Discussione:
Dividere Italia come Cecoslovacchia
Aggiungi Risposta
Roberto Deboni DMIsr
2018-03-27 15:55:39 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
L'ultimo risultato elettorale mostra con evidenza che il volere
governare l'Italia come una unica nazione equivale a volere
quadrare un cerchio: non funziona!

L'Italia ha gravi problemi da affrontare, problemi per cui non
esistono soluzioni univoche. Esistono invece soluzioni piu'
"confacenti" localmente. Se la soluzione non e' "confacente"
ai cittadini, essi semplicemente la sabotano.

Lega Nord e M5S hanno una occasione unica, quella di portare ad
una suddivisione logica dell'Italia come chiaramente indicato
dai risultati elettorali, che evidenziano la richiesta di due
politiche incompatibili tra di loro. Nessuna delle due e'
migliore in assoluto, ma ognuna e' la preferita localmente.
E visto che non si fa nulla di costruttivo senza l'appoggio
della cittadinanza, e' saggio tenerne conto.

A suo tempo, l'unione italiana aveva senso, perche' altrimenti
le varie regioni (forse piu' il settentrione) sarebbero state
preda dei giochi di potere delle grosse nazioni europee e non.
Ma oggi, sotto l'ombrello della Unione Europea, non c'e' piu'
necessita'.

Quindi, logica vuole un governo transitorio che porti ad una
divisione tra Italia del Nord ed Italia del Sud, ambedue aderenti
all'Unione Europea. Il confine logico coincide con il Lazio da
un lato (con Roma capitale della macroregione meridionale) e
come capitale provvisoria della macroregione settentrionale
Milano.

Completate le formalita' si torna alla urne, per votare i due
parlamenti, ogni macroregione per se'.

Chi volesse farne una questione di soldi, ricordi che il contributo
della regione "ricca" verso la regione "povera" continua ancora,
solo che il passaggio non avviene piu' tramite la corruzione a
Roma, ma attraverso il canale degli aiuti europei. Insomma, i soldi
arrivano sempre, ma cambia chi stacca gli assegni e dubito che si
possa affermare che "bruxelles" sara' peggio di "roma".
dibball
2018-03-27 19:53:46 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
<L'Italia ha gravi problemi da affrontare, problemi per cui non
<esistono soluzioni univoche.

i tuoi suggerimenti sono validi, ma la mafia ha metodi più convincenti dei
tuoi, e più amici a Rom con cui intavolare trattative.
carletto
2018-03-28 00:08:58 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Post by dibball
i tuoi suggerimenti sono validi, ma la mafia ha metodi più convincenti dei
tuoi, e più amici a Rom con cui intavolare trattative.
Se Palermo piange, a Milano resta poco da ridere.
A Roma invece se ride sempre, tanto tutti devono passa' da li'...

carletto
GMG
2018-03-28 09:35:37 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Post by Roberto Deboni DMIsr
L'ultimo risultato elettorale mostra con evidenza che il volere
governare l'Italia come una unica nazione equivale a volere
quadrare un cerchio: non funziona!
L'ultimo risultato elettorale dimostra che meno del
30% degli italiani forse appoggerebbe il mov5palle

(attenzione sto parlando di italiani e non solo
di chi è andata a votare)

e meno del 15 percento forse appoggerebbe la Lega

lei continua a fare i conti con il numero dei voti
e dei votanti e continua a dimenticarsi che ci sono
anche altri italiani che non hanno votato...

lo so benissimo che anche i politici fanno gli stessi suoi
ragionamenti ma è ovvio ! a nessun politico conviene
dire: rappresento circa il 30% degli italiani forse meno

se si andasse a votare fra sei mesi ci sarebbero nuovi
giovani che avrebbero il diritto al voto e diversi
anziani che non voterebbero più (per morte, vecchiaia eccetera)
e ci sarebbe anche il "partito dei non votanti"
che da solo è un 27% !!!! !!!!

in più non penso proprio che gli Italiani del Sud appoggerebbero
il Mov5palle in una iniziativa del genere
che potrebbe rivelarsi un boomerang come lo fu il
referendum per Renzi...

come mi sembra di aver letto anche il berlusconi ha espresso
un concetto simile... "il mov5palle e la Lega non hanno preso
il 53% dei voti o più" ... ergo... direi che al massimo
potranno governicchiare malamente per qualche tempo
prima della inevitabile rovina...

altro che modifiche alla Costituzione ed alla conformazione
dello Stato come propone lei !!!

ma non è che voi elettori del mov5palle vi siete un pelino gasati!?
carletto
2018-03-28 19:01:01 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Post by GMG
e ci sarebbe anche il "partito dei non votanti"
che da solo è un 27% !!!! !!!!
Possono essere pure il 90%.
Quelli che NON vanno a votare, e contemporaneamente NON si prendono la briga
alzare il culo e farsi un partito che li rappresenti adeguatamente (visto
che evidentemente fanno "tutti schifo"), e magari rompono pure i coglioni e
si lamentano, non contano un grammo piu' di niente, e possono benissimo
andare a Fare In Culo per direttissima, che nessuno ne sentira' la mancanza.

carletto
GMG
2018-04-03 06:05:39 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Post by carletto
Post by GMG
e ci sarebbe anche il "partito dei non votanti"
che da solo è un 27% !!!! !!!!
Possono essere pure il 90%.
Quelli che NON vanno a votare, e contemporaneamente NON si prendono la briga
alzare il culo e farsi un partito che li rappresenti adeguatamente (visto
che evidentemente fanno "tutti schifo"), e magari rompono pure i coglioni e
si lamentano, non contano un grammo piu' di niente, e possono benissimo
andare a Fare In Culo per direttissima, che nessuno ne sentira' la mancanza.
carletto
Tutto apparentemente corretto ma se gli proponessero qualcosa
che non gli piace magari farebbero una scelta ed andrebbero a votare
cambiando quindi, con il loro 25%, tutto quanto...
del resto proprio il Mov5palle e la Lega hanno potuto contare su una
parte di persone che NON avevano votato nella elezione precedente
e che invece stavolta hanno fatto una scelta...
carletto
2018-04-03 12:43:39 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Post by GMG
Tutto apparentemente corretto ma se gli proponessero qualcosa
che non gli piace magari farebbero una scelta ed andrebbero a votare
cambiando quindi, con il loro 25%, tutto quanto...
del resto proprio il Mov5palle e la Lega hanno potuto contare su una
parte di persone che NON avevano votato nella elezione precedente
e che invece stavolta hanno fatto una scelta...
L'elettore DEVE essere responsabilizzato, fino all'ultimo.
Per questo sostengo da sempre una legge elettorale doppio turno con
ballottaggio.
Tutto il resto sono porcate, e il disinteresse e il piovegovernoladro
diffuso la naturale conseguenza.

carletto
Pinco Panco
2018-04-03 13:33:21 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Post by carletto
L'elettore DEVE essere responsabilizzato, fino all'ultimo.
O bella, e perche' non si responsabilizzano i politici, che se hanno
ricevuto un mandato minoritario, negozino e si coalizzino, come si
faceva nella prima repubblica che, nella sua incarnazione
pretangentopolitana, non era affatto male.
Post by carletto
Per questo sostengo da sempre una legge elettorale doppio turno con
ballottaggio.
Io invece sono stato sempre contrario all'uninominale secco (dove
paradossalmente se in tutti i collegi i risultati fossero A 34% B 33%
C 33% il partito A avrebbe TUTTI i seggi contro il 66% dei votanti !), e
per un proporzionale "stretto" (senza artifici sui seggi) con
sbarramento. E poi negozino e si alleino.

In caso di ballottaggio tripolare-con-frange come nella situazione
attuale, spesso entrambe le alternative qualificate prima e seconda al
primo turno potrebbero essere del tutto indigeribili a molti elettori
(non solo quelli che votano per le frange)
carletto
2018-04-03 18:35:39 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Post by Pinco Panco
O bella, e perche' non si responsabilizzano i politici, che se hanno
ricevuto un mandato minoritario, negozino e si coalizzino,
Io invce auspicherei che tornino a fare il lavoro che facevano prima.
Altro che negoziare e coalizzare...
La politica professionale e' il MALE primario.
Il politico e' un rappresentante, non un tecnico o uno scienziato.
In quanto tale, piu' spesso si cambia meglio e'.
La sua professionalizzazione non e' un valore aggiunto: al contrario e' il
fianco debole a favore di distorsioni, clientelismo e corruzione.
Post by Pinco Panco
faceva nella prima repubblica che, nella sua incarnazione
pretangentopolitana, non era affatto male.
Eh beh, occhio che non vedeva, cuore che non doleva...
Post by Pinco Panco
Io invece sono stato sempre contrario all'uninominale secco (dove
paradossalmente se in tutti i collegi i risultati fossero A 34% B 33% C
33% il partito A avrebbe TUTTI i seggi contro il 66% dei votanti !)
Ma con un ballottaggio finale rimetti in gioco la volonta' di TUTTI gli
elettori.
Chi si astiene si fotte, ovviamente.
Post by Pinco Panco
E poi negozino e si alleino.
Aridaje...
Post by Pinco Panco
In caso di ballottaggio tripolare-con-frange come nella situazione
attuale, spesso entrambe le alternative qualificate prima e seconda al
primo turno potrebbero essere del tutto indigeribili a molti elettori (non
solo quelli che votano per le frange)
Pazienza. Al turno successivo digeriranno.
Per questo esiste l'alternanza.
Ma quella vera pero', non quella di facciata, come negli ultimi decenni.

carletto
Roberto Deboni DMIsr
2018-04-08 15:35:13 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Post by GMG
Post by Roberto Deboni DMIsr
L'ultimo risultato elettorale mostra con evidenza che il volere
governare l'Italia come una unica nazione equivale a volere
quadrare un cerchio: non funziona!
L'ultimo risultato elettorale dimostra che meno del
30% degli italiani forse appoggerebbe il mov5palle
"gli italiani" non ha significato

Se lei intende "elettori italiani" (che include anche un
considerevole numero di ex-italiani - estero - che votano
sulle base di ricordi e sensazioni del tempo che fu ...),
posso concordare.
Post by GMG
(attenzione sto parlando di italiani e non solo
di chi è andata a votare)
e meno del 15 percento forse appoggerebbe la Lega
Vedi sopra. Aggiungo che dopo lo split, secondo me, molti
smetterebbero di votare LN, perche' il loro sostegno e'
sempre stato funzionale ad votare l'unico partito che
qualche vaga promessa di "splitting" l'aveva fatta.
Nel nord tanti hanno tappato il naso della puzza di
fascismo della LN, perche', stranamente, la sinistra
italiana della "autodeterminazione dei cittadini", in
Italia non ha mai saputo esprimere nulla in tale
senso (il classico ragionamento del fare la predica
oltre confine, ma chiudere gli occhi in casa).
Post by GMG
lei continua a fare i conti con il numero dei voti
e dei votanti e continua a dimenticarsi che ci sono
anche altri italiani che non hanno votato...
Io non ho votato.
Per la prima volta in assoluto nella mia vita.
Eppure ho scritto quello che ho scritto.
Posso quindi affermare che tra gli "elettori" sicuramente
c'e' chi non e' andato a votare per l'evidente inutilita'
di un voto, se come nel presente caso, non si traggono
le consegenze logiche ?

La questione naturalmente e' determinare quanti di coloro
che non hanno votato concordano ?
Mi sembra che un referendum sulla materia sarebbe risolutivo.
Si voterebbe solo su un quesito, semplice e nel contempo
determinante, risolutivo.
Post by GMG
lo so benissimo che anche i politici fanno gli stessi suoi
ragionamenti ma è ovvio ! a nessun politico conviene
dire: rappresento circa il 30% degli italiani forse meno
Nome e cognome, please.
A me risulta invece che NESSUN politico ha proposto uno
"split" (confine tra Toscana e Lazio).

Se si vuole a tutti i costi salvare le vuote apparenze,
almeno si costituisca una federazione con due "laender"
macroregionali (nord e sud) con forte autonomia amministrativa
e giuridica. Tutto quello che si vuole, pur di non insistere
con l'idiozia di trovare un accordo tra chi vuole la flax tax
e chi l'assegno di cittadinanza. Tra chi vuole riformare la
Fornero e chi vuole mantenere baby pensioni e vitalizi. etc ...
I compromessi all'italiana hanno portato il paese nel attuale
totale sfacelo economico. O si smette, o si conclude con una
guerra civile e/o una dittatura conclamata. Il dubbio sarebbe
solo sui tempi (10 anni ? 20 anni ? ma la conclusione, se non
si esce in modo costruttivo dalla paralisi, e' quella).
Post by GMG
se si andasse a votare fra sei mesi ci sarebbero nuovi
giovani che avrebbero il diritto al voto e diversi
anziani che non voterebbero più (per morte, vecchiaia eccetera)
e ci sarebbe anche il "partito dei non votanti"
che da solo è un 27% !!!! !!!!
Pare che questo andrebbe a favorire M5S ...
Post by GMG
in più non penso proprio che gli Italiani del Sud appoggerebbero
il Mov5palle in una iniziativa del genere
che potrebbe rivelarsi un boomerang come lo fu il
referendum per Renzi...
Il M5S ha i numeri per impedire alla RAI una propaganda denigrativa.
Conviene al meridione, conviene al settentrione.
Non conviene ai latifondisti, ai caporali, ai mafiosi.PS:
Se questo viene raccontato come dovrebbe essere, i suoi timori
sfumano. Il flusso di soldi che parte da Roma per il meridione non
serve a creare futuro per i giovani ed i merdionali, ma per
soggiogarli.
Dirottare il flusso a Bruxelles, significa:
a) ridurre la capacita' di controllo del "potere" sui meridionali
b) dividerebbe il carico del costo dello sviluppo del meridione
su tutta l'Europa

Gia', i primi ad opporsi, se competesse a loro di decidere, sulla
divisione dell'Italia, sarebbero, ad esempio, proprio i tedeschi.
Ad esempio. Qualcosa significhera'. E spiega la loro posizione
ambigua sulla Catalogna.

...snip...
Post by GMG
ma non è che voi elettori del mov5palle vi siete un pelino gasati!?
Lei continua ad imputare tesi ed opinioni sull'interlocutore per poi
ricamarci le sue facili repliche. In questo caso, che avrei votato.
PS: se proprio vuole schedarmi, guardi quale partito ha invitato
al non voto.
Franz
2018-03-28 10:01:02 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Io invece penso che Bruxelles sia ancora peggio di Roma. E sono veneto,
di lontana origine bavarese.

Franz
Erasmo da Rotterdam
2018-03-30 09:35:34 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Roberto Deboni DMIsr <***@analisienergie.it> ha scritto:

Già il titolo è una stronzata, visto che la Cecoslovacchia era formata da
R. Ceca e Slovacchia, mentre l'Italia non è ITA + LIA.

Per il resto, seghe mentali e nient'altro.
E OT.
Lex Tutor
2018-03-31 14:49:40 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Post by Erasmo da Rotterdam
Già il titolo è una stronzata, visto che la Cecoslovacchia era formata da
R. Ceca e Slovacchia, mentre l'Italia non è ITA + LIA.
L'itaGlia attuale è *Padania*+*Terronia*, il tutto col nome scelto dal
sogno di pochi pazzi detti "carbonari" o "patrioti", che hanno giocato
a Risiko nell'800 con 20.000.000 di contadini ignoranti ed analfabeti.
Post by Erasmo da Rotterdam
Per il resto, seghe mentali e nient'altro.
Lo diceva anche Klemens von Metternich...
--
Lex Tutor
L'Asilo Infantile di Bofhland® è un argomento che sarà oggetto
di un libro di prossima pubblicazione, quindi sto discutendo
di una questione che mi interessa per finalità di ricerca
Roberto Deboni DMIsr
2018-04-08 15:54:09 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Post by Erasmo da Rotterdam
Già il titolo è una stronzata, visto che la Cecoslovacchia era formata da
R. Ceca e Slovacchia, mentre l'Italia non è ITA + LIA.
Eppure c'e' da sempre una Italia che non si riconosce
in alcun modo nella immagine dell'italiano medio
tipico nel mondo ed anche in Italia, fatta di tarantelle,
pizza, o sole mio, i personaggi perfettamente dipinti dagli
"emigrantis" e giu' fino alla mafia, anzi le "mafie".
Non e' tutto da buttare, c'e' anche una immagine
umanistica ed artistica, che trova apprezzatori a chi
piace.

E' una Italia che fa da sempre una vita da formica, che
ritiene che nulla e' dovuto, che l'impegno, il duro lavoro,
e la reputazione (quella concreta, non di facciata), siano
le basi della propria vita. Non e' tutto oro, ha anche essa
i suoi "mali", come la deviazione espressa nella Repubblica
di Salo'. E non e' una Italia "minimale", ma con una sua
notevole rappresentanza anche numerica oltre che economica.
Questa parte dell'Italia si sente sempre, ed e' stata umiliata
quando all'estero veniva classificata come di cicale
irresponsabili, incapaci di serieta' e di competenze tecniche.
Questa parte dell'Italia non se ne fa niente dell'arte, ma
chiede di essere apprezzata per i suoi macchinari, per le
sofisticate apparecchiature elettroniche, per le sue capacita'
cotruttive edili e di grandi opere (senza usare "tecnici"
esteri, progettisti di fama "stranieri", etc).

E dato che esiste una significativa distinta distribuzione
territoriale tra queste due culture, ne viene che da sempre
ci sono due Italie, con quella piu' "esuberante" ed
"estroversa", ad avere dato l'immagine in tutto il mondo.
A scapito dell'altra Italia, che deve duramente difendere la
propria reputazione, facile bersaglio dei solazzi dei colleghi
stranieri.
Rododendro_Talmone
2018-04-08 17:27:27 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Post by Roberto Deboni DMIsr
Post by Erasmo da Rotterdam
Già il titolo è una stronzata, visto che la Cecoslovacchia era formata da
R. Ceca e Slovacchia, mentre l'Italia non è ITA + LIA.
Eppure c'e' da sempre una Italia che non si riconosce
in alcun modo nella immagine dell'italiano medio
tipico nel mondo ed anche in Italia, fatta di tarantelle,
pizza, o sole mio, [...]
Quelli rientrano negli appellativi che vengono appioppati ad un popolo da
parte degli altri paesi, al pari del "mangiatori di patate" che in Italia si
usa per i tedeschi, o "mangiatori di lumache" per i francesi, e ogni altro
popolo ha il suo, quasi mai usato con acredine, ma solo per determinate
caratteristiche, qualora risultino estranee a chi crea la denominazione.
Se si dovesse badare a queste cose, allora in America tutti farebbero
continuamente barbeque bevendo ettolitri di cocacola e Bud, i russi il bagno
nella vodka, i francesi si nutrirebbero esclusivamente di baguette, zuppa di
cipolle e lumache, gli ungheresi camperebbero di solo gulash e gli inglesi
non berrebbero altro che te, rigorosamente alle 5 del pomeriggio nutrendosi
solo di porridge.
Lo sa che sono pochi i greci che sanno ballare il sirtaki, e forse ancora
meno solo gli austriaci che ballano il valzer? Eppure....
Non credo proprio che esista quindi "una Italia che non si riconosce", ma
semplicemente non credo esista una parte dell'Italia che vi si riconosca.
Loading...