendo?
abba
2006-09-24 11:49:41 UTC
Post by Ragnarok
Post by abba
Invece, si pubblica, punto e basta.
Frègatene, delle spese, mi hai capito? (pardon: mi sono spiegato?).
E così dormi sonni tranquilli, per qualsiasi evenienza della vita.
MA cosa stai dicendo?
Posso aiutarti?
(tu permetti, vero?)
Ragnarok
2006-09-24 13:46:56 UTC
Post by abba
Post by Ragnarok
MA cosa stai dicendo?
Posso aiutarti?
Si, puoi evitare di scrivere castronate.

Pagina Successiva >
Pagina 1 di 2